SPORT
Chelsea e Drogba, la MLS non molla
Scritto il 2016-01-02 da SoccerItalia su Calciomercato

Il Chelsea non è ancora riuscito a torvare un accordo con la Major League Soccer per riuscire a riportare Didier Drogba a Stamford Bridge, seppur nel ruolo di tecnico.

Ma mentre il club di Drogba, il Montreal Impact, sembra rassegnato all'idea che il giocatore non sarà in Quebec per l'avvio della prossima stagione MLS, la lega invece ha intenzione di negoziare duramente prima di rilasciare il 37enne ivoriano.

Infatti, a meno che Drogba non annunci il ritiro dal calcio giocato, il Chelsea dovrà trovare prima un accordo con la MLS - che detiene i diritti del contratto del giocatore - per ottenere il via libera all'ingaggio.

Il Chelsea, secondo quanto riportano i media inglesi, spera ancora di trovare il modo di mettere Drogba in panchina a fianco di Guus Hiddink, ma la MLS si è rivelata un osso duro.

Inevitabile la reazione della MLS visto l'impattodi Drogba - ben superiore a quello di Steven Gerrard, Frank Lampard e Andrea Pirlo - nella scorsa stagione a Montreal, in cui ha segnato 12 gol in 14 match, trascinando l'Impact sino ai playoff. Perderlo inoltre sarebbe anche un colpo inatteso per l'immagine internazionale della MLS, che aveva pianificato la sua presenza per un biennio.

Il Montreal Impact ha già ammesso pubblicamente via Twitter che la questione Drogba è fuori dal suo controllo: “Siamo attualmente in contatto con Didier Drogba e il Chelsea FC. Stiamo facendo tutto ciò che è possibile per riaverlo all'Impact nel 2016".

Drogba festeggia il gol del Chelsea contro il Sunderland insieme a Roman Abramovich

Comprendiamo il suo attaccamento al suo ex club, e il suo desiderio di aiutarlo. Ma il nostro obiettivo è di portarlo indietro per un'altra stagione, come scritto nel suo contratto. La situazione è fuori dal nostro controllo”.

In ogni caso, nonostante i problemi davanti e l'assenza di attaccanti in forma, non c'è comunque possibilità di vedere Drogba di nuovo in campo col Chelsea, e Guus Hiddink lo vede chiaramente come tecnico oltre che come ambasciatore del club, come confermato dall'allenatore olandese: “Potrebbe entrare nello staff tecnico. Ragazzi come lui servono per aiutare i più giovani con la loro grande esperienza. Non sono favorevole ad un ambasciatore in cravatta”.

Articoli Correlati
L'esperienza dell'attaccante della Nazionale USA, nato in Alabama ma di origini islandesi (ha anche giocato un match con l'U21), Aron Johannsson, con la maglia del Werder Briema non è stata delle migliori sin dall'inizio, motivo per il cui il giocatore si starebbe guardando intorno. "E 'stato l'anno più difficile della mia carriera fino ad ora, molto difficile con molte esperienze spiacevoli", aveva dichiarato poco tempo fa. Secondo la ESPN, Johannsson potrebbe lasciare il club della Bundesliga già in estate, se le cose non dovessero cambiare. L'ex AZ è infatti sceso in campo solo 8 volte da inizio stagione, anche a causa del tempo di recupero necessario per un infortunio subito in estate, stando anche spesso in Islanda lontano quindi dal Werder, e rimanendo fuori negli ultimi quattro match consecutivi (tre vittorie per i biancoverdi) . Lunedì l'allenatore del Werder Alexander Nouri ha dichiarato che Johannsson “deve lavorare per avere un'altra chance" nelle prossime settimane, fondamentali per il team in lotta per non retrocedere. Sbarcato in Germania nel 2015 con un quadriennale, Johannsson è rimasto spesso fuori per infortunio, con la prima stagione al Werder chiusa con sole 6 partite giocate. In totale sono quindi 14 le sue apparizioni a Brema, con tre gol. Una discontinuità che ad oggi gli è anche costata il posto con la Nazionale USA dopo le 19 partite giocate nell'era di Jurgen Klinsmann CT.

Calciomercato - Socceritalia

I Los Angeles Galaxy vogliono Zlatan Ibrahimović, e per convincerlo a trasferirsi negli USA sono pronti a ricoprirlo di dollari. Per lui infatti sarebbe pronta un'offerta da €17 milioni (quasi tre volte l'attuale stipendio di Kakà), che lo renderebbe il calciatore più pagato di sempre della storia della MLS. La notizia è emersa a seguito di un'intervista rilasciata dall'ex GM dei Galaxy e oggi giornalista, Alexi Lalas, che ricordiamo 25 anni fa con la maglia del Padova. Lalas, parlando a BBC Radio 5 Live, ha riportato di trattative in corso da lungo tempo tra Ibra e i LA Galaxy, che avrebbero pronti "un certo numero di incentivi" per convincere Zlatan a trasferirsi negli Usa: "Credo che abbiano una possibilità. E se sarà quest'estate, o forse fra un anno, penso che comunque accadrà". Un'ipotesi cui crede anche l'ex attaccante della Scozia, Charlie Nicholas: "Andando via adesso lascerebbe alla grande, potendo dire: 'Mi avete messo in dubbio, ma ho fatto il mio in Inghilterra. Ora posso andare in America ed essere il nuovo Beckham, l'immagine della MLS". Ibra, ha aggiunto Nicholas, "potrebbe giocare lì ancora tre anni, e questo è probabilmente ciò che ha in mente". Ibrahimović , centravanti di 35 anni ma ancora in grande forma (già 26 i gol totali in questa stagione), permetterebbe di certo ai LA Galaxy di fare un salto enorme in termini sia tecnici che di marketing, in particolare dopo che al termine dell'ultima stagione sono terminati i contratti con Robbie Keane e Steven Gerrard. Due partenze che, insieme a quella di Bruce Arena per la panchina della Nazionale USA, sostituito da Curt Onalfo, hanno spinto LA verso un inusuale anonimato in MLS, almeno sulla carta. "È una buona opportunità per lui di entrare in questo mercato e introdurre quel brand 'Zlatan' che molte persone al di fuori del calcio non conoscono", ha aggiunto Lalas. Il contratto dello svedese da £11 milioni con i Red Devils scade a giugno 2017 (lo United fa solo contratti annuali ai giocatori ultratrentenni, anche se Ibra un'opzione per il prossimo), e la stella svedese sarebbe pronta a fare l'ennesimo salto di carriera grazie agli uffici di Mino Raiola, che da quasi 15 anni lo rappresenta permettendogli di guadagnare cifre sempre crescenti. Hollywood, welcome to Zlatan?

Calciomercato - Socceritalia

Ricardo Kakà giocherà l'ultimo anno con la maglia degli Orlando City: "Futuro? Non so ancora, se tornerò in Brasile sarà solamente per il San Paolo". Sta per terminare l'avventura americana di Ricardo Kakà, che ha annunciato oggi il suo addio agli Orlando City alla fine del campionato 2017. L'ex giocatore del Milan non ha svelato ancora particolari indicazioni sul suo futuro dopo la MLS. Ultimi mesi nel campionato degli USA per il fuoriclasse brasiliano, che ai microfoni di 'Fox Sports' ha annunciato la sua decisione: "Questo è il mio ultimo anno a Orlando. Il futuro? Non so ancora niente, ma voglio restare nel mondo del calcio.  Non passo la mia vita a guardare il conto in banca. Forse avrei voluto giocare qualche anno in Inghilterra, ma non è andata così”. L'ex rossonero non ha ancora deciso la sua prossima destinazione, ma la certezza è una ed è fatta con il cuore: "Se tornerò in Brasile, sarà solamente per il San Paolo, sarebbe difficile giocare per un'altra squadra". In MLS, Kakà ha disputato 55 partite, con ben 20 gol all'attivo. In carriera, oltre alla maglia di San Paolo e Milan, ha indossato anche la casacca del Real Madrid. Conta, al momento, anche 90 presenze (con 29 reti) con la Nazionale brasiliana.

Calciomercato - Socceritalia

SOCCERITALIA
SPORT