SPORT
Mondiali, il trionfo USA firmato dalla ribelle Carli Lloyd
Scritto il 2015-07-06 da Massimo Lopes Pegna su Nazionale USA

L’aveva sognato un paio di notti fa, Carli Lloyd: avrebbe segnato quattro volte nella finale del Mondiale. Mai fidarsi, però. Perché contro il Giappone, la capitana e nuova eroina degli Usa ne ha fatti solo tre. Un hat-trick, una tripletta, confezionato nei primi sedici minuti di una partita messa subito in cassaforte, grazie anche al gol di Lauren Holiday. Un 4-0 iniziale che vendicava con gli interessi il dispetto di quattro anni prima, quando in svantaggio due volte, le nip- poniche avevano poi vinto ai rigori.

PRIMA VOLTA Nessuna aveva mai fatto una tripletta nell’atto finale di una Coppa del Mondo. Due zampate da navigata donna d’area di rigore e l’ulti- mo gol da centrocampo: un’oc- chiata al portiere in posizione troppo avanzata e quella lunga e precisa palombella. Finiva 5-2 e gli Usa alzavano il trofeo per la terza volta, più di tutte le altre nazioni. Ma non conquistavano un Mondiale dal 1999 (pur avendo quattro ori e un argento in cinque edizioni olimpiche), da quando Brandi Chastain spedì in rete il rigore contro la Cina, s’inginocchiò sul prato del Rose Bowl a Pasadena davanti a 90 mila persone, si tolse la maglia, rimase in top nero e finì sulla copertina di Sports Illustrated e sui poster di milioni di bambini americani.

LA MIGLIORE Ora è il momento di Carli. Non si segnano tre gol nella partita più pesante se non si ha nel Dna i geni di gente come Messi. Ne aveva già fatti tre nelle ultime tre partite, dagli ottavi in poi, incluso un assist, e per questo è stata nominata miglior calciatrice del Mondiale. Era la ragazza che aveva messo dentro le reti decisive nelle finali olimpiche del 2008 a Pechino (contro il Brasile) e nel 2012 (contro il Giappone). Ma nel 2011, come Roberto Baggio, aveva mandato alle stelle uno dei rigori della sconfitta proprio con le giapponesi (quella da vendicare). E da lì era ripartita. Perché Carli è sempre stata un’incompresa: mezzala d’attacco non di difesa, bisogno di libertà senza sentirsi rinchiusa in una gabbia di schemi. «Non ascolta mai quello che le dici», l’aveva criticata qualche giorno fa Pia Sundhage, ex c.t. degli Usa e ora delle svedesi. «Se fossi in voi adesso le rifarei la stessa domanda», sorrideva con i giornalisti Carli. Da anni si affida a un personal coach australiano, che paga di tasca sua, per migliorare fisicamente e mentalmente. «Forse qualcuno pensa che sia arrogante, perché dopo l’allenamento metto la musica nelle cuffie e vado in camera». Invece è solo la ricerca di perfezione. Le piace visualizzare, oltre che sognare: «In semifinale con la Germania quando sono andata sul dischetto ho bloccato tutto ciò che avevo intorno: c’ero io, la rete e la palla». Ha studiato Muhammad Ali, Michael Jordan e Wayne Gretzky per capire come si fa ad eccellere. Ora, il presidente Obama e Kobe Bryant le hanno cinguettato dei tweet personali e il suo volto sorridente sarà il nuovo poster del calcio Usa. Anche di quello maschile.

Oltre la vittoria: il soccer si rilancia e le tv applaudono
La veterana Wambach sfida le ipocrisie: al fischio finale si precipita a baciare la moglie

C’è tutto il bello dell’America nei novanta minuti della finale di Coppa del Mondo di domenica sera. La vitto- ria, naturalmente, la terza in sette edizioni, oltre a un argento e tre bronzi: gli Usa non sono mai scesi dal podio. E’ il successo che rilan- cia il soccer anche in quei salotti dove si discute prevalentemente di altri sport, considerati più attraenti. Perché per farsi largo e se- durre nuovi tifosi, in questo Paese devi soprattutto essere vincente. Il calcio femminile lo è e per Mondiale e Olimpiade si ritaglia uno spazio impensabile su giornali e tv, con audience straordinarie.

LEZIONE E RISPETTO Non c’è solo il trionfo sportivo nella notte di Vancouver, ma molto di più. C’è il ri- spetto di Carli Lloyd, la nuova eroina che insiste per cedere la fascia di capitana al suo mito di ragazzina, Abby Wambach, la donna che ha segnato più re- ti nel soccer ed entra in campo negli ultimi minuti per la sua ultima presenza prima della pensione. Poi proprio la Wambach, dopo il fischio finale, tiene una bella lezione di civiltà: va a baciare in diretta mondiale sua moglie, ricordando agli ultimi bacchettoni rimasti che cosa significhi vivere in un Paese libero. Una lezione la impartiscono anche i media americani, che dopo l’ennesima gaffe della Fifa sul sito ufficiale («Alex Morgan è tanto brava quanto bella») insorgono per quell’eccesso di sessismo. E ri- badiscono l’idea di uguaglianza fra uomini e donne: «Ma quando parlano di Cristiano Ronaldo mica scrivono che è “hot”!».

L’OSSESSIONE E poi c’è la storia di questa generazione di calciatrici, che per sedici anni ha convissuto con l’ossessione di emulare quella precedente. E’ come se Buffon, Pirlo e Del Piero nel 2006 avessero tolto di mezzo Zoff, Pablito Rossi e Tardelli, i campioni del 1982. E’ il segno della continuità: più che la vittoria di una squadra, quella di un intero movimento.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT