SPORT
I Revs devastati dopo la quinta finale persa
Scritto il 2014-12-08 da Arnaldo Selmosson su MLS

Per la quinta volta su cinque il New England Revolution esce sconfitto da una finale di MLS Cup. Un record, negativo purtroppo.

Un match quello di ieri sera sin troppo familiare per il modo in cui si è svolto, con i Revs bravi a recuperare il risultato nel finale, per poi vedersi batutti dal gol nel finale di Robbie Keane, non per niente nominato MLS MVP 2014, della stagione come della finale.

E quindi, ancora una volta, niente trofeo e noiente celebrazione, ma solo frustazione e sofferenza, specie per il coach Jay Heaps, Andy Dorman e Shalrie Joseph, tutti in campo nelle sconfitte precedenti, ma anche per tutti quelli alla prima esperienza di una finale persa.

Mentirei se non dicessi che sono devastato,” ha detto il portiere Bobby Shuttleworth. “Penso che questa squadra sia cresciuta tantissimo, specie nel finale di stagione. Lo spogliatoio è molto unito, e molti di noi sono amici. Fa male ora. Abbiamo avuto un ottimo anno, ma è difficile pensarci ora”.

Stesso feeling per Teal Bunbury, risorto quest'anno dopo alcune stagioni difficili che lo hanno portato a lasciare lo Sporting KC dopo la vittoria in MLS Cup 2013: “E' davvero devastante, ci dispiace per tutti i tifosi le nostre famiglie, per tutte le persone che ci hanno supportato per tutta la stagione, ma devono anche essere orgogliosi. Abbiamo dato tutto”.

Ma, come sempre nello sport, basta un momento a cambiare una stagiome. Pochi secondi dopo il pari di Chris Tierney è stato proprio Bunbury a sfiorare il gol vittoria con un tiro cross che ha battuto Jaime Penedo per poi piantarsi sulla traversa.

Siamo stati sfortunati in quel momento. Speravo la fortuna ci aiutasse almeno lì", ha ammesso coach Heaps. "Vorrei fosse entrata, era così vicina", a aggiunto l'abbattuto Bunbury.

Sfortunatamente per il Revolution, il tentativo di Bunbury è rimasto l'ultima occasione di prendersi la MLS Cup, visto che poco dopo ci ha pensato Robbie Keane a regalare la coppa ai Galaxy, lasciando ancora una volta il New England a mani vuote.

Penso che abbiamo giocato bene, al loro stesso livello. Forse non abbiamo avuto lo stesso numero di ripartenze, ma abbiamo tenuto il pallone. Ci siamo mossi bene, ma alla fine c'è uno come Robbie Keane, MVP, una leggenda, e lui ti fa queste cose”.

Tra gli elementi positivi per i Revs quello di un gruppo giovane - il solo Bunbury e Dorman avevano esperienza in una MLS Cup (contro i 7 su 11 nei LAG) - che può solo crescere a fianco di veterani come Jermaine Jones e Lee Nguyen. Un gruppo con ragazzi come il terzino Andy farrell, il laterale Chris Tierney, l'attaccante Patrick Mullins, che, se confermato e rinforzato, sarà certamente tra i favoriti per il 2015.

Penso che la cosa più grande sarà usare questa sconfitta come motivazione. Dobbiamo vincere il Supporters’ Shield e giocare la finale in casa. Dobbiamo prendere il positivo e portarcelo nella prossima stagione", ha spiegato Shuttleworth, che forse non ricorda di come i Revs persero proprio nel loro stadio la finale del 2002, e sempre contro i LA Galaxy ai supplementari.

Non posso dire che i galaxy abbiano più qualità. Non è che ci abbiano bloccati. Spero che tutti si rimettano in forma e tornino concentrati nel 2015", ha aggiunto Jermaine Jones. “Penso che il punto sia davvero rimanere concentrati, allora puoi davvero giocartela con chiunque in questa lega”.

"Le cose vanno così. Ci riproveremo, e voglio riportare tutti questi ragazzi qui. Questo è tutto", ha chiosato Heaps. “Siamo una squadra giovane, e ora abbiamo molti ragazzi con alle spalle l'esperienza di una finale. Avremo quindi giocatori che ci sono già passati, e dovremo puntare sulla loro esperienza per tornare a giocarcela".

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT