SPORT
USA vs Portogallo 2-2. Americani ripresi al 95'
Scritto il 2014-06-23 da SoccerItalia su Nazionale USA

La squadra di Bento segna subito con Nani, poi si spegne e rischia. Gli americani assaporano la qualificazione: non bastano i gol di Jones-Dempsey. CR7 dà a Varela l’assist per il 2-2 con gli Usa al 95’. Se Klinsmann fa pari coi tedeschi, Cristiano è fuori. 

Come un incontro di Rocky Balboa. Botte da orbi dall’inizio alla fine. E Ronaldo ha ancora il suo ginocchio di cristallo dentro il Mondiale. Sull’orlo del baratro, ma chissà. Il Portogallo ha ancora una
speranza. Flebile ma c’è. E alla fine deve ringraziare proprio il suo fenomeno a mezzo servizio. Perché è lui che regala a Varela il cross assist all’ultimissimo respiro, alla fine dei 5 minuti supplementari.

Stati Uniti beffati, sì, ma non si può certo parlare di furto. È stata una partita spettacolare, un avanti e indietro con poche pause alla faccia del caldo di Manaus. Più Portogallo all’alba e al tramonto, più yankee nel mezzo della sfida. Portogallo che al Mondiale non riesce a vincere: nelle ultime nove sfide, solamente una vittoria contro la Corea del Nord per 7-0. Ma vista come stava per finire, ci si può anche accontentare.

Nani sprint E’ stato un pasticciaccio collettivo nell’area americana che ha dato subito la sveglia alla sfida. La svirgolata di Cameron sul cross di Veloso, DaMarcus Beasley che sorpreso perde Nani, Tim Howard che va per terra prima ancora che il portoghese tiri. Probabile che non l’avrebbe presa comunque, ma non ci si arrende così nemmeno al miglior Cristiano Ronaldo. Un gol lampo dopo un digiuno di 3 gare di fila ai Mondiali, contando il Sudafrica.

Gli Stati Uniti hanno reagito bene, trovando una corsia preferenziale sulla destra con lo scatenato Johnson e affidandosi alle geometrie di Bradley. Per una buona mezzora la banda Klinsmann ha menato la danza e ha cercato il pareggio con l’unico veramente in grado di ottenerlo: Clint Dempsey. Ma non c’è stato nulla da fare. E anzi al tramonto del primo round gli Stati Uniti hanno prestato il fianco alle ripartenze veloci e hanno rischiato di affondare. Sempre per mano di Nani, che prima ha impegnato Howard e poi ha colpito il palo. Sulla respinta Howard si è riscattato schiaffeggiando la velenosa ribattuta di Eder, entrato dopo soli 15 minuti per l’altro acciaccato, il laziale Helder Postiga, in angolo.

Rimonta Il caldo a Manuas s'è fatto sentire. Tanto che i giocatori hanno pensato bene di autogestirsi per un time out: tutti a bere approfittando delle cure dei medici per Jermaine Jones. Nonostante l’afa della capitale dell’Amazzonia, la partita è stata godibile e veloce, ancor di più nel secondo round (meditare Italia, meditare). Paulo Bento ha cercato di mettere il cerotto nella ferita, cioè la fascia sinistra. Fuori Hugo Almeida e dentro William. Ma Fabian Johnson ha continuato a imperversare. Su un suo cross quasi Eduardo fa autogol. E su un’incursione in area e passaggio dietro per il tiro di Bradley, Ricardo Costa s’è sostituito a Eduardo e ha salvato sulla linea. Il Portogallo ha cercato di smorzare il ritmo affidandosi al palleggio ma non c’è riuscito. Gli Stati Uniti hanno piazzato l’uno-due della rimonta con un fenomenale tiro di Jones e con un tap in del solito Dempsey (due firme in due partite per il vecchio mestierante del gol). Sembrava finita ma quando si stavano già preparando le valigie per tornare a casa, Ronaldo e Varela hanno fatto il miracolo. Forse non servirà. Ma almeno si può ancora sognare, anche se un pareggio tra Usa e Germania eliminerà CR7.


_____________________________________________

Campionati del Mondo - Gruppo G
Arena da Amazônia, Manaus (Brasile)

USA vs. Portogallo 2-2
Marcatori:

POR - 5′ pt Nani
USA - 19′ st Jones
USA - 81′ st Dempsey
POR - 95′ st Varela.

USA (4-3-3): 1 Howard, 23 Johnson, 20 Cameron, 5 Besler, 7 Beasley (40′ st Chandler), 13 Jones, 15 Beckerman, 11 Bedoya (27′ st Yedlin), 19 Zusi, 4 Bradley, 8 Dempsey (42′ st Woldolowski) (12 Guzan, 22 Rimando, 3 Gonzalez, 6 Brooks, 9 Johansson, 10 Diskerud, 14 Davis, 16 Green, 17 Altidore). All.: Klinsmann.

Portogallo (4-3-3): 22 Beto, 21 Joao Pereira, 2 Bruno Alves, 13 Ricardo Costa, 19 Almeida (1′ st Carvalho), 8 Moutinho, 4 Veloso, 16 Meireles (24′ st Varela), 17 Nani, 23 Postiga (16′ pt Eder), 7 Cristiano Ronaldo. (1 Eduardo, 22 Rui Patricio, 10 Vieirinha, 14 Neto, 15 Rafa, 20 Amorim, 9 Hugo Almeida). All.: Bento. Arbitro: Pitana (Argentina).

Angoli: 6 a 4 per gli USA.
Ammoniti: Jones per gioco falloso.
Recupero: 2′ e 4′.
Spettatori: 38.000 circa.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT