SPORT
Mondiale per Club: Cruz Azul spazzato via dal Real Madrid
Scritto il 2014-12-17 da Franco Spicciariello su Concacaf

Ancelotti conquista la finale del Mondiale per Club e allunga la striscia positiva: coi messicani a segno Sergio Ramos, Benzema, Bale e Isco

«Le altre sono buone squadre, Il Madrid è una “maquina”» ha detto lunedì notte Fabio Capello in spagnolo alla radio onda Cero. La definizione pratica del termine abusato nella declamazione calcistica del castigliano è arrivata ieri sera a Marrakech, nella semifinale del Mundialito tra Madrid e Cruz Azul. Per il Real un primo gol su calcio piazzato al quarto d’ora, il secondo al 36’ a spegnere le interessanti velleità avversarie, poco dopo un rigore parato da Casillas, mazzata psicologica per l’avversario. Quindi la stilettata al 5’ della ripresa: contropiede, 30 e adios. Poi è finita 40, e allora ecco anche la definizione numerica di «maquina»: una squadra che arriva a 21 vittorie di fila (record mondiale a 24, del Curitiba brasiliano), con un score di 79-10. Una squadra che nel 2014 ha fatto 176 gol e vinto 50 volte, strappando ieri sera due record al Barça di Guardiola che nel 2012 era arrivato a 175 e 49.

QUALCHE PENA A LA GOLEADA Come già venerdì con l’Almeria il Madrid ha sofferto più di quanto non dica il risultato (in Liga fu 41) ma ha ottenuto ciò che voleva: la qualificazione per la finale di sabato contro la vincente di San Lorenzo vs Auckland City, in programma stasera sempre qui a Marrakech, con incredibile prova di tenuta del prato del Grand Stade, pestato da 3 gare in 24 ore dopo il polemico forfait per allagamento dello stadio di Rabat. Per il Madrid un altro bel passo verso la gran chiusura di questo 2014 mirabilis, Ancelotti a fine gara l’ha definito «indimenticabile», e la conquista dell’unico trofeo che ancora manca alla bacheca della Casa Blanca. Troppo talento in ogni reparto per non poter sopperire a un normale appannamento fisico.

ENCOMIABILE CRUZ AZUL Mettetevi nei panni del Cruz Azul: 13° in Liga, già campione uscente della Champions Concacaf, appena una vittoria nelle ultime 7. Punti tutto su questa partita, vetrina con vista sul mondo. Ti trovi in un stadio «blanco» come la neve dell’Atlas che incornicia spettacolarmente Marrakech, col pienone di marocchini invasi dal fanatismo madridista allo stadio già 3 ore prima della partita e un incitamento che nemmeno al Bernabeu: cori per tutti gli uomini di Ancelotti, calore autentico e incondizionato. La giochi bene, non sbrachi quando prendi gol subito, ci provi con qualità, palleggi e intensità. Però sprechi le tue opportunità e finisci con lo scontrarti contro un muro. E lasci agli almaracconterà tutta la storia di questa serata.

RIGORE SBAGLIATO Perché dopo l’1-0 di Ramos, testa su punizione perfetta di Kroos (uscita a vuoto del portiere Corona, 51° gol di Sergio col Madrid, 10° assist del tedesco in questa stagione), il Cruz Azul ha messo in difficoltà gli spagnoli. Soprattutto con la vivacità dell’ecuadoriano Rojas sulla destra. Ramos ha salvato la baracca tuffandosi su un tiro di Rojas e poco dopo Carvajal con una cavalcata perfetta ha servito a Benzema il 2-0 (rete numero 125 in maglia bianca per il francese, 13° nella classifica del club). I messicani hanno rialzato la testa e si sono visti omaggiare di un rigore molto dubbio (Ramos su Pavone), ma il capitano Torrado si è fatto incantare da Casillas che non ha parato un rigore per 45 mesi e ne ha presi 2 in 4 giorni. Ad inizio ripresa Ronaldo (11 assist stagionali) ha servito a Bale il 3-0 a porta vuota e per dare l’idea della serataccia messicana appena entrato Barrera ha colpito il palo. Quindi Isco ha messo a sedere un paio di avversari prima di segnare il 4-0. A fine partita hanno chiesto ad Ancelotti come si fa ad allenare uno squadrone così: «E’ molto facile – ha detto sincero Carlo –. Questi ragazzi sono incredibilmente seri e ambiziosi, è la rosa più facile da allenare che ho mai avuto». Perché questo Madrid non è una buona squadra, è una «maquina».

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT