SPORT
MLS Playoff, a East la lotta è fra NY Red Bulls e Revs
Scritto il 2014-11-23 da Franco Spicciariello su MLS

New York ha arriva alle finali di Conference con tra le sue file, oltre a Thierry Henry, il capocannoniere della stagione. Ma nessuna squadra ha segnato quanto il New England Revolution in questi playoff, e ai NYRB mancerà Roy Miller, il loro difensore più forte. Vero però che i Revs non vincono fuori casa da 11 partite. E allora le premesse di un doppio confronto con tanti gol ci sono tutte.

Le stelle più attese sono certamente Lee Nguyen, ex promessa del PSV Eindhoven e della Nazionale USA, risorto sino al punto di essere richiamato da Jurgen Klinsmann dopo anni di assenza, mentre dall'altra parte Bradley Wright-Phillips vorrà aggiungere altri gol ai 27 segnati in regular season, anche per far pentire qualcuno di non averlo inserito tra i finalisti per il premio MLS MVP.

La pressione è tanta. I Revs - trasformati dall'arrivo a settembre del centrocampista ex Schalke 04 e nazionale USA Jermaine Jones , oltre che ben messi in campo da coach Jay Heaps - mancano dalle alte sfere da anni, e nella loro storia hanno perso ben 4 finali di MLS Cup senza mai vincerne una. "La pressione dobbiamo porla noi agli avversari", ha detto l'attaccante del New England Teal Bunbury al sito della MLS. "Se li pressiamo in difesa potremmo spingerli all'errore". L'assenza di Miller, squalificato dopo la doppia ammonizione subita contro il DC United, si farà sentire infatti per NY.

Per i Red Bulls anche non sarà facile, con tanti fattori in gioco. Il team di Mike Petke, a parte il Supporters Shield 2013, è arrivato solo una volta in finale di MLS Cup, perdendo malamente contro Columbus. Quella di stasera (diretta h 19 su Fox Sports Italia) sarà inoltre una delle ultime per il campione del mondo 1998 Thierry Henry (il più presente insieme a Miller quest'anno) con la maglia dei Red Bulls. per lui infatti è pronto un posto nei ranghi dell'Arsenal.

"E' un problema grosso", spiega Henry. "[Miller] non è il tipo di giocatore che vuoi perdere per un match così. Quest'anno è stato grande per noi".

Petke dovrebbe sostituire l'esperto Miller col 23enne camerunense Ambroise Oyongo, in campo 16 volte quest'anno (11 da titolare) e non sempre in maniera brillante (si ricordi la debacle in US Open Cup contro i NY Cosmos). ma Petke non è d'accordo. "Abbiamo un giovane come Oyongo che ha provato di essere pronto e capace di giocare in quella posizione. Quindi siamo a posto". Pretattica.

Ma l'assenza di Miller è certamente tra i fattori che possino consentire a New England di tornare a vincere a NY, dove non escono vittoriosi da 14 luglio 2007, quando all'epoca i Red Bulls ancora gicavano al vecchio Giants Stadium.

"[La Red Bull Arena] non è un posto facile da cui uscire con un buon risultato, ma è un confronto andata e ritorno, e se andiamo a New York dobbiamo tornare con qualcosa. Vittoria o pareggio, sapendo che ci sarà un altro match", spiega l'attaccante ex Sochaux e Nazionale USA Charlie Davies, anche lui risorto tecnicamente dopo un terribile incidente d'auto nel 2009 che ha posto a rischio la sua vita e ne ha comunque compromesso la carriera quando sembrava pronto al salto verso grandi mete. Davies ha già segnato due gol in questi playoff, ha anche insaccato l'unico gol dei Revs contro NY quest'anno, contro i quattro dei Red Bulls (tre di Wright-Phillips).

Le due squadre si scontrano per la prima volta dal 2007 nei playoff (da dove i Revs mancavano da sei stagioni), e New England ha sempre superato New York nei tre scontri precedenti. Il ritorno si giocherà al Gillette Stadium di foxboro (NE) il prossimo sabato 29 novembre.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT