SPORT
Con Drogba l'Impact de Montreal sale ad un altro livello
Scritto il 2015-08-18 da SoccerItalia su MLS

La pausa per il Montreal Impact è arrivata al momento giusto, dando così ai quebeçois la possibilità di tirare un po' il fiato in vista di un calendario durissimo che li vedrà scendere in campo per 18 volte nelle prossime 10 settimane, un accumulo dovuto agli impegni di Champions di inizio stagione.

L'Impact occupa attualmente il sesto posto nella Eastern Conference, l'ultimo buono per la qualificazione ai playoff, e con qualche partita da recuperare appunto, che dà loro un po' di vantaggio su Orlando e New York City FC. Ci vorrebbe un crollo sul modello di quello del 2013, quando in panchina c'era lo svizzero Marco Schällibaum e in campo Marco Di Vaio, per non farcela.

Ma con Frank Klopas alla guida, Montreal appare meglio organizzata di due anni fa, sia dal punto di vista del gioco che della forma fisica, grazie anche a qualche ricambio in più. Ma l'obiettivo per il team di Saputo va oltre la semplice qualificazione, puntando almeno al terzo o quarto posto, che consentirebbe di giocare in casa il playoff game per la prima volta.

Inoltre Klopas ha il contratto in scadenza a fine stagione, e certo farà di tutto per conquistarsi il rinnovo. Dopo un difficile 2014, dovesse riuscire a vincere il Canadian Championship - 2-2 l'andata contro Vancouver -, con tanto di posto Champions, qualificandosi per i playoff, e aggiungendo al tutto la semifinale di Champions di marzo scorso, ecco che il posto sarebbe suo anche nel 2016.

Ma su come l'Impact chiuderà la stagione peserà moltissimo l'impatto che avrà l'ingresso in squadra di Didier Drogba. In passato spesso i giocatori in arrivo dall'Europa a metà stagione hanno avuto qualche problema di adattamento, compreso ad esempio Marco Di Vaio quando sbarcò in Canada nel giugno 2012. Ma se Drogba dovesse inserirsi senza troppi problemi, ecco che diverrebbe un vero "game changer" capace di fare sfracelli, specie nella poco spettacolare Eastern Conference (a parte forse per i New York Red Bulls in grande ascesa). L'attaccante ivoriano porta l'attacco dell'Impact ad un altro livello, sia per presenza fisica che per i gol, tutte cose che ai quebeçois mancano sin dal loro sbarco in MLS nel 2012.

Didier Drogba

Non aver mai avuto un attaccante della forza di Drogba ha sempre comportato dover puntare su giocate veloci per infilare le difese avversarie. Ma di fronte a squadre molto chiuse, ecco i problemi. Mentre con Drogba ora il problema sarà per gli altri, visto che mettersi ad aspettare costringerebbe i difensori a gestire l'ex Chelsea troppo vicino alla porta. E sarà difficile vedere avversari chiudersi come ha fatto il DC United qualche giorno fa, vincendo poi con un solo tiro in porta.

Chi poi dovrebbe trarre vantaggio (e viceversa) dall'arrivo di Drogba sarà certamente il centrocampista creativo ex Lecce Ignacio Piatti, spesso sottoposto a trattamenti speciali dagli avversari. Con Drogba certamente ci saranno per lui più spazi, e forse inizierà anche a passare di più il pallone.

Per Didier Drogba il debutto è previsto per sabato contro la Philadelphia Union, in un match che vedrà il primo tutto esaurito dal 2013 per lo Stade Saputo, quando Montreal giunse ai playoff per la prima volta. Si spera che sia il segnale di un nuovo corso, grazie all'arrivo della superstar francofona.

Fonte: Nick Sabetti - Sportsnet.ca

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT