SPORT
NY Cosmos, "magic moment" finito?
Scritto il 2015-07-08 da Dario Torrente su NASL USL NCAA

Il momento magico dei New York Cosmos sembra essere finito il 1 Luglio alla Red Bull Arena, casa dei rivali cittadini New York Red Bulls, i quali memori della figuraccia dell'anno prima hanno schierato la formazione titolare e sono entrati in campo motivati vista l'importanza della partita non sono a livello di avanzamento in Us Open Cup ma soprattutto a livello emotivo e morale visto che tra le altre cose i Cosmos avevano eliminato ai rigori i parvenu dello sceicco Mansour, vale a dire il New York City F.C. sul quale non è necessario dilungarsi.

Tra le altre cose i Red Bulls hanno affrontato e sbaragliato sia il NYCFC che i Cosmos, guadagnandosi gli onori di squadra più forte della città contro ogni pronostico, proprio vero che tra i due litiganti il terzo gode, come recita un detto popolare. I Red Bulls si trovavano in un momento cruciale della stagione mentre i Cosmos stavano godendosi la pausa estiva e gloriandosi dell'impresa dell'eliminazione degli odiati cugini del Manchester Light, e forse memori della scoppola inflitta lo scorso anno ai tori rossi e reputando la squadra rivale più indebolita rispetto lo scorso anno almeno sulla carta hanno forse preso sottogamba la partita o semplicemente si sono trovati fisicamente meno preparati rispetto ai Red Bulls e in più contavano molto sul rientro a centrocampo della stella ibero-brasiliana Marcos Senna.

La squadra di casa parte subito con l'acceleratore ed al 5' minuto passa subito in vantaggio con l'italo-americano Sal Zizzo, ma i Cosmos non si danno per vinti ed al 16' Mkosana è bravo ad approfittare di un errore della difesa e riporta il risultato in parità, ma i Red Bulls al 42' passano ancora in vantaggio grazie ad una rete di Anatole Abang, e pochi minuti dopo l'arbitro fischia la fine del primo tempo. La partita fino a quel momento è stata abbastanza equilibrata e nel secondo tempo i Cosmos fanno entrare in campo Raul che sbaglia di poco il goal del pareggio a pochi minuti dopo l'inizio del secondo tempo, ma da quel momento in poi i Red Bulls prendono saldamente in mano il controllo della partita vincendo quasi tutti i contrasti contro un centrocampo dei Cosmos che di colpo sembra essersi perso e con Marcos Senna quasi assente.

I tori rossi ingranano la quinta e si presentano sempre più spesso e pericolosamente davanti alla difesa dei Cosmos che fa quello che può ma che non ha molti mezzi per fermare la valanga biancorossa e al 54' minuto per via di un fallo in area del rude difensore Hunter Gorskie la squadra di casa guadagna un rigore che trasforma con Sasha Kljestan. I Cosmos meno di dieci minuti dopo hanno un'altra occasione per accorciare il passivo ma Raul prima e Mkosana poi centrano il palo, e questa sequenza incarna in pieno la giornata no dei ragazzi allenati da Savarese.

La partita continua con continui attacchi da parte della squadra di casa ed i Cosmos costretti a giocare di rimessa rendendosi raramente pericolosi, una di queste poche occasioni è la punizione di Marcos Senna quando mancano circa quindici minuti alla fine della partita salvata da una parata magistrale del portiere dei tori rossi, e allo scadere un altro italo americano che tra le altre cose era stato dato vicino ai Cosmos lo scorso inverno fissa il risultato su un perentorio 4-1. L'avventura dei ragazzi di Savarese come lo scorso anno termina agli ottavi di finale e le ambizioni di vittoria della prestigiosa Us Open Cup e consequenziale partecipazione alla Champions' League nordamericana sono rimandate al prossimo anno, mentre i Red Bulls affronteranno in casa i Philadelphia Union ai quarti. Certamente i derby sono sempre partite speciali ed i Cosmos hanno avuto le loro occasioni ma un 4-1 lascia spazio a poche recriminazioni. I fattori di questa sconfitta possono essere svariati e molteplici e certamente la sfortuna è una di questi ma forse i Cosmos avrebbero dovuto prendere meno sottogamba l'impegno e cercare di capire perché il centrocampo, che di fatto è il gioiello della squadra si è liquefatto come neve al sole e nel secondo tempo ha praticamente perso ogni contrasto contro i Red Bulls, sembrava quasi che nel secondo tempo fossero scesi in campo i Long Island Rough Riders, altra squadra minore della grande mela.

Al via la NASL Fall Season

Medicate le ferite i Cosmos sono scesi in campo per l'esordio casalingo in Fall Season contro gli Indy Eleven (nella foto, Sebastian Guenzatti), che sembrano realmente la bestia nera dei ragazzi in casacca verde. Nonostante il dominio dei Cosmos la squadra avversaria è passata in vantaggio al 26' del primo tempo grazie a un goal di Wojciech Wojcik. I Cosmos non si perdono d'animo e nei minuti successivi Stokkelien, Senna e Mulligan si presentano davanti al portiere Kristian Nicht ma senza riuscire a trovare il goal. Comincia il secondo tempo e Stojkov si presenta davanti alla porta dei Cosmos, Restrepo entra per Fernandes, gli Indy Eleven prendono in mano il controllo anche se per breve tempo, al 69' Bover entra per Stokkelien, il nervosismo in campo aumenta e nel giro di pochi minuti sia Danny Szetela che Stojkov vengono ammoniti. Al 76' entra in campo Raul e due minuti dopo Restrepo riporta il risultato in parità e da quel momento i Cosmos assaltano letteralmente la porta degli Indy Eleven ma Kristian Nicht riesce a salvare la partita, Restrepo si presenta ancora in area all' 83' pochi minuti dopo ci provano senza fortuna Marcos Senna e Ruben Bover, al 90' Cory Miller fa in tempo a farsi ammonire e la partita termina poco dopo. Sicuramente un pareggio in casa contro gli Indy Eleven non è il modo migliore per cominciare la Fall Season, ma lo scorso anno andò molto peggio, sconfitta casalinga contro i futuri vincitori del titolo Nasl San Antonio Scorpions, ma oggi come allora ci si chiede ancora una volta perché il pubblico di Long Island è così apatico riguardo i New York Cosmos

Pubblico in calo

Quest'anno un pubblico così basso si era registrato solamente il giorno dopo il derby tra Red Bulls e NYCFC e in ogni caso ci si aspettava un caloroso bentornato da parte dei tifosi ai propri beniamini vista la vittoria del titolo primaverile e la bella avventura in Us Open Cup nonostante l'epilogo amaro, e davanti a questi numeri così striminziti ci si chiede se sia veramente il caso di proseguire con il voler costruire il nuovo stadio a Belmont o emigrare altrove ove i Cosmos tra le altre cose sono stati richiesti da figure istituzionali quali Mike Spano, sindaco di Yonkers, cittadina sita nello stato di New York, ma anche a Brooklin, dove il presidente locale ha espressamente rivelato il suo interesse per i Cosmos e fatto trapelare che a Brooklin ci sarebbe lo spazio per costruire un soccer specific stadium. A questo si aggiunge il silenzio snervante delle autorità locali ed i comitati del no con le loro ridicole motivazioni dettate solo dalla paura del cambiamento senza tenere contro del rilancio dell'area, del consequenziale apprezzamento degli immobili e dei posti di lavoro che il nuovo stadio e l'indotto porterebbero senza contare il potenziamento della stazione locale e tutto questo senza levare un centesimo dalla tasca dei contribuenti locali.

A fronte di medie così anemiche nonostante un prodotto certamente di qualità ma che rappresenta tra le altre cose l'anima calcistica di New York quando non dell'America intera, perché non dimentichiamoci che l'interesse degli americani verso il soccer cominciò proprio grazie ai Cosmos, ed anche nel presente la squadra, tornata a giocare dopo un sonno durato quasi trent'anni è tornata a vincere in una lega in espansione che nonostante i tentativi della MLS e della consociata USL di stritolarla in una morsa è riuscita comunque ad aumentare il numero delle squadre, da appena sette nella spring season 2013 alle tredici della prossima stagione tra cui la nuova squadra di Miami laddove la MLS non è riuscita a tornare nonostante la figura di David Beckham come testimonial. Certamente non è facile eccellere ma anche solo sopravvivere in un mercato saturo come quello di New York, ma viene spontaneo chiedersi se gli abitanti di Long Island meritino o meno i Cosmos, perché il tutto esaurito all'esordio, le buone ed in alcuni casi ottime affluenze come quella durante la chiusura della Spring Season contro Jacksonville e lo scontro in Us Open Cup contro il New York City F.C. fanno pensare ad una comunità non seriamente intenzionata a supportare i Cosmos composta prevalentemente non da appassionati bensì da tifosotti occasionali pronti ad abbandonare la nave al minimo segno di cedimento.

Certamente un nuovo stadio da 25000 posti vorrebbe dire maggiori entrate e quindi la possibilità di scritturare le migliori stelle internazionali anche se magari avanti con l'età e americani titolari in MLS fino all'anno prima ma è questo il pubblico di cui hanno bisogno i Cosmos? E' questo quello che cerca la Nasl?. L'errore di attirare il cosiddetto casual fan è stato già commesso sia dalla prima NASL che dalla MLS nei primi anni di vita, e di questo dovrebbero farne tesoro sia la nuova Nasl in generale che i Cosmos, i quali vista la saturazione del mercato locale per i motivi che già conosciamo che per la particolarità della città di New York, capitale mondiale dell'intrattenimento sia dal punto di vista dei pro sports che per tutto il resto.

Ci si chiede ancora una volta cosa stia facendo l'ufficio marketing della squadra di proprietà della Sela Sport per costruire dalle fondamenta una comunità di tifosi appassionata e numerosa che garantisca sempre anche durante il derby tra Red Bulls e NYCFC ma anche partite chiave di NBA, NFL, NHL e MLB almeno 5000 spettatori tra le mura (per ora) dell'Hofstra Stadium.

Roma non venne costruita in un solo giorno ma ci auguriamo che queste medie anemiche siano presto solo un brutto ricordo o che avvengano in rari casi, se così non fosse verrebbe spontaneo chiedersi se non sia veramente il caso di lasciare Long Island e trasferirsi altrove, magari dividendo il campo coi Cyclones, team di baseball del borgo di Brooklin, in attesa di costruire lì il proprio stadio.

Tornando al calcio giocato si spera che i Cosmos dopo la brutta sconfitta in New Jersey tornino a essere la squadra vista durante la Spring Season e portino a casa un altro soccer bowl vinto stavolta tra le mura amiche. Da New York per ora è tutto

THIS IS COSMOS COUNTRY

Tags : -
Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Dopo le indiscrezioni degli scorso giorni, è arrivato l’annuncio ufficiale: Walter Sabatini, da tempo accostato al Bologna e già da qualche giorno operativo, sarà il nuovo direttore tecnico del club rossoblù. Nel pomeriggio è arrivato il comunicato ufficiale che delinea il perimetro del lavoro di Sabatini come “responsabile della supervisione e del coordinamento delle operazioni calcistiche” sia del Bologna che del Montreal Impact. La presentazione è stata indetta per la giornata di oggi alle 14. Sabatini, 64 anni, aveva lasciato il 20 aprile l’incarico di responsabile dell’area tecnica della Sampdoria dopo meno di un anno di lavoro a Genova. Avviata la carriera dirigenziale nel 1992 alla Lazio, dove era responsabile del settore giovanile, ha poi lavorato alla Triestina, all’Arezzo, a Perugia, di nuovo alla Lazio dal 2004 al 2008, poi al Palermo e dal 2011 al 2016 alla AS Roma, prima di un’esperienza di dieci mesi con Suning, con un ruolo simile a quello di adesso a Bologna, come coordinatore dell’area tecnica di Inter e Jiangsu Suning. Nel corso degli anni, Sabatini ha scoperto e valorizzato talenti quali Aleksandar Kolarov, il portiere uruguayano Fernando Muslera, il terzino svizzero Stephan Lichtsteiner, gli argentini Javier Pastore, Erik Lamela e il difensore brasiliano Marquinhos, scoperto all'età di 18 anni, oltre a molti altri. In Canada trova un Montreal Impact che ha avuto un buon inizio, secondo nella Eastern Conference, nonostante un avvio pesante fatto di 9 trasferte nei primi 10 match, e l'assenza prolungata per infortunio del talentuoso argentino Ignacio Piatti - ex Lecce e stella della squadra quebçois. In rossoblù verrà affiancato dal ds Bigon e da Marco Di Vaio (ex attaccante a Montreal), nello staff capeggiato dall’amministratore delegato Claudio Fenucci, a riporto del presidente Joey Saputo. A Montreal invece troverà una squadra allenata dall'ex Lione e Aston Villa il francese Rémi Garde, mentre a livello dirigenziale dfovrà attivarsi insieme al nuovo CEO Kevin Gilmore per mettere insieme una dirigenza adeguata per portare l'Impact a vincere la MLS Cup portata in Canada per la prima volta nel 2017 dagli storici rivali del Toronto FC. Walter Sabatini nommé coordonnateur technique des départements sportifs du @BfcOfficialPage et de l'Impact.Détails ????#IMFC #WeAreOne https://t.co/kmJudb7Fzf— Impact de Montréal (@impactmontreal) June 17, 2019

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT