SPORT

Warning: Creating default object from empty value in /web-storage/www/king-kontent/wp-comunicablog/wp-content/themes/layout-comunicablog-generale/author.php on line 10

Warning: Illegal string offset 'url' in /web-storage/www/king-kontent/wp-comunicablog/wp-content/themes/layout-comunicablog-generale/author.php on line 16

Scrivetemi un Email

I miei ultimi articoli
La squadra scenderà in campo in MLS solo nel 2017, ma a poco più di due anni dal via l'organizzazione diretta da Arthur Blake - proprietario anche degli Atlanta Falcons - sta prendendo forma. E a guidare il team sarà un uomo che arriva dal calcio europeo ma con esperienza americana. Si tratta di Darren Eales, 42, dal 2010 director of football administration del Tottenham Hotspur, club dove è giunto a seguito di un'esperienza al West Bromwich Albion. Leggi l'intervista a Eales in occasione della visita alla Red Bull Arena nel 2012 (in inglese) Nato a Cambridge, in Inghilterra, Eales studiato e giocato a calcio alla West Virginia e poi alla Brown University, guadagnandosi una laurea in economia e venendo anche incluso nella Hall of Fame della Brown. La sua carriera ha avuto anche un breve seguito da pro con Hampton Roads Mariners e Hershey Wildcats (USISL) e poi New York Centaurs, nella A-League (l'allora Division II). Eales è un noto negoziatore, scoperto dalla MLS in occasione dei deal per giocatori quali gli ex Spurs Clint Dempsey, Robbie Keane e, più recentemente, Jermain Defoe. Sempre Eales è stato protagonista della cessione record di Gareth bale al Real Madrid. Primo compito di Eales ad Atlanta sarà quello di individuare le figure ideali per i ruoli di direttore tecnico e di allenatore. Dovrà inoltre gestire il lancio del club, che avrà presto un nome, la costruzione dell'Academy e l'avvio del network di osservatori. Prima di lui, un altro ex Tottenham, Paul Barber, era finito in MLS, precisamente a Vancouver nel ruolo di CFO, da cui si è dimesso nel 2012. Sempre in Europa hanno attinto i NY Red Bulls con Jerome de Bontin, ex director del Monaco in Francia. A Orlando, che entrerà in MLS nel 2015, c'è invece Phil Rawlins, per 14 anni nel Board dello Stoke City, club di Premier League.

MLS

La Nazionale canadese è scesa in campo contro la Giamaica ieri notte al BMO Field di Toronto (12.162 presenti) in cerca di gol e vittorie che mancavano da troppo tempo. Una serie negativa di 16 partite in due anni, per il gruppo guidato dallo scorso anno dal CT spagnolo Benito Floro, che si è finalmente interrotta con un 3-1 siglato dai gol di David Edgar nel primo tempo, Marcel de Jong e Tosaint Ricketts. HIGHLIGHTS: Canada vs Giamaica 3-1 Tre gol che sono il totale di quelli segnati nelle ultime 15 partite, e anche l'ultima vittoria del Canada era stata con tre gol, un 3-0 su Cuba il 12 ottobre 2012, quando sulla panchina siedeva ancora Stephen Hart. Nonostante la vittoria il CT Floro, che in passato ha allenato anche il Real Madrid, si dichiarato di la dall'essere soddisfatto: "La squadra è al 40%" di dove vorrebbe che fosse, nonostaante questa sia la prima vittoria nelle 7 partite in cui è alla guida del team canadese. I Reggae Boyz, supportati dalla vasta comunità giamaicana presente sugli spalti, sono andati in vantaggio al 30' con un calcio di punizione di Kemar Lawrence impossibile da parare per Milan Borjan. Ma solo 4' dopo Edgar al volo su corner di Patrice Bernier (Montreal Impact) livella il match, piazzando il suo secondo gol in Nazionale. Edgar, 27, difensore del Birmingham City dove è stato anche votato "Player of the month" ad agosto: "Abbiamo mostrato grande carattere. Crediamo in quello che stiamo facendo. Stiamo costruendo qualcosa di speciale qui, e dobbiamo essere pazienti".  Meno contento il suo allenatore al Birmingham City, Lee Clark, preoccupato per lo stato di forma del giocatore dopo la lunga trasferta, visto l'impegno del club inglese sabato mattina contro il Leeds United di Massimo Cellino. Ma Edgar è tranquillo: "Il viaggio non mi preoccupa". Nel secondo tempo Floro cambia le carte in tavola. Dentro il centrocampista del Toronto FC Kyle Bekker al posto di  Bernier, l'ex difensore del DC United Dejan Jakovic al posto di un altro ex MLS, Andre Hainault (oggi in Giappone), e infine l'attaccante Simeon Jackson (Norwich) per Issey Nakajima-Farran (Montreal). Specie quest'ultimo cambio si rivelerà decisivo, con Jackson bravo a spaccare il fronte difensivo giamaicano. Il 2-1 del Canada arriva al 68' con una punizione di sinistro di de Jong simile al vantaggio giamaicano. Il gol finale è di Ricketts, che approfitta di un errore del portiere giamaicano Andre Blake e infila. Oltre a Blake, rookie della Philadelphia Union,  nella Giamaica hanno giocato ieri altri esponenti MLS come Je-Vaughn Watson e Deshorn Brown. Can vs Jam: Tabellino e statistiche Nel finale spazio anche per gli idoli locali Dwayne De Rosario e Karl Ouimette, col pubblico di Toronto in festa per la vittoria tanto attesa. Per il Canada, attualmente n. 122 nel ranking FIFA (la Giamaica è al n.85) la vittoria è un importante passo in vista dei prossimi obiettivi, a coominiciare dalla CONCACAF Gold Cup 2015, che varrà anche come qualificazione alla Copa America Centenario 2016, che si giocherà negli USA. Prossimo impegno per il team di benito Floro sarà il 18 novembre contro Panama.

Concacaf

SOCCERITALIA
SPORT