SPORT
Caribbean Cup, disastro Giamaica
Scritto il 2012-12-10 da Americo Costi su MLS

La Giamaica, ormai da alcuni anni la miglior Nazionale caraibica, ha sofferto domenica una delle maggiori sconfitte della sua storia, uscendo battuta per 2-1 dal match di Caribbean Cup (torneo di qualificazione alla CONCACAF Gold Cup) contro la Guyana Francese.

Ma è solo l'ultimo passo falso della Giamaica, unica rappresentante caraibica all'Hexagonal 2013 di qualificazione ai Mondiali, che però non sembra avviata verso un miglioramento.

Per ovviare alla situazione, nelle ultime settimane il presidente della Jamaica Football Federation Horace Burrell e il CT  Theodore Whitmore hanno speso alcuni giorni in Inghilterra alla ricerca di rinforzi proprio in vista dell'Hexagonal.

Al rientro Burrell ha rivelato una lista di otto giocatori, con base nel Regno Unito ma di origini giamaicanme, resisi disponibili ad indossare la maglia della Giamaica, tra cui il duo del Reading Jobi McAnnuff e Garath McCleary. Ma dalla lista mancavano i nomi dei pezzi grossi per i quali Burrell e Whitmore erano andati a caccia:  i difensori del Newcastle James Perch e Danny Simpson, dal Swansea City l'attaccante Nathan Dyer  e il centrocampista canadese naturalizzato olandese Jonathan de Guzman (fratello di Julian de Guzman del Toronto FC) e l'ala del Queen's Park Rangers  David Hoilett (anche lui di nazionalità canadese).

Alcuni come Dyer hanno indicato di essere pronti a prendere in considerazione la possibilità, ma non ad impegnarsi. Ma il presidente Burrell ha messo le mani avanti dicendo che in caso di qualificazione chi non ha partecipato non volerà in Brasile.

L'ultima e unica partecipazione della Giamaica risale al 1998 in Francia, quando il quartetto nato e cresciuto in Inghilterra composto da Deon Burton, Paul Hall, Fitzroy Simpson e Robbie Earle, fu fondamentale per la qualificazione.

Il più giovane di quel team, Ricardo Gardner, ha poi indossato la maglia dei Bolton Wanderers per 14 anni, sino alla scorsa estate. E Whitmore lo ha richiamato alla verde et di 34 anni, tre dopo l'ultima presenza, scendendo in campo nel secondo tempo con i due attaccanti provenienti dalla MLS: Darren Mattocks (Vancouver Whitecaps) e Omar Cummings (Colorado Rapids).

I Reggae Boyz hanno schierato cinue giocatori - tra cui Ryan Johnson del Toronto FC - già in campo ad ottobre contro Antigua & Barbuda in occasione della qualificazione all'Hexagonal. Ma nonostante la differenza sulla carta, la Guyana Francese è andata in vantaggio con l'attaccante Gary Pegree su assist dell'ex Rangers e Bordeaux Jean-Claude Darcheville, con responsabilità del portiere Dwayne Miller.  Il pari giamaicano arriva dopo cinque minuti grazie a Tramaine Stewart (difensore dei norvegesi dell'Aalesund) con un gran tiro che fredda il portiere Laurent Pecthy. Ma all'inizio del secondo tempo è ancora il 37enne Darcheville  a piazzare un assist, stavolta per Rudy Evans che  mette a segno il gol vittoria.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT