SPORT
Hannover, Cherundolo saluta il calcio. "Danke, Captain!"
Scritto il 2014-08-11 da Franco Spicciariello su Nazionale USA

La Bild lo ha salutato così: "Danke, Captain!". Un titolo semplice, ma che fa capire il rispetto che il terzino american Steven Cherundolo si è conquistato nei 15 passati all'Hannover '96, in Bundesliga, antesignano di tanti suoi connazionali sbarcati in questi annin Europa.

La carriera di Cherundolo si è infatti chiusa ieri con un match tra vecchie glorie e poi con 4' in campo per il suo ultimo "vero" match, un'amichevole tra Hannover '96 e la SS Lazio di Miro Klose, anche lui festeggiatissimo quale fresco campione del mondo.

Arrivato ad Hannover nel gennaio 1999, Cherundolo non ha mai cambiato squadra, collezionando 454 presenze con il club, che gli permettono di essere il giocatore con più presenze in Bundesliga nella storia della società  di cui è il capitano dal 2010. Formatosi alla University of Portland, probabilmente nessuno pensava cosa sarebbe diventato per l'Hannover '96 quel ragazzo che nel  gennaio 1999 è apparso timidamente sui campi di allenamento del club della Bassa Sassonia, al punto di finire soprannominato il "sindaco di Hannover". Al suo arrivo faceva freddo ed era difficile farsi capire. "All'interno del team l'inglese era poco parlato". per capire quanta acqua sia passata sotto i ponti da llora, si pensi che l'attuale preparatore dei portieri  dell'Hannover Jörg Sievers, l'allenatore del Wolfsburg Dieter Hecking e l'ex Amburgo Bastian Reinhardt, sono stati tutti suoi compagni di squadra.

Il debutto tedesco per lui arriva il 21 febbraio 1999 con l'Hannover II (in Germania ci sono le "seconde squadre"), vittoria 1-0 a Uerdingen. L'esordio in Bundesliga è invece di tre anni più tardi, sotto la guida di Ralf Rangnick, una sconfitta 1-2 contro l'Amburgo. Da allora diventa un titolare inamovibile dell'Hannover, posizionandosi come uno dei terzini più continui del campionato tedesco, ed entrando nel cuore dei tifosi locali per l'ardore e l'impegno messo in ogni partita, oltre alla fedeltà di 15 anni spesi con la stessa maglia.

Sempre nel 2002 arriva anche la chiamata di Bruce Arena, che lo fa debuttare il ​27 marzo 2002 a Rostock contro la Germania allora guidata da Rudi Völler, trovandosi contro gente come  Oliver Bierhoff e Oliver Neuville.

Di quella Nazionale diventa poi capitano con Jurgen Klinsmann CT Cherundolo ha giocato in sei partite di qualificazione mondiale nel girone di semifinale, venendo poi frenato dall'infortunio che lo ha portato ad annunciare il ritiro lo scorso marzo. "Purtroppo, il mio ginocchio non ce la fa più", spiegò il 35enne, reduce da tre interventi chirurgici che non hanno però risolto il problema, costringendolo a lasciare dopo 87 match giocati per gli USA senza poter vedersi avverare il sogno di giocare il suo quarto mondiale dopo quelli del 2002 (Giappone/Corea del Sud) - dove venne chiamato all'ultimo per sostituire l'infortunato Chris Armas - 2006 (Germania) e 2010 (Sudafrica).

Proprio in Sudafrica forse gli americani - che non lo hanno mai potuto ammirare in MLS - impararono ad apprezzarne volontà e tecnica quando nel match d'apertura pareggiato contro l'Inghilterra il CT Fabio Capello fu costretto a sostituire James Milner, che sulla fascia era stato surclassato tutto il tempo da parte di Cherundolo. Una partita che insieme alla sua carriera in germania incornicia Cherundolo quale miglior terzino della storia del calcio made in USA. Mancherà a tutti.

[​IMG]

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT