SPORT
Breitner: Klinsmann ha cambiato la Germania. Bundesliga e Bayern sono il top
Scritto il 2015-01-17 da SoccerItalia su Nazionale USA

Paul Breitner, il maoista capellone dal carattere scorbutico - grande "nemico" di Franz Beckenbauer - che negli anni '70 in campo esprimeva tutta la sua potenza prima sulla fascia sinistra e poi in mezzo al campo con le maglie di Bayern Monaco, Real Madrid e Nazionale della Germania Ovest, è oggi un dirigente ultrasessantenne che porta in giro per il mondo la sua enorme esperienza calcistica e il suo carisma al servizio del Bayern, di cui è ambasciatore in giro per il mondo.

Un lavoro che in questi giorni lo ha portato alla NSCAA Convention di Philadelphia, il meeting nazionale degli allenatori universitari e non solo. Non una prima per Breitner, che per l'occasione ha rilasciato un'interessantissima intervista a Jonathan Tannewald di Philly.com, in cui spazia dalla Premier alla Bundesliga, sino all'opera di Klinsmann con la Nazionale USA. Ecco gli spunti principali:

Questa è la mia seconda convention. La prima fu a Washington nel 1989, quando venni per parlare della mia carriera internazionale. Oggi invece sono molto felice di poter parlare di cosa stiamo facendo nella nostra academy, di come istruiamo i nostri ragazzi, come li trattiamo, e di quale sia il segreto del successo del Bayern Monaco.

Bundesliga, Liga e Premier League

[...] Penso che oggi possiamo comparare la qualità solo con la Liga spagnola. Le squadre della Premier League hanno smesso di imparare e di svilupparsi cinque o sei anni fa. Hanno pensato fosse abbastanza comprare, anno dopo anno, quattro o cinque stelle, grandi giocatori, per vincere tutto. per dominare in Champions League. E hanno sbagliato. 

Il sistema di gioco che usano in Premier League, specialmente i primi quattro o cinque club, appartiene al passato. Non è abbastanza veloce, è troppo statico. Per fare un paragone, è lo stesso stile - possesso palla - che abbiamo iniziato a giocare con Louis Van Gaal [che ha allenato il Bayern dal 2009 al 2011]. Questa è la mia impressione ogni volta che guardo la Premier League. La Bundesliga, per me, insieme alla Primera Division, è la lega migliore. Non solo per il Baarcellona e il Real Madrid che giocano ai massimi livello, ma ci sono altre cinque o sei squadre che giocano uno splendido calcio.

Società di proprietà dei tifosi. Niente oligarchi o emiri. Biglietti a basso prezzo.

Ci siamo guadaganati così il rispetto dei tifosi di Spagna, Inghilterra e Italia. Siamo l'unica lega sana. Il 95% delle nostre società guadagna, e non solo per un anno.  L'esempio migliore è il Bayern Monaco [...] che ha fatto profitti negli ultimi 23 anni. Ci siamo guadagnati i soldi che abbiamo dovuto spendere per acquistare Franck Ribéry e tutti gli altri giocatori.

E abbiamo nuovi stadi perfetti per dare ai tifosi quel tipo di lusso che ci si aspetta nei nostri tempi quando vai a vedere la partita. In Inghilterra devi pagare tre volte il prezzo che paghi in Germania per un biglietto. [...] Ma c'è un altro numero importante per noi e per il futuro della Bundesliga. Il 41% dei nostri tifosi sugli spalti sono donne. E i nostri stadi sono esauriti tutte le partite. 41%! Vuol dire che portano i figli. Per questo penso che abbiamo un futuro dorato davanti.

L'Allianz Arena

Il rapporto coi tifosi e con la comunità locale.

Tutti in Germania hanno interesse a mantenere questa forma che vede il 50% più uno di proprietà dei tifosi. Il Bayern Monaco è di proprietà di 250mila persone. E questo è il sistema che piace ai tedeschi, che si sentono membri di un club. Non abbiamo bisogno di oligarchi. Nessuno li vuole. Non c'è alcuna necessità che un oligarca o la famiglia di uno sceicco di Abu Dhabi, porti i soldi in un club. Non ne abbiamo bisogno. Come detto, se vogliamo comprare un giocatore, ci siamo guadagnati i soldi. Non abbiamo bisogno di una banca, di un oligarca, né di nessun altro.

[Chiaro il riferimento alle proprietà di club quali Chelsea, Manchester City o, quando parla di banche, al Real Madrid e al Barcellona]

La nuova era del calcio tedesco e del Bayern. E il Barcellona che gioca solo per divertimento

Lo stile delle squadre dominanti non è cambiato. Almeno non molto. Siamo in una situazione in cui la Nazionale tedesca, il Bayern Monaco, il Borussia Dortmund, hanno migliorato il gioco del Barcellona. Cinque anni fa con Louis van Gaal al bayern Monaco abbiamo iniziato acambiare il nostro gioco compeltamente. Lui ha portato il possesso palla al bayern, ma in posizioni fisse, statiche. E' stato Jupp Heynckes ad iniziare a muovere le posizioni dei giocatori. E adesso abbiamo fatto il terzo passo con Pep Guardiola, giocando in questo moldo ad alta velocità. Ora giochiamo lo stesso calcio che il Barcellona giocava sino a tre anni fa, ma con una differenza decisiva. Negli ultimi due o tre anni il Barcellona ha giocato solo per divertimento. Per esibizione, per dimostrare il proprio livello, senza pensare a cosa stava giocando per. Non stavano gioando per vincere. Abbiamo migliorato lo stile del BArcellona con un centravanti, con Robert Lewandoski e altri, lì a segnare.

Robben e Lewandoski

Com'è cambiata la Nazionale tedesca

La Nazionale ha adottato il gioco che Bayern Monaco e Borussia Dortmund hanno inizato a mettere in pratica due o tre anni fa. Tra gli 11 titolare della finale dei Mondiali 2014 avevamo 7 giocatori del Bayern Monaco e due del Borussia Dortmund. Ogni Nazionale è forte quanto sono forti i club del campionato. Il Bayern Monaco sta dominando il calcio europeo insieme al Real Madrid. Il Borussia Dortmund è in seconda fascia insieme a Barcellona, Chelsea e Man City. Joachim Löw ha solo douvto accettare il modo in cui Bayern Monaco e Borussia Dortmund hanno iniziato a giocare con successo. Come avete visto nella finale di Champions League 2013 a Londra, una delle più belle partite che abbia mai visto.

L'influenza di Jurgen Klinsmann sul calcio tedesco nel 2006.

Jurgen Klinsmann ha fatto un lavoro decisivo insieme a Joachim Löw, il suo assistente all'epoca, per il futuro e per il successo della Nazionale tedesca. Perché? Abbiamo iniziato nel 1990, quando abbiamo vinto i Mondiali, a pensare di essere i migliori. A pensare solo all'allenamento, dimenticando la tecnica. E non guardavamo all'estero, a come giocavano in Spagna, Italia o Inghilterra. la nostra Nazionale e la Bundesliga giocavano un calcio orribile, specie dal 1998 al 2004. A quel punto Joachim Löw e Jurgen Klinsmann hanno aprlato coi responsabili della DFB [la federazione]: "Hey, stiamo andando nella direzione sbagliata. Dobbiamo fermarci e osservare.Cos'hanno sviluppato spagnoli, ingleesi e francesi negli ultimi due anni? Giocano un calcio completamente diverso". Noi giocavamo ancora col libero e la maractura a uomo all'inizio degli anni 2000! Jurgen sapeva che la gente era stufa di vedere quel brutto calcio, così ha convnito tutti.

Klinsmann e Löw hanno inziatoa d implementare le pratiche degli alti, a cambiare la formazione dei nostri ragazzi, dei giovani calciatori. Jurgen lo ha sempre detto: "Abbiamo bisogno di sei/otto anni per tornare ad alti livelli". Abbiamo iniziato a cambiare nel 2004, e dopo sei anni, nel 2010, avevamo un'ottima squadra in Sudafrica. Anche nel 2006, ma quelle del 2010 e 2014 avevano più esperienza.

Klinsmann e Low

Klinsmann e la sua vision per la Nazionale degli Stati Uniti. Molti sono gli scettici.

La nostra impressione in Germania è che stia facendo un buon lavoro qui. quello che potrebbe fare, secondo me, è convincere la gente negli USA che il calcio non ha nulla a che fare col football americano, il basket, l'hockey su ghiaccio e il baseball. Deve convincere le persone che i giocatori di calcio non sono solo atleti. Se devo leggere Alexi Lalas dire che i calciatori americani debbono prendere idee e attitudine dagli altri sport, penso sia una pazzia. I calciatori sono un kisto di altri sport - nuoto, tennis - e l'arte. 

Klinsmann deve convincere la gente che i giovani calciatori non devono essere guidati ogni secondo, ogni minuto in cui toccano la palla. Il calcio non va a comando come il football americano. Per questo non hai bisogno dell'attitudine dei giocatori di football o baseball. Mi spiace dirlo.  E dovete accettare che si deve formare la squadra individualmente, dimenticarsi di comandare ordinare. Date loro la libertà, una posizione, un'area per produrre idee, delle responsabilità. Quando ti difendi devi essere responsabile. Devi impararlo, capirlo. La differenza con gli sport americani che il calcio è dominato dlalo spirito libero, dalle intuizioni, dalle idee. Sono quelle a fare la differenza. Ho parlato con molti allenatori qui, e ho detto loro: lasciateli produrre idee, lasciateli muovere, lasciate loro prendersi responsabilità, e avrette giocatori migliori.

Klinsmann è convinto che molti giocatori americani non siano abbastanza motivato.

Non sono in grado di rispondere. Fino ad oggi pensavo ci fosse un parallelo in termini di metalità tra USA e Germania negli sport. Noi in Germania, e penso anche in America, si fa sport per vincere. Vincere è il divertimento. E i ragazzi debbono imparare a vincere in quattro o cinque anni [di formazione].

Di conseguenza, se Jurgen ha l'impressione che non diano quello che potrebbe essere il loro massimo, forse è perché sa che alcuni di loro non hanno altre possibilità che giocare qui, e dicono "Ok, va bene così, mi diverto". Ma non voglio parlare di questo, non sarebbe giusto.

Klinsmann è uno convinto di avere sempre ragione.

Se non la pensasse così non sarebbe il CT della Nazionale. Sono sicuro che se non avesse giocato da attaccante non avrebbe quella mentalità, la stessa di un portiere: la squadra dipende più da te che da chiunque altro. Quindi senti di più le responsabilità. La mentalità dell'attaccante di successo deve essere [...] “Ok, questa è la mia partita, e il mio obiettivo è segnare, segnare, segnare”. Se uno dice "[....] basta che vinca la squadra", allora è meglio che cambi posizione.

E' importante insegnare ai giocatori che prima giocano per sé stessi e poi per la squadra. Tutti cercano di vincere per sé stess. Tutti. Facciamo sport in gruppo, ma non è la squadra a vincere. Il calciatore esperto vuole vincere, vulle diventare campione del mondo, campione americano, per sé stesso. Lavora, si allena, combatte negli anni per i risultati. La stella non è la squadta. io sono la stella, voglio vincere. Insieme ai miei colleghi, ma voglio segnare

Fonte: Jonathan Tannewald - Philly.com

Paul Breitner quando militava nel Bayern Monaco

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT