SPORT
Capolinea Thierry Henry. Lotta al razzismo e gol da fenomeno
Scritto il 2014-12-17 da Franco Spicciariello su MLS

Dalle stelle alle statue. Gol fantastici e mani galeotte. Conto in banca generoso e avaro di sorrisi: mai visto, nei tempi moderni, un campione così serio nei festeggiamenti. Una bella storia di calcio finita ieri, con un annuncio alla sua maniera: «È stato bello, ma dopo vent’anni mi ritiro. È stato un viaggio incredibile. Spero di avervi divertito». Firmato, Thierry Henry. L’abbandono era annunciato: si aspettava la fine del campionato statunitense. Ma anche così, la notizia fa il botto. In Inghilterra, segna la giornata sportiva. In Francia, si saluta il miglior realizzatore di sempre. In Italia, lo abbiamo visto poco e non fu colta in pieno la sua grandezza: un litigio con Luciano Moggi provocò l’addio. «Mi mancò di rispetto. Io sono una persona onesta. Senza quel fattaccio sarei restato», raccontò nove anni dopo il trasferimento dalla Juventus all’Arsenal. Ma a Torino non c’è solo il litigio con Moggi. Henry ebbe problemi anche con Lippi: «Non mi faceva giocare. Non mi vedeva. Con Ancelotti invece le cose andarono meglio». A Barcellona si sono goduti il suo tramonto: con Messi ed Eto’o, un trio da favola. A New York [con i Red Bulls, NdR] gli ultimi lampi di un campione, entrato nella storia del calcio con numeri da abbassare il cappello: 917 partite e 411 gol, senza contare la valanga di trofei con i club e l’accoppiata mondiale europeo in Nazionale, tra 1998 e 2000.

LA MACCHIA Una cavalcata straordinaria, con una macchia: il doppio tocco di mano nel ritorno dei playoff mondiali contro l’Irlanda di Trapattoni, nel novembre 2009, che permise a Gallas di firmare il 21 e di portare la Francia in Sudafrica. Un gesto profondamente antisportivo, che indignò non solo gli irlandesi, ma provocò un putiferio anche in Inghilterra e creò problemi seri alla Fifa. «Non ho imbrogliato», la sua difesa, ma il gesto resta, come la qualificazione della Francia. A sua scusante, una considerazione: quanti si sarebbero comportati come lui, in una situazione come quella, con un mondiale che stava sfuggendo? Fare i moralisti in poltrona è sempre facile.

IL RAZZISMO Ma Henry non è stato solo carnefice: è stato anche vittima. Nel 2004, fu insultato dal c.t. spagnolo Aragones che rivolgendosi ad un suo giocatore, Reyes, disse: «Dì a quel negro di merda che sei molto meglio di lui. Diglielo da parte mia. Devi credere in te, sei migliore di quel negro...». L’episodio fece di lui un’icona della lotta al razzismo. Henry si è impegnato in prima persona, coinvolgendo altri colleghi e dando vita al progetto Stand Up Speak Up. L’Henry migliore è stato quello dell’Arsenal, dove nel 1999 ritrovò Arséne Wenger, conosciuto ai tempi di Monaco, dove era approdato grazie alla segnalazione dell’osservatore Arnold Catalano. Wenger fece la cosa più semplice: spostò Thierry dall’esterno al centro dell’attacco e, d’incanto, per almeno sette anni l’Arsenal si godette i gol di uno dei migliori bomber del mondo. Del resto, bastava ascoltare la definizione che dava Henry di sé: «Come gioco? Giro lontano dall’area, ma mi piace segnare». Rimase a secco le prime otto gare, poi si sbloccò e non si fermò più. Un fuoriclasse, con il vezzo di festeggiare senza sorrisi («è colpa di mio padre Antoine se non riesco a godermi questi momenti»), lasciandosi andare ad una scivolata in ginocchio sull’erba: la statua in bronzo all’esterno dell’Emirates, realizzata dagli scultori Margot Roulleau Galais e Oan Lander, lo raffigura così. Non ha avuto un’infanzia facile, Thierry Daniel Henry, nato nel sobborgo parigino di Les Ulis, figlio di padre guadalupense e madre martinicana. La banlieu della capitale francese ti fa crescere in fretta, ma lascia ferite profonde nell’anima. Il calcio ha allontanato Henry dalle sue origini, portandolo nel club ristretto dei dieci calciatori più ricchi al mondo. Abbandonata l’attività, è già inserito nello staff dei commentatori di Sky. Ma lui non si accontenta: vuole allenare. Wenger, il padre putativo, lo ha avvertito: «Deve capire che per allenare non basta essere stato un grande campione. Bisogna studiare e cambiare modo di pensare».

STILE UNICO Cresciuto con Van Basten come modello, Henry si consegna alla storia del calcio come uno dei pochi interpreti moderni capaci di incantare. Il senso innato del dribbling e la rapidità nell’uno contro uno, sorretti dalla capacità di ripetere all’infinito scatti di trentaquaranta metri, hanno reso unico il suo stile. Henry ha riempito gli occhi di chi ama il calcio. Ora, al momento dell’addio, il mondo del football lo omaggia. Per Gary Lineker, è uno dei più grandi di tutti tempi. Aaron Ramsey e Mesut Özil lo definiscono «leggenda». Per Theo Walcott, «è il mio modello». In Francia, l’ex juventino Lilian Thuram ha detto «tra noi c’è un legame particolare, sono fiero di lui», mentre Sylvain Wiltord ha raccontato «con Platini e Zidane è il più grande giocatore del calcio francese di tutti i tempi». Henry su twitter ringrazia tutti. Ma è il calcio che deve ringraziare lui: sono campioni come Thierry Henry che fanno la storia.

Fonte: Stefano Boldrini - Gazzetta dello Sport

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT