SPORT
Americo Costi

Scrivetemi un Email

I miei ultimi articoli
I Los Angeles Galaxy vogliono Zlatan Ibrahimović, e per convincerlo a trasferirsi negli USA sono pronti a ricoprirlo di dollari. Per lui infatti sarebbe pronta un'offerta da €17 milioni (quasi tre volte l'attuale stipendio di Kakà), che lo renderebbe il calciatore più pagato di sempre della storia della MLS. La notizia è emersa a seguito di un'intervista rilasciata dall'ex GM dei Galaxy e oggi giornalista, Alexi Lalas, che ricordiamo 25 anni fa con la maglia del Padova. Lalas, parlando a BBC Radio 5 Live, ha riportato di trattative in corso da lungo tempo tra Ibra e i LA Galaxy, che avrebbero pronti "un certo numero di incentivi" per convincere Zlatan a trasferirsi negli Usa: "Credo che abbiano una possibilità. E se sarà quest'estate, o forse fra un anno, penso che comunque accadrà". Un'ipotesi cui crede anche l'ex attaccante della Scozia, Charlie Nicholas: "Andando via adesso lascerebbe alla grande, potendo dire: 'Mi avete messo in dubbio, ma ho fatto il mio in Inghilterra. Ora posso andare in America ed essere il nuovo Beckham, l'immagine della MLS". Ibra, ha aggiunto Nicholas, "potrebbe giocare lì ancora tre anni, e questo è probabilmente ciò che ha in mente". Ibrahimović , centravanti di 35 anni ma ancora in grande forma (già 26 i gol totali in questa stagione), permetterebbe di certo ai LA Galaxy di fare un salto enorme in termini sia tecnici che di marketing, in particolare dopo che al termine dell'ultima stagione sono terminati i contratti con Robbie Keane e Steven Gerrard. Due partenze che, insieme a quella di Bruce Arena per la panchina della Nazionale USA, sostituito da Curt Onalfo, hanno spinto LA verso un inusuale anonimato in MLS, almeno sulla carta. "È una buona opportunità per lui di entrare in questo mercato e introdurre quel brand 'Zlatan' che molte persone al di fuori del calcio non conoscono", ha aggiunto Lalas. Il contratto dello svedese da £11 milioni con i Red Devils scade a giugno 2017 (lo United fa solo contratti annuali ai giocatori ultratrentenni, anche se Ibra un'opzione per il prossimo), e la stella svedese sarebbe pronta a fare l'ennesimo salto di carriera grazie agli uffici di Mino Raiola, che da quasi 15 anni lo rappresenta permettendogli di guadagnare cifre sempre crescenti. Hollywood, welcome to Zlatan? ??LA Galaxy want to make Ibrahimovic Major League Soccer's highest ever paid player, report @BBCSport. pic.twitter.com/uc9kp7BfYp— Bleacher Report UK (@br_uk) March 9, 2017 Ricordiamo che i LA Galaxy sono di proprietà della AEG, la più grande società di entertainment del mondo e titolare della O2 Arena di Londra. Ciò per capire come i soldi per i Galaxy, che con Ibra ci avevano già provato nel 2016 al termine del suo accordo col PSG, non siano un problema. Al momento i Galaxy hanno tutti e tre i posti da Designated Player occupati dall'attaccante messicano Giovani Dos Santos, dal difensore belga Jelle Van Damme e dall'argentino Romain Alessandrini. Ma LA potrebbe spostare i cosiddetti Targeted Allocation Money per abbassare sotto quota 350mila dollari uno dei contratti da DP facendo così spazio a Ibrahimović, che con Giovani dos Santos andrebbe a formare la coppia d'attacco più forte della MLS.

Calciomercato

Nel nuovo stadio da 25.500 posti (tutti esauriti) dell'Orlando City, la prima di Andrea Pirlo alla sua terza stagione in MLS non parte nel migliore dei modi. A Orlando contro i suoi ex compagni di Milan Ricky Kakà e Nocerino, il Maestro e il suo NYCFC escono sconfitti per 1-0, anche se avrebbero sicuramente meritato almeno un pari per alcune incredibili occasioni sprecate. Poco dopo il via proprio Pirlo involontariamente contribuisce all'infortunio che mette fuori causa Kakà all'8'. Il brasiliano è costretto ad uscire per un dolore al bicipite femorale, e coach Jason Kreis dopo il match ha espresso la preoccupazione che possa trattarsi di qualcosa di grave. Pochi minuti dopo però, i leoni in viola vanno in vantaggio con un colpo di testa dell'attaccante canadese Cyle Larin, giovane promessa di 21 anni, al suo gol numero 31 in due stagioni in Florida. Il gol di @CyleLarin regala la vittoria a @OrlandoCitySC nell'esordio stagionale contro @NYCFC #ORLvNYC pic.twitter.com/iyOKXBksr2— Soccer Italia (@MLSsocceritalia) March 6, 2017 Il Maestro fa vedere grandi giocate, con passaggi lunghi e precisi, contribuendo ad un paio di palle gol sbagliate dal finlandese Alexander Ring al 32' fermato dall'uscita di Bendik, e dal 20enne inglese Jack Harrison all'8' della ripresa, col NYCFC che chiude con ben sette tiri nello specchio senza però raggiungere il pari, anche per la serata storta di David Villa e dell'ex atalantino Maxi Moralez. Per  Citizens di coach Patrick Vieira  l'esordio casalingo allo Yankee Stadium arriverà domenica prossima contro il D.C. United di Erick Thohir.

MLS

Nuovo rinforzo in difesa per i San Jose Earthquakes, che hanno annunciato oggi l'ingaggio del giramondo centrale argentino, e all'occorrenza terzino sinistro, Andres Imperiale. Imperiale, 29 anni, arriva dal Deportivo Saprissa, Costarica, con cui ha vinto il campionato invernale lo scorso dicembre. Cresciuto nel settore giovanile del Rosario Central, con cui ha debuttato in prima divisione nel 2005, dopo un prestito al San Martín de Tucuman (Argentina) nel 2008, è volato all'Oriente Petrolero (Bolivia) l'anno successivo. Di lì ancora Bolivia col Blooming Santa Cruz, prima di finire addirittura a Cipro, al Doxa Katokopias e quindi all'Aris Limassol nel gennaio 2011. Un anno dopo il ritorno in Sudamerica con i cileni dell' Universidad Concepción, vincendo nel 2013 la Primera B. A gennaio dello scorso anno infine, il passaggio al Deportivo Saprissa, dove ora lo sostituira l'ex NY Red Bulls Roy Miller. A San Jose andrà a comporre una difesa che già vede due esperti centrali quali Victor Bernardez e l'ex nazionale USA Clarence Goodson, mentre Shaun Francis parte titolare a sinistra in attesa del rientro dell'infortunato Jordan Stewart.

Calciomercato

Nel 2008 fu il protagonista della MLS Cup vinta dal Columbus Crew. La furia esoneratrice di Maurizio Zamparini colpisce ancora. Via Davide Ballardini, al suo posto sulla panchina del U.S. Città di Palermo finisceuna vecchia conoscenza degli appassionati della Major League Soccer: l'argentino Guillermo Barros Schelotto, ex giocatore del Boca Juniors e vincitore della MLS Cup 2008 col Columbus Crew SC, e più recentemente allenatore del Lanus dopo aver sfiorato proprio la panchina del club dell'Ohio nel 2013. Sarà affiancato da Fabio Viviani. "Doveva venire a giugno, ma visto quello che e' successo ho anticipato i tempi" ha detto Zamparini in una conferenza via skype. [caption id="attachment_14926" align="alignnone" width="650"] FRISCO, TX - APRIL 10: Forward Guillermo Barros Schelotto #7 of the Columbus Crew at Pizza Hut Park on April 10, 2010 in Frisco, Texas. (Photo by Ronald Martinez/Getty Images)[/caption] Guillermo Barros Schelotto, vecchio pallino di Zdenek Zeman che da giocatore lo voleva alla Lazio, sbarcò al Crew nell'aprile 2007, diventando presto leader dei gialloneri guidati da Sigi Schmid. L'anno dopo fu il boom: nominato 4 volte Player of the week, 19 assist e 7 gol e il premio MLS MVP, a coronamento di una stagione chiusa col la MLS Cup vinta battendo i New York Red Bulls per 3-1 (tre assist dell'argentino) nella finale giocata all'Home Depot Center di Carson (CA). Dopo altri due anni di giocate e assist, nel novembre 2010 arriva la rottura e il ritorno in Argentina, dove all'età di 37 anni chiude col Gymnasia y Esgrima, per poi assumere l'incarico di allenatore del Lanus nel 2012, dove ha vinto una Copa Sudamericana, è arrivato in semifinale di Copa Libertadores, e una volta secondo e una terzo in campionato. Ora, la chiamata di Zamparini.

Calciomercato

La delusione, o meglio l'arrabbiatura, è notevole nei ranghi della federazione americana. Jesse Gonzalez, uno dei più talentuosi giovani portieri mai visti al debutto in MLS, solo pochi giorni fa aveva comunicato di voler accettare la convocazione per il ritiro della nazionale degli Stati Uniti nel mese di gennaio, rinunciando quindi alla possibilità di giocare per il Messico. All'ultimo momento però Gonzalez si è tirato indietro, preferendo non fare una scelta definitiva e accettando invece la chiamata della Nazionale U23 olimpica del Messico, sì da poter eventualmente cambiare in futuro. La scelta era arrivata dopo alcuni colloqui con Klinsmann e dopo aver ottenuto prima il posto da titolare tra i pali per FC Dallas - vincitore della Western Conference - e dopo un Mondiale Under 20 giocato per El Tri. Ma per poter vedere in campo Gonzalez contro Islanda e Canada tra gennaio e febbraio, sarebbe stato necessario il via libera della FIFA dopo il cosiddetto "one time switch", il cambio che si può fare una sola volta in carriera. Ma sarà assai improbabile che la USSF e Klinsmann possano concedergli un'altra possibilità dopo un voltafaccia del genere, forse anche dovuto alla concorrenza di altri giovani portieri composto da Ethan Horvath del Molde sorprendentemente qualificatosi ai sedicesimi di Europa League, Zack Steffen del Friburgo II e Cody Cropper che milita in Inghilterra con il MK Dons, dal quale dovrà uscire l'erede di Tim Howard e Brad Guzan (quest'ultimo in disgrazia all'Aston Villa).  Per tutti l'obiettivo è certamente la qualificazione olimpica con gli USA U23, che giocheranno il 23 marzo lo spareggio contro la Colombia. Nato a Edenton, all'interno del North Carolina, da genitori messicani, è però cresciuto a Dallas. Ha debuttato per l'Academy del FC Dallas all'età di 15 anni nel 2010. Aveva 17 anni quando ha firmato un contratto professionista nel 2013. Alto 195cm, soprannominato "The Wing", ragazzo molto equilibrato per l'età, nel 2015 Gonzalez ha registrato un record di 7-1-3 con una media gol-contro di 0,91 e cinque shutouts (match senza subire reti) dopo essere stato inserito nella formazione di FC Dallas al posto degli esperti Dan Kennedy (poi ceduto ai Los Angeles Galaxy) e Chris Seitz di ritorno da un periodo in prestito ai Pttsburgh RiverHounds (USL). Il suo predecessore nelle giovanili del FC Dallas, Richard Sanchez, è stato anche il suo predecessore in porta col Messico U-20. Sanchez è stato ceduto al Tigres nel 2014, ma ora langue nel team di Segunda División (terzo livello). Il suo idolo è Oswaldo Sanchez, e ora proverà a seguirne le orme, e su di lui c'è già l'interesse di Tijuana Xolos, Pachuca e Chivas de Guadalajara.

Nazionale USA

SOCCERITALIA
SPORT