SPORT

Warning: Creating default object from empty value in /web-storage/www/king-kontent/wp-comunicablog/wp-content/themes/layout-comunicablog-generale/author.php on line 10

Warning: Illegal string offset 'url' in /web-storage/www/king-kontent/wp-comunicablog/wp-content/themes/layout-comunicablog-generale/author.php on line 16
Americo Costi

Scrivetemi un Email

I miei ultimi articoli
L'FC  Dallas recupera e va a vincere 2-1 sul Pachuca nell'andata delle semifinali di CONCACAF Champions League giocata nella notte al Toyota Stadium di Frisco (TX). I messicani erano andati in vantaggio all'inizio con Franco Jara. Ma grazie ai due gol a cavallo della pausa di Maximiliano Urruti e Kellyn Acosta, Dallas porta a casa una vittoria di misura che la pone comunque in posizione di vantaggio in vista del ritorno previsto per il prossimo 4 aprile. I quattro volte campioni continentali del Pachuca erano partiti alla grande. Erick Aguirre se ne va sulla sinistra lasciando sul posto Hernan Grana per poi tagliare per Jara, bravo ad infilare vicino al palo al 3'. Il pareggio di Dallas arriva ad un minuto dal break, con l'argentino Urruti che la mnda destra dopo una respinta di pugno di Alfonso Blanco su cross di Grana. Il gol vittoria è di Acosta al 58', che con una punizione da oltre 20 metri supera barriera e Blanco, e poco dopo è Aaron Guillen a sfiorare il terzo. Ritorno il 4 aprile prossimo all'Estadio Hidalgo, mentre il giorno dopo toccherà a Vancouver (sconfitta ieri 2-0 dal Tigres). FC Dallas 2-1 Pachuca Highlights | @FCDallas @Tuzos #SCCL #SoyAficionado pic.twitter.com/AKLK0e1tvA— CONCACAF (@CONCACAF) March 16, 2017

Concacaf

Niente da fare per i Vancouver Whitecaps, che nell'andata delle semifinali di CONCACAF Champions League escono sconfitti per 2-0 col Tigres UANL in quel dell'Estadio Universitario di Monterrey. Il coach dei 'Caps aveva definito il match "la partita della vita" per i canadesi, ancora senza vittorie in campionato diopo due partite, mai arrivati a questi livelli e in campo in Messico dove solo due volte team MLS hanno vinto (su 52 match totali). Ma la resistenza di Vancouver è durata 64', grazie anche ad un David Ousted insuperabile in porta di fronte ad un attacco guidato dal francese Andre-Pierre Gignac e dall'ala Jurgen Damm. Tigres 2 - 0 Vancouver Whitecaps FC Highlights | @TigresOficial @whitecapsfc #SCCL #SoyAficionado pic.twitter.com/0gCNoGihBB— THE CHAMPIONS (@TheChampions) March 15, 2017 Ma al 65' Kendall Waston dopo un batti e ribatti infila nella propria porta dando il via al crollo. Con soli tre minuti ancora da giocare nel finale è poi infatti un gran tiro dell'ex Napoli Edu Vargas a chiudere i giochi Il ritorno è previsto a Vancouver il prossimo 5 aprile, dove ci saranno 43mila tifosi al B.C. Place ad attendere i messicani.

Concacaf

La cosa più esotica vista nel soccer rimane sicuramente, nella stagione 1977 (sua prima e ultima) l'ingresso del Team Hawaii nella NASL dei tempi di Pelé, Franz Beckenbauer e George Best. Quello hawaiano era un team fatto di carneadi americani, vecchi arnesi inglesi e come unica stella l'ala portoghese del Benfica degli anni d'oro, Diamantino Costa. #OnThisDay 1977 | Team Hawaii wins its inaugural #NASL game after topping the visiting @SoundersFC in a shootout. pic.twitter.com/3X0z0xqUOt— NASL Insider (@NASLInsider) April 8, 2015 Un qualcosa di altrettanto esotico, anzi di più, potrebbe invece sbarcare nel calcio pro USA entro il 2019, seppur non i prima divisione. Dalle Bahamas arriva infatti la notizia che un gruppo guidato dall'imprenditore del settore real estate Burton Rodgers stia lavorando per portare un club locale nella United Soccer League (USL), da poco diventata Division II della piramide del soccer nordamericano. In caso di ammissione, il club giocherebbe nel Thomas A. Robinson Stadium (finanziato dal governo cinese alcuni anni fa) e sarebbe il primo della storia a fare un salto di questo tipo. A rafforzare la serietà del progetto c'è il coinvolgimento dell'Anschutz Entertainment Group (AEG), maggior gruppo mondiale nello sport entertainment e proprietario dei Los Angeles Galaxy della MLS, e che ha un contratto col governo delle Bahamas dal 2015. La USL è dallo scorso gennaio la Division II. Fondata nel 2011, vede in campo dal 2011 team di Stati Uniti e Canada, 20 dei quali hanno partnership o sono controllati da club MLS (come ad es. i Real Monarchs per il Real Salt Lake, o i LA Galaxy II), fungendo di fatto anche da campionato riserve.

NASL USL NCAA

I Los Angeles Galaxy vogliono Zlatan Ibrahimović, e per convincerlo a trasferirsi negli USA sono pronti a ricoprirlo di dollari. Per lui infatti sarebbe pronta un'offerta da €17 milioni (quasi tre volte l'attuale stipendio di Kakà), che lo renderebbe il calciatore più pagato di sempre della storia della MLS. La notizia è emersa a seguito di un'intervista rilasciata dall'ex GM dei Galaxy e oggi giornalista, Alexi Lalas, che ricordiamo 25 anni fa con la maglia del Padova. Lalas, parlando a BBC Radio 5 Live, ha riportato di trattative in corso da lungo tempo tra Ibra e i LA Galaxy, che avrebbero pronti "un certo numero di incentivi" per convincere Zlatan a trasferirsi negli Usa: "Credo che abbiano una possibilità. E se sarà quest'estate, o forse fra un anno, penso che comunque accadrà". Un'ipotesi cui crede anche l'ex attaccante della Scozia, Charlie Nicholas: "Andando via adesso lascerebbe alla grande, potendo dire: 'Mi avete messo in dubbio, ma ho fatto il mio in Inghilterra. Ora posso andare in America ed essere il nuovo Beckham, l'immagine della MLS". Ibra, ha aggiunto Nicholas, "potrebbe giocare lì ancora tre anni, e questo è probabilmente ciò che ha in mente". Ibrahimović , centravanti di 35 anni ma ancora in grande forma (già 26 i gol totali in questa stagione), permetterebbe di certo ai LA Galaxy di fare un salto enorme in termini sia tecnici che di marketing, in particolare dopo che al termine dell'ultima stagione sono terminati i contratti con Robbie Keane e Steven Gerrard. Due partenze che, insieme a quella di Bruce Arena per la panchina della Nazionale USA, sostituito da Curt Onalfo, hanno spinto LA verso un inusuale anonimato in MLS, almeno sulla carta. "È una buona opportunità per lui di entrare in questo mercato e introdurre quel brand 'Zlatan' che molte persone al di fuori del calcio non conoscono", ha aggiunto Lalas. Il contratto dello svedese da £11 milioni con i Red Devils scade a giugno 2017 (lo United fa solo contratti annuali ai giocatori ultratrentenni, anche se Ibra un'opzione per il prossimo), e la stella svedese sarebbe pronta a fare l'ennesimo salto di carriera grazie agli uffici di Mino Raiola, che da quasi 15 anni lo rappresenta permettendogli di guadagnare cifre sempre crescenti. Hollywood, welcome to Zlatan? 🇺🇸LA Galaxy want to make Ibrahimovic Major League Soccer's highest ever paid player, report @BBCSport. pic.twitter.com/uc9kp7BfYp— Bleacher Report UK (@br_uk) March 9, 2017 Ricordiamo che i LA Galaxy sono di proprietà della AEG, la più grande società di entertainment del mondo e titolare della O2 Arena di Londra. Ciò per capire come i soldi per i Galaxy, che con Ibra ci avevano già provato nel 2016 al termine del suo accordo col PSG, non siano un problema. Al momento i Galaxy hanno tutti e tre i posti da Designated Player occupati dall'attaccante messicano Giovani Dos Santos, dal difensore belga Jelle Van Damme e dall'argentino Romain Alessandrini. Ma LA potrebbe spostare i cosiddetti Targeted Allocation Money per abbassare sotto quota 350mila dollari uno dei contratti da DP facendo così spazio a Ibrahimović, che con Giovani dos Santos andrebbe a formare la coppia d'attacco più forte della MLS.

Calciomercato

Nel nuovo stadio da 25.500 posti (tutti esauriti) dell'Orlando City, la prima di Andrea Pirlo alla sua terza stagione in MLS non parte nel migliore dei modi. A Orlando contro i suoi ex compagni di Milan Ricky Kakà e Nocerino, il Maestro e il suo NYCFC escono sconfitti per 1-0, anche se avrebbero sicuramente meritato almeno un pari per alcune incredibili occasioni sprecate. Poco dopo il via proprio Pirlo involontariamente contribuisce all'infortunio che mette fuori causa Kakà all'8'. Il brasiliano è costretto ad uscire per un dolore al bicipite femorale, e coach Jason Kreis dopo il match ha espresso la preoccupazione che possa trattarsi di qualcosa di grave. Pochi minuti dopo però, i leoni in viola vanno in vantaggio con un colpo di testa dell'attaccante canadese Cyle Larin, giovane promessa di 21 anni, al suo gol numero 31 in due stagioni in Florida. Il gol di @CyleLarin regala la vittoria a @OrlandoCitySC nell'esordio stagionale contro @NYCFC #ORLvNYC pic.twitter.com/iyOKXBksr2— Soccer Italia (@MLSsocceritalia) March 6, 2017 Il Maestro fa vedere grandi giocate, con passaggi lunghi e precisi, contribuendo ad un paio di palle gol sbagliate dal finlandese Alexander Ring al 32' fermato dall'uscita di Bendik, e dal 20enne inglese Jack Harrison all'8' della ripresa, col NYCFC che chiude con ben sette tiri nello specchio senza però raggiungere il pari, anche per la serata storta di David Villa e dell'ex atalantino Maxi Moralez. Per  Citizens di coach Patrick Vieira  l'esordio casalingo allo Yankee Stadium arriverà domenica prossima contro il D.C. United di Erick Thohir.

MLS

SOCCERITALIA
SPORT