SPORT
Da Dortmund a Huddersfield, l'ascesa di Wagner
Scritto il 2016-01-09 da Franco Spicciariello su Yanks Abroad

Huddersfield è una cittadina dello Yorkshire con poco meno di 150mila abitanti, la cui gloria calcistica risale ai lontani anni '20, quando vinse una F.A. Cup nel 1922 e diventò la prima squadra inglese a vincere tre titoli consecutivi fra il 1924 e il 1926 (record uguagliato solo da altre tre squadre fino ad oggi). Una gloria mai dimenticata, anche se l'ultima stagione in prima divisione (oggi Premier League) che risale al 1956.

Oggi l'Huddersfield Town A.F.C. si difende nel Championship, la seconda divisione, con 7 punti sulla terzultima. Ma l'aspetto interessante è che a guidarlo in panchina è un americano, il primo della storia ad allenare a livello pro in Inghilterra. Si tratta di David Wagner.

Wagner è un altro "figlio della NATO", come i vari Jermaine Jones, Fabian Johnson o Timothy Chandler: sua padre infatti è un ex soldato dell'esercito degli Stati Uniti, mentre sua madre tedesca. Oggi di gente come lui, anche grazie a Jurgen Klinsmann, ce n'è in abbondanza nella Nazionale USA,  ma quando nel 1996 - indossava la maglia dello Schalke 04 - l'allora CT USA lo convocò in Nazionale, come lui c'era il solo Thomas Dooley (attuale CT delle Filippine), che lo aveva raccomandato al CT, che si fidò senza aver mai visto giocare l'attaccante nato a Geinsheim am Rhein (passato per la Germania U18 e U21), che alla fine avrebbe messo insieme solo 8 partite, l'ultima delle quali nel 1998.

Dopo aver smesso di giocare nel 2005, al termine di una carriera spesa tra Eintracht Francoforte, Mainz, lo Schalke con cui nel 1997 vince la Coppa UEFA, Wagner si iscrive all'università per studiare scienza dello sport, e per lui nel 2011 arriva l'incarico di allenatore in seconda del Borussia Dortmund, a fianco di Jurgen Klopp, con cui aveva giocato al Mainz (facendolo finire prima in panchina e poi in difesa) e di cui è stato testimone di nozze. Gli viene anche affidata la responsabilità del Borussia Dortmund II U23 che milita in terza divisione, formando tra gli altri l'attaccante Terrance Boyd, oggi al RB Leipzig. Con Klopp sono anni di successi e soddisfazioni, e il club lo conferma anche in questa stagione dopo l'addio dell'allenatore che aveva guidato il gialloneri sino alla finale di Champions League.

Subito bene in Inghilterra 

L'1 novembre scorso però Wagner ha dato le dimissioni dal Borussia Dortmund, e si credeva avrebbe seguito Klopp al Liverpool. Dopo soli 4 giorni invece la sorpresa dell'ingaggio da parte dell'Huddersfield, che in poco tempo ha portato fuori dai bassifondi della classifica.

L'obiettivo di Wagner, oltre una salvezza tranquilla, è di porre fondamenta stabili all'Huddersfield, arrivando magari a puntare la Premier League dopo 45 anni di assenza.

Alla fine, col duro lavoro, e solo col duro lavoro, migliori sempre", ha spiegato Wagner. "Primo, tutti devono sapere che l'Huddersfield è un club molto solido, senza ansie di errori o illusioni. E' un club solido, il cui proprietario è nato ad Huddersfield e vive ad Huddersfield. D'altro verso, è una delle città più piccole del Championship. Guardiamo al lungo termine nel costruire. E speriamo di sorprendere in futuro".

Al Guardian ha raccontato: “La prima telefonata è stata di Stuart Webber (DS dell'Huddersfield), che mi ha spiegato come il club stesse cercando una nuova via. Gli era piaciuto molto ciò che avevamo fatto a Dortmund e mi ha chiesto: 'E' possibile farlo in Inghilterra?'. Gli ho risposto: 'Perché no?'.  E' possibile se hai giocatori e un club di mentalità aperta. E' possibile ovunque. Mi piace la velocità, la passione. Il Bayern Monaco per esempio ha successo, ma un altro stile. Lo rispetto, ma a me ne piace un altro. Ci sono modi diversi di arrivare al successo. Ad Huddersfield abbiamo il nostro modo, e questo è ciò che voglio".

E i primi risultati del duro lavori si stanno già vedendo, come dimostra l'entusiasmo del Macron Stadium, che per lui ha già coniato il coro "Daivid Wagner, he's better than Klopp". Contenti anche i giocatori, che iniziano a vedere i risultati del lavoro tattico (pressing e ripartenze) e delle doppie sedute di allenamento e dei ritiri. E dopo il pari di ieri in FA Cup col Reading Wagner punta a passare il turno nel rematch e magari ad affrontare il Liverpool del suo amico Klopp nei turni successivi.

 Futuro a stelle e strisce?

L'ascesa di Wagner sta suscitando l'interesse di molti negli Stati Uniti, dove uno dei suoi primi fan è il suo ex compagno di Nazionale e oggi opinionista tv Eric Wynalda: “Nel poco tempo che ho giocato con David mi ha fatto un'impressione davvero positiva. Penso che la strada intrapresa sotto la guida di Klopp, l'esperienza accumulata, i giocatori con cui ha lavorato, lo mettano nella posizione di aspirare a grandi incarichi nel futuro".

E lo stesso Wynalda ne ha approfittato per criticare il CT USA Klinsmann: "Spero che Wagner abbia successo, visto che abbiamo speso un sacco di tempo a cercare un tedesco quale nuova guida della Nazionale. Sarebbe bellissimo se la federazione pensasse a David. Ma prima deve conquistarsi i gradi sul campo. ma un giorno potrebbe guidare la Nazionale, e non credo di esagerare"

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT