SPORT
Ritorno a San Jose per Dawkins, ala del Derby County
Scritto il 2016-01-07 da SoccerItalia su Calciomercato

I San Jose Earthquakes hanno deciso di guardare al passato per la mossa di mercato più importante di questa offseason, riportando a casa l'ala anglo-giamaicana Simon Dawkins dal Derby County.

Dawkins, la prima volta preso in prestito dal Tottenham Hotspur, autore di 14 gol in 53 partite coi Quakes tra il 2011 e il 2012 - anno in cui fu protagonista nella vittoria del MLS Supporters' Shield - arriva con un ingaggio da designated player.

Passato al Derby County in quasi tre stagioni è sceso in campo 73 volte, con 9 gol, contribuendo al terzo posto nel Championship e al raggiungimento dei playoff nel 2013/14. Ma quest'anno il manager Paul Clement lo ha schierato una volta soltanto. Nel 2014 ha anche conquistato la maglia della Nazionale giamaicana, indossata per 20 volte, con 3 reti messe a segno..

Ormai 28enne, nel pieno della maturità, se Dawkins dovesse tornare a mostrarsi il giocatore visto in MLS nel 2012 con dribbling e tiro micidiale, avrebbe un impatto immediato sull'attacco dei San Jose Earthquakes. "Dawkins può giocare largo o da interno", ha dichiarato il coach dei Quakes Dominic Kinnear. "Sarà importante averlo già nella preseason. E' quello che un allenatore vuole. Ci porterà anche dei gol, ed è quello che ci è mancato lo scorso anno".

Lo sbarco di Dawkins segue di una settimana quello di un altro attaccante, il veterano Chad Barrett, andando a completare un fronte d'attacco di tutto rispetto che vede anche Quincy Amarikwa, l'MVP 2012 Chris Wondolowski e l'ex Siena e Livorno Innocent Emeghara (ancora infortunato Steve Lenhart, che ha saltato tutta la stagione 2015). Proprio questi ultimi due, oltre a Matias Perez Garcia, hanno un contratto da Designated Player, e quindi San Jose dovrà decidere come usare i cosiddetti Target Allocation Money concessi dalla lega per gli ingaggi.

Proverà a rilanciare la sua carriera in MLS il giovane talento americano Marc Pelosi. Tagliato da Liverpool FC a fine campionato, il centrocampista di origini italiane ma con passaporto tedesco ha infatti firmato per i San Jose Earthquakes. Grande promessa del calcio USA; il Liverpool aveva ingaggiato il giovane tedesco-americano nell'agosto 2011 a seguito di alcune ottime performance con la Nazionale USA Under 17 e dopo che si era vociferato un interesse del DS della AS Roma Walter Sabatini per lui, ma non se ne fece nulla. Sin da allora ha militato con la squadra riserve dei Reds, seguito dal capo del settore giovanile dei Reds, Frank McParland, senza però mai esordire in Premier League. Il 21enne nazionale americano si era rotto una gamba nel febbraio 2013, ma aveva a tal punto impressionato il club nel corso della riabilitazione da aver ottenuto il rinnovo e a gennaio scorso per lui era arrivata anche la prima chiamata della Nazionale USA di Jurgen Klinsmann. Dopo aver partecipato al Torneo di Tolone con gli USA U23, classificatisi terzi, per lui ecco il ritorno nella sua California, essendo originario di Sunnyvale (ma nato a Bad Säckingen, Germania). A San Jose dovrà convincere coach Dominic Kinnear a trovargli un posto sulla sinistra, in cui può coprire l'intera fascia.

Calciomercato - Socceritalia

Forse è la volta buona per rivedere Freddy Adu negli Stati Uniti. Dopo un tour che lo ha portato in Portogallo, Francia, Grecia, Turchia e poi, dopo un breve passaggio alla Philadelphia Union, Brasile, Serbia (allo Jagodina, dove in 6 mesi gioca 14 minuti) e Finlandia, l'ex centrocampista della Nazionale USA ha trovato un accordo coi Tampa Bay Rowdies della NASL (North American Soccer League), la Division II, secondo quanto riporta Ives Galarcep su Goal.com. Adu attualmente milita col KuPS, club della prima divisione finlandese, dove da marzo è sceso in campo solo 5 volte, venendo anche spesso schierato nella squadra riserve. Di lui si è parlato poco tempo fa per uno splendido calcio di punizione, ma certo il salto da giocatore del futuro degli USA a un club finlandese di secondo piano è notevole. Esploso all'attenzione dei media di tutto il mondo con l'esordio a 14 anni in MLS con la maglia del DC United, Adu divenne una celebrità in tutti gli Stati Uniti, contribuendo anche con 5 reti nella sua prima stagione da pro e vincendo la MLS Cup 2005. Nel 2007 poi, alcune grandi prestazioni ai Mondiali U20 sembrarono il suo lancio definitivo nel grande calcio. Ma le aspettative non si sono mai realizzate, facendo di lui un secondo Niil Lamptey (un'ipotesi fatta dal Guardian addirittura all'esordio di Adu). Colpa forse anche della sfortuna (fu ad esempio Camacho a volerlo al Benfica, ma fu esonerato immediatamente) ma molto anche del giocatore, su cui da più parti si sono addensate nubi di critiche relative ad una certa supponenza e poca voglia di allenarsi. Dopo il suo trasferimento in Europa, nel 2012 la sua carriera sembrava essersi ripresa a Philadelphia (24 match e 5 gol), ma a fine stagione la rottura col club e il passaggio al Bahia (una sola presenza in campionato) hanno riavviato il percorso discendente. A soli 26 anni però Adu ha ancora molto da dare al calcio, e a Tampa Bay troverà un suo mentore, l'ex CT dell'Under 20 Thomas Rongen, uno dei migliori allenatori di sempre nella storia del calcio statunitense, che ha recentemente anche guidato le Samoa Americane alla loro prima vittoria in un match di qualificazione mondiale. E la NASL sembra il trampolino ideale per rilanciarsi. Reduce da un ottima Spring Season 2015 chiusa al secondo posto, Tampa punta sul fantasista di origini ghanesi per aggiungere quel pizzico di fantasia ai gol di Stefano Pinho e Jose Angulo, puntando a sfidare i NY Cosmos.  Le attese ci sono, ma stavolta su di lui non c'è certo il peso di dover diventare il salvatore del soccer USA. Ma certo se riuscisse a portare Tampa a battere i Cosmos per il titolo NASL, vendicando la sconfitta nel Soccer Bowl 1978, ai tempi delle sfide acerrime tra Rodney Marsh e Giorgio Chinaglia, potrebbe finalmente riprendere la via per comunque diventare un giocatore a tutti gli effetti. AGGIORNAMENTO 15/7 OFFICIAL: The Rowdies have signed MF/F @FreddyAdu! Welcome to Tampa Bay, Freddy! READ MORE --> http://t.co/iiTDLQrT0P pic.twitter.com/QELTEm7raT— Tampa Bay Rowdies (@TampaBayRowdies) July 14, 2015

Calciomercato - Socceritalia

SOCCERITALIA
SPORT