SPORT
La USL PRO cresce, ma le "Soccer Wars" continuano
Scritto il 2014-12-31 da Dario Torrente su NASL USL NCAA

E’ di pochi giorni fa la notizia che la USL Pro, ora spalleggiata e foraggiata dalla MLS, ha presentato domanda alla U.S.S.F. per poter così guadagnare lo status di seconda divisione nel panorama del soccer Usa strappando così il posto alla Nasl, che se dovesse essere retrocessa a terza divisione americana verrebbe così condannata al fallimento. Le ragioni di questa mossa da parte dei dirigenti della USL hanno radici antiche di odio atavico risalente al 2009, quando l’allora commissioner della lega Francisco Marcos, decise di vendere la lega alla società NuRock senza consultare i proprietari delle squadre, molti delle quali avrebbero invece voluto che la lega fosse venduta ai titolari delle franchigie.

La decisione di Marcos creò una scissione all’interno dei piani bassi della piramide del soccer a stelle e strisce, costringendo così la federcalcio a creare per il 2010 una USSF D2 provvisoria mentre l’allora USL Second Division rimase con appena cinque squadre. I proprietari delle franchigie ribelli decisero così di creare una nuova lega con l’ambizioso nome di Nasl, che seppur non avendo nessun collegamento diretto con la storica lega fallita nel 1984 se ne considera l’erede morale e materiale, tanto da annoverare nei propri ranghi nomi storici di quelle che furono alcune tra le squadre di grido in quegli anni, New York Cosmos in testa ma anche Fort Lauderdale Strikers e Tampa Bay Rowdies.

Nel frattempo la U.S.S.F. ha insignito la Nasl. del titolo di seconda divisione retrocedendo così la storica USL al ruolo di serie C americana. Le due leghe con gli anni si sono rinforzate, la USL ha fuso le due divisioni, e dopo l’insuccesso delle squadre caraibiche di Puerto Rico ed Antigua ma anche altre franchigie fallimentari come l’F.C. New York si è via via ingrandita aumentando ogni anno il numero delle proprie squadre, ma la vera svolta che ha dato nuova linfa alla nuova USL Pro sono stati gli accordi di partnership con la MLS, sfociati in affiliazioni delle franchigie USL con le più titolate squadre di MLS diventando così ufficialmente il vivaio della massima serie a stelle e strisce. Nel 2014 la MLS è passata dalle affiliazioni alle squadre B come avviene in molti campionati europei, come in Germania e Spagna. Questo ha portato ad una crescita smisurata della USL Pro che dopo tanti anni di campionato a girone unico si trova dalla stagione 2015 ad ospitare ventitré squadre divise in due conference.

La Nasl nel frattempo, dopo aver perso Montreal Impact, emigrati nella più prestigiosa MLS e Puerto Rico Islanders, è passata dalle sette franchigie della Spring Season 2013 alle attuali undici squadre includendo nei propri ranghi gli storici New York Cosmos, Indy Eleven, Ottwa Fury e Jacksonville Armada. Sebbene la USL Pro conti al momento più del doppio delle squadre annoverate dalla Nasl la composizione delle due leghe è molto diversa, in quanto essendo diventata ufficialmente o quasi la succursale della MLS dove vengono mandati i giovani interessanti per farsi le ossa, e salari inferiori rispetto alla Nasl, sarebbe giusto visto anche il grande lavoro della lega del commissioner Bill Peterson e dei suoi predecessori senza avere le spalle coperte dalla MLS, (che anzi spalleggia la USL unendo l’atavico odio della lega satellite verso i traditori alla paura di poter avere un giorno una temibile concorrenza e dover così alzare e non di poco il salary cap e magari rinunciare al modello unico al mondo di entità unica) che la federazione lasciasse le cose come stanno.

Non è ancora dato di sapere cosa deciderà la U.S.S.F., ma quel che si spera è che l’ennesima soccer war, stavolta una guerra fredda, almeno per ora, termini senza lasciare morti sul terreno, e che il buon senso stavolta trionfi sull’odio generato dalle fazioni in lotta l’una contro l’altra. Pochi mesi fa il commissioner della Nasl  aveva addirittura affermato che le squadre della Nasl potrebbero tranquillamente ben figurare in Concacaf Champions’ League, ma la realtà è che il parco giocatori della lega è comunque composto in prevalenza di carneadi, ex universitari convocati al superdraft e non selezionati dalle squadre della MLS, giocatori proveniente dalla USL Pro, ragazzi stranieri di nascita ma formatisi nel sistema calcistico della NCAA, atleti che han fatto panchina nella MLS e qualche vecchia conoscenza che aveva discretamente figurato in prima divisione ed alcuni nazionali e non degli stati caraibici e centroamericani, salvo alcune eccezioni.

Oltre i Cosmos, che possono annoverare l’ex nazionale Usa Danny Sztela, Carlos Mendes che non aveva sfigurato nei Metrostars/Red Bulls, l’ex Sporting Gijon Ayoze, il brasiliano Roversio che sebbene non sia un grande nome ha giocato sia in Portogallo che nella liga spagnola in forza a Osasuna e Betis e le stelle internazionali Marcos Senna e  Raul, son poche le squadre che possono annoverare giocatori di classe e fama internazionale. I Carolina Railhaks, una delle squadre più conosciute e competitive della Nasl possono mostrare come pezzi più preziosi del loro parco giocatori l’ex Red Bulls e Philadelphia Union Nick Zimmerman, e il capitano nazionale portoricano Kupono Low, l’ex Washington DC Jordan Graye, l’attaccante Zack Schilawski già dei New England Revolution, il centrocampista Austin Da Luz, riserva in passato di New York Red Bulls e Washington DC, forse buoni giocatori da collettivo per la categoria ma di certo non fuoriclasse. Alzano la media il nippo-americano Jun Marques Davidson con esperienza nella J-League sia in seconda che in prima divisione e lo spagnolo Nacho Novo, che può vantare esperienze in Scozia con Dundee e Rangers ed in Spagna con lo Sporting Gijon ed ha giocato anche in Polonia in forza al Legia Varsavia ma non si tratta certo di calciatori di fama internazionale.

A Tampa Bay la situazione non varia di molto, con l’ex nazionale Under 20 Gale Agbossoumonde con alle spalle qualche presenza nel Toronto FC ed esperienze internazionali non sempre andate a buon fine con Braga ed Estoril Praja in Portogallo, la squadra B dell’Eintract Francoforte e gli svedesi del Djurgardens IF. Il bulgaro Georgi Hristov ha giocato con più squadre nella sua nazione d’origine ma il campionato bulgaro è di modestissima levatura per cui non si può certo definire un calciatore titolato, mentre il portiere Matt Pickens ha difeso la porta dei Colorado Rapids dal 2009 al 2014 prima di essere mandato in quel di Tampa. Il difensore Black Wagner è ex nazionale Usa Under 23 ed ha accumulato un pugno di presenze in MLS tra FC Dallas, Vancouver Whitecaps e Real Salt Lake ma era stato già acquistato dai San Antonio Scorpions nel 2012 mentre Corey Hertzog aveva provato ad affermarsi in MLS con New York Red Bulls e Vancouver Whitecaps ma non può vantare che una dozzina di presenze in tre anni ed ha militato prevalentemente in USL Pro con Wilmington ed Orlando. Juan Guerra è stato acquistato di recente dal nuovo ct Thomas Rongen ed ha militato in più club in Venezuela ma si tratta di un giocatore di categoria mentre il nativo del Malawi ma naturalizzato inglese Tamika Mkandawire ha girovagato nelle serie minori inglesi con West Bromwich Albion, Hereford United, Leyton Orient, Milwall, Southend United e Shewsbury Town, sicuramente la sua esperienza è un bagaglio utile alla squadra ed alla Nasl e c’è da dire che la rosa per la stagione 2015 è in allestimento ma difficilmente vedremo un acquisto che faccia per così dire saltare il banco. Gli attuali campioni in carica, i San Antonio Scorpions, possono annoverare tra le loro fila oltre al francese già nazionale Under 21 Eric Hassli, ex Vancouver Whitecaps e Toronto FC e precedentemente in forza a Servette, Neuchatel Xamax, FC St Gallen, FC Zurigo ed in patria presso il Valenciennes, altri giocatori interessanti quali il difensore Greg Janicki, un pugno di presenze in MLS con Washington DC e Vancouver Whitecaps per lui, mentre il colombiano Rafael Castillo ha girato più club prestigiosi nel suo paese quali Real Cartagena, Indipendiente de Medellin, Milionarios Bogotà, Deportivo Pereira, Nacional de Medellin e Llaneros e vanta anche un’ esperienza negli Emirati con l’Al Ahly, e sebbene arrivato a metà stagione è stato determinante per la conquista del titolo. Ryan Guy, sebbene sia stato utilizzato appena tre volte ha accumulato esperienze professionali in Irlanda nel St Patrick coi quali segnò anche un goal durante le qualificazioni per la Coppa Uefa nel 2007, firmando la prima vittoria in trasferta in campo europeo per il club, e dal 2011 al 2013 il centrocampista nazionale dell’Isola di Guam ha giocato stabilmente in MLS coi New England Revolution. Il difensore Jonathan Borrajo, snobbato dai New York Red Bulls ha militato recentemente sia nell’HamKam che nel Mjondalem in Svezia, mentre il nazionale trinidegno Julius James si è formato in MLS nei ranghi di Toronto FC, Houston Dynamo, Columbus Crew e DC United. Anche l’ex nazionale canadese Adrian Cann alza la media della squadra, già alta per la categoria, e della Nasl grazie ai suoi trascorsi con le maglie di Montreal Impact, Vancouver Whitecaps, gli svedesi dell’ Esbjerg e la MLS con il Toronto FC. La squadra campione del 2014 pur non avendo giocatori di fama internazionale ha più individualità che possono vantare esperienze significative sia in MLS che in campionati esteri, San Antonio rappresenta quello che tutte le squadre della Nasl dovrebbero cercare di essere per poter veramente dire di poter eguagliare il livello della massima serie Usa. Ad Ottawa la situazione si mantiene invece nella media col carneade brasiliano Paulo Junior, già di Fort Lauderdale Strikers e Real Salt Lake ma senza impressionare e la scorsa stagione in forza al Nautico, dove è sceso in campo quindici volte senza mai segnare. I canadesi Carl Hawort e Mario Eustaquio vengono dalla PDL o da esperienze giovanili all’estero nel caso di Eustaquio, mentre invece il connazionale Mason Trafford dopo essersi fatto le ossa in PDL e USL con i Whitecaps e Real Maryland Monarchs ha accumulato esperienze in Svezia con l’HamKam ed addirittura in Cina col Giuzhou Zhicheng. L’attaccante americano Tom Heinemann può vantare presenze nei Columbus Crew e Vancouver Whitecaps ma non è mai stato un attaccante molto prodigo di goal, per alzare il livello di gioco e la classifica degli Ottawa Fury ci vuole altro o che torni ai fasti dei St Louis Lions in PDL, ma il calcio professionistico è un’altra cosa. Il portiere francese Romuald Peiser ha trascorsi nella serie B francese e tedesca, e nella terza divisione portoghese, certamente non un fuoriclasse ma la sua esperienza internazionale può comunque essere utile alla squadra e alla lega in genere, mentre Omar Jarun, a parte il giocare nella nazionale palestinese ha prestato i suoi servigi in Polonia ed in Belgio dove però è sceso in campo solo due volte con lo Charleroi, mentre il centrocampista irlandese Richie Ryan, a parte aver militato in vari club del suo paese tra i quali lo Shamrock Rovers può anche dire di aver accumulato otto presenze in Belgio con la maglia del Royal Antwerp e di aver disputato in scozia con il Dundee United. Il capitano Nicki Paterson, originario della Scozia, ha giocato in passato nella serie B scozzese con Hamilton Academical e Clyde, nel complesso si può dire che il nocciolo duro di Ottawa non è scadente e sicuramente con l’esperienza e qualche innesto il 2015 sarà migliore della prima stagione appena passata comunque la rosa della squadra ricorda un po quelle dei primi anni della MLS, il che per la Nasl è un buon punto di partenza.

I Jacksonville Armada hanno affidato la direzione tecnica all’argentino Jose Luis Villareal, già giocatore titolato in più club europei ed argentini, mentre nella rosa, ancora in allestimento visto lo status di expansion franchise possiamo vedere oltre l’attaccante Jemal Johnson, già dei Cosmos e con esperienze nelle serie minori inglesi anche il difensore Shawn Nicklaw, che prima di passare ai Jakcsonville Armada ha indossato le magliette di HB Koge e Thor in Danimarca ed Islanda. Il centrocampista colombiano Jaime Castrillon, oltre ad aver fatto parte nella passata stagione dei Colorado Rapids in MLS dove ha giocato stabilmente ha in passato disputato campionati in patria con Indipendiente de Medellin e Once Caldas ma ha anche giocato in Cina con il Nanchand Bayi di Shangai. Sicuramente un giocatore di esperienza che darà consistenza al centrocampo della neonata squadra. La situazione cambia ad Edmonton dove il valore della squadra è purtroppo molto più modesto. Di tutti i giocatori canadesi solo Frank Jonke ha un passato di militanza nel campionato finlandese, una lega certamente modesta ma che è pur sempre in Europa, gli altri provengono o da squadre dalla PDL o giovanili dell’Edmonton FC.

Un po meglio si può dire dei quattro americani in squadra. Il portiere Matt Van Oekel viene dai Minnesota United, Beto Navarro, alla seconda stagione con gli Eddies, ha in passato prestato i suoi servigi agli Atlanta Silverbacks, mentre Chad Burt era stato preso a stagione in corso dagli svedesi dell’ Myresio IF ma una volta arrivato in Canada sembra aver smarrito il fiuto del goal. Il centrocampista Milton Blanco invece ha alle spalle militanza in varie squadre di PDL, USL Pro, Nasl in forza agli Atlanta Silverback e cinque presenze con i Chivas Usa in MLS, un onesto pedatore ma per alzare il livello ci vuol ben altro. Dei vari stranieri presenti in rosa della squadra quasi nessuno di loro ha esperienza internazionale di alto livello, avendo militato chi in club semiprofessionisti tedeschi, chi in Irlanda del Nord o nelle serie minori inglesi ed in Islanda e Finlandia, per aumentare la qualità del gioco in campo, i risultati e gli spettatori sugli spalti ci vuole di più, molto di più, e forse bisognerebbe anche cambiare nome e blasone, troppo blandi ed incapaci di suscitare passione, perché non chiamarsi come la squadra storica della NASL e altre leghe indoor Edmonton Drillers? I campioni d’inverno Minnesota United, possono invece vantare una rosa qualitativamente molto più altra, cominciando dagli stranieri. Tranne Cristiano Dias, in passato a club minori brasiliani e lo sfortunato Miami F.C., e Pablo Campos che comunque può dire di aver accumulato otto presenze con gli svedesi del GAIS ed una quarantina buona di convocazioni in MLS  tra San Jose Earthquakes e Real Salt Lake, gli altri hanno tutti alle spalle militanze passate in club brasiliani e stranieri. Tiago Calvano ad esempio, l’anno scorso dato per vicino ai Cosmos, ha cominciato la sua carriera col Botafogo, popolare club di Rio de Janeiro per poi finire alla squadra riserve del Barcellona e di lì in Svizzera per gli Young Boys ed accumulare poi successivamente presenze in Germania con MSV Duisburg e prima e seconda squadra del Fortuna Dusseldorf coi quali è sceso in campo nove volte. Prima di finire nella Nasl era stato in forza a Newcastle Jets e Sidney F.C. nella A-League australiana. Daniel Mendes ha prestato i suoi servigi in Svezia nel Kalmar FF e successivamente nel Degerforts IF e GAIS ma anche in Corea con l’Ulsan Hyundai e in Colombia con il Nacional De Medellin ed ancora in Svezia con l’AIK Sollna. Juliano Vicentini invece dopo aver esordito con qualche apparizione nel Palmeiras è poi passato al Curitiba e successivamente al Flamengo ed alla Juventude, per poi approdare nella serie B italiana prima col Pisa e poi col Lecce. L’ultima esperienza prima di approdare negli Usa è stata per lui sempre in Italia col Novara.

Sicuramente non sono nomi che fanno lievitare le presenze allo stadio ma il loro apporto in campo è di sicuro aiuto e la loro esperienza è utile per far crescere tecnicamente gli americani in campo, alcuni già di discreta levatura. Primo su tutti spicca Miguel Ibarra, balzato alle cronache per essere stato convocato dal ct della nazionale Usa Jurgen Klinsmann, il capitano Aaron Pictchkolan che tra il 2005 ed il 2009 ha accumulato un’ottantina di presenze tra FC Dallas e San Jose Earthquakes. Dei Minnesota United si può affermare la stessa cosa già espressa riguardo i San Antonio Scorpions. Ad Indianapolis le cose durante lo scorso campionato avrebbero potuto andare meglio ma l’inesperienza ed il minor tempo di coesione hanno fatto si che nell’anno di esordio la squadra non eccellesse anche se con il pareggio in trasferta all’Hofstra Stadium hanno fatto perdere ai Cosmos il titolo primaverile, e nel parco giocatori sono presenti alcune buone indivualità, primo tra tutti il brasiliano campione del mondo 2002 Kleberson, che oltre la Coppa del Mondo ha potuto alzare al cielo anche la Copa America nel 2004 e la Confederation Cup nel 2009.

Certamente la sua presenza nell’attuale Nasl si può paragonare a quella di Geoff Hurst nella NASL originale, ma le sue otto reti hanno dato un discreto contributo agli Indy Eleven e sicuramente se la media spettatori è stata durante la stagione appena conclusasi di  10465 paganti, la più alta di tutta la lega, il merito è anche suo. L’onduregno Sergio Pena è stato dato in prestito dalla Real Sociedad, e il macedone Dragan Stoikov, fresco d’acquisto dalla squadra riserve dei Los Angeles Galaxy può vantare una coppa di Serbia conquistata nel 2013 quando difendeva i colori dello Jagodina. Il portiere tedesco dell’est Kristian Nicht è stato in passato di Stuttgart Kickers, Alemania Aachen, Viking Stavanger in Svezia e prima di approdare in USL Pro con i Rochester Rhinos era tornato in Germania difendendo la porta del Karlsruher SC. Il difensore Jaime Frias pur avendo passaporto americano è stato dato in prestito dal popolare club messicano dei Chivas di Guadalajara, Brad Ring è sceso in campo trentasette volte in MLS coi San Jose Earthquakes che lo avevano selezionato durante il Superdraft 2009 mentre nel 2013 era stato ceduto ai Portland Timbers coi quali però può vantare solo una presenza, ed ha così deciso di tornare nel suo stato natio. Anche in questo caso l’allestimento della rosa per la stagione 2015 è ancora in alto mare visto il tempo a disposizione ma sicuramente l’esperienza maturata in campo durante il primo anno di esistenza più qualche innesto azzeccato potrebbe far si che la stagione prossima ventura veda gli Indy Eleven nelle posizioni alte della classifica. I Fort Lauderdale Strikers, che pochi mesi fa hanno visto acquistare una quota della società da una cordata capeggiata dal brasiliano Ronaldo, la qualità del parco giocatori e del gioco espresso in campo si alza sensibilmente con il portiere slovacco Kamil Contofalsky, che oltre ad aver difeso la porta dello Slavia Praga prima di arrivare negli Usa ha passato i suoi anni migliori in Russia con lo Zenit di San Pietroburgo coi quali ha vinto oltre il campionato 2006/2007 una Coppa Uefa ed una Supercoppa Europea nel 2008 alle quali si aggiunge la Supercoppa di lega conquistata nello stesso anno ed una Coppa di Russia conquistata nel 2010. Il centrocampista della Guyana Chris Nurse invece sebbene non può vantare un palmares di rilevanza internazionale della stessa portata ha militato in più squadre nelle divisioni minori inglesi come Kingstonian F.C., Sutton United, ed Hinkley United tralasciandone molte altre, ed è stato campione della USSF D2 nel 2010 coi Puerto Rico Islanders, ora defunti,coi quali si è aggiudicato anche il CFU Championship nello stesso anno, valido per la qualificazione in Concacaf Champions’ League. Coi Carolina Railhawks è ha vinto invece la regual season nel 2011, tralasciando la finale persa contro i San Antonio Scorpions durante l’ultimo Soccer Bowl. L’haitiano Fafa Picault è invece il capocannoniere sociale della squadra ed è andato a segno dodici volte su ventiquattro presenze. Il difensore originario dell’Honduras Ivan Guerrero è stato per molti anni titolare nel Motagua, uno dei club più prestigiosi della sua nazione ed è stato acquistato anche dagli inglesi del Coventry coi quali però ha collezionato appena sette presenze in due anni. Tornato poi in patria è stato successivamente acquistato dagli uruguagi del prestigioso club Penarol ed è finito poi in MLS rinforzando i ranghi dei Chicago Fire, coi quali ha potuto giocare stabilmente. Le sue esperienze successive con DC Unite e San Jose Earthquakes sono state meno fortunato e nel 2009 seppur acquistato dai Colorado Rapids non è mai sceso in campo. Tornato ancora nel Motagua è stato poi acquistato dagli Strikers e da allora ne è un perno inamovibile. I Fort Lauderale Strikers sono arrivati quest’anno in finale dopo un campionato altalenante. Il telaio della squadra è buono, forse un paio di acquisti non per forza di calciatori stranieri ma di qualche giocatore titolare in MLS basterebbe per fare il salto di qualità, peccato per il numero esiguo di spettatori, appena 3825 presenze in uno stadio che può contenerne circa ventimila, cosa si potrebbe fare per aumentare i paganti almeno fino a cinquemila unità a partita? Ad Atlanta la situazione è tutta da decifrare con la squadra che per ora ha confermato solo gli americani Edgar Espinoza, Pablo Cruz e Jaime Chavez, e gli stranieri Ferrety Souza, originario del Congo, il togolese Alex Harlley, ed il ganese Kwadwo Poku. Aspettando le prossime riconferme ed eventuali nuovi acquisti c’è però da fare alcune considerazioni, ovvero che i dirigenti dei Silverbacks non hanno mai veramente speso molti soldi per la squadra, e non si parla di tirare fuori milioni di dollari per comprare la stella internazionale al tramonto di turno ma nemmeno per giocatori che comunemente si trovano nelle rose delle altre squadre della Nasl. A parte il titolo di campioni della Spring Season nel 2013 e la finale del Soccer Bowl persa in casa di misura coi Cosmos, gli Atlanta Silverbacks non sono mai stati competitivi, ma tralasciando queste considerazioni bisogna tenere conto che nel 2017 la MLS arriverà in città spalleggiata dai giganti del football americano, e una squadra di seconda divisione che durante la scorsa stagione ha portato allo stadio poco più di 4000 spettatori difficilmente può sopravvivere in una situazione di concorrenza spietata e senza mezzi per poter competere. Forse per i Silverbacks sarebbe il caso di trasferirsi altrove, magari in California  per fare compagnia all’imminente nuova franchigia sita in quel di Los Angeles o nell’Iowa dove i Des Moines Menace hanno ottenuto una buona affluenza in PDL o perché no a Detroit facendo così tornare in vita i Detroit Express. Al di là della situazione di Atlanta bisogna riconoscere che l’attuale Nasl, sebbene in crescita è e rimane una seconda divisione, che se vuole sopravvivere ed espandersi deve lasciar perdere le velleità e lavorare sodo su tutti i fronti. Acquistando giocatori titolati approfittando del fatto di non avere un salary cap magari ingolosendo così alcuni giocatori titolari in MLS, lavorando molto nel settore giovanile per poter così radicarsi nelle comunità locali ed avere in pochi anni alcuni giovani fuoriclasse nei propri ranghi a costo zero, richiamare in patria tutti quegli americani che giocano prevalentemente in nord Europa, potenziare i rispettivi uffici marketing per poter così tra le altre cose attirare anche prestigiose sponsorizzazioni in modo da aumentare la visibilità della lega ed anche contratti televisivi sempre migliori e le presenze allo stadio, scovare in Centro America ma non solo giovani e sconosciuti stranieri che potrebbero fare la differenza e diventare così pezzi pregiati, cercare di strappare alla MLS le scelte dei vari draft, specie del Superdraft che per via della nascita dei settori giovanili e della partnership con la USL sembra perdere via via importanza, migliorare quantitativamente e qualitativamente l’offerta televisiva e, dulcis in fundo, cercare, come per ora hanno fatto solo Cosmos ed Indy Eleven, di attirare calciatori di fama mondiale dimostrando così coi fatti che la Nasl non è una serie B americana ma semplicemente un’altra lega pro soccer che può far concorrenza alla MLS.

Articoli Correlati
L'ESPN FC ha pubblicato il risultato di un sondaggio anonimo, che ha visto 140 risposte da parte dei giocatori di 21 club (il New York City FC non ha partecipato). Il sondaggio ci dice che è, secondo i giocatori, il collega più cattivo della lega, il più sottovalutato e il più sopravvalutato. Il più cattivo Il centrocampista cubano dei Seattle Sounders Osvaldo Alonso (nella foto in tackle) è considerato in assoluto il più cattivo della MLS, con ben il 25% dei voti. "Prende un sacco di ammonizioni. Magari non è il più cattivo, ma va dritto sull'uomo", ha spiegato un giocatore". Nonostante la reputazione tra i colleghi, Alonso è stato espulso solo tre volte nei suoi 9 anni in MLS, di cui due nel 2013 e una l'anno scorso per una rissa con Will Bruin. "Penso sia un giocatore eccezionale, ma per il fatto che gioca in un grande team forse gli arbitri hanno del timore reverenziale rispetto a come trattano altri giocatori", spiega un altro suo collega. La sudditanza psicologica c'è anche negli USA quindi. Alonso venne squalificato nel 2015 dopo una prova TV per aver scalciato il centrocampista dei NY Red Bulls (ed ex Padova) Felipe Martins, a sua volta secondo in classifica con l'11% dei voti. "Sta sempre a lamentarsi. E' uno dei peggiori contro cui abbia giocato", è uno dei commenti. "E' un agitatore, fa un sacco di cose non punibili magari, ma se le persone sapessero rimarrebbero male impressionate", ha detto un altro. Terzo in classifica si piazza Jermaine Jones, appena trasferitosi ai LA Galaxy. Un giocatore ha raccontato che Jones una volta gli ha detto: "Io ho i soldi, tu no". Altri giocatori meritevoli di menzione: Kendall Waston (Vancouver), Diego Chara (Portland Timbers), Aurelien Collin (NYRB) e Clint Dempsey (Seattle). Il più sopravvalutato Per il secondo anno consecutivo è stato votato Mix Diskerud, peraltro appena trasferitosi agli svedesi dell'IFK Goteborg. Fuori squadra dalla scorsa estate, Diskerud è in Svezia in prestito. Nazionale USA, Diskerud ha ricevuto il 16% dei voti, più del doppio di qualunque altro calciatore MLS. I suoi colleghi, evidentemente, hanno considerato il suo contratto da $761.250 del 2016. "Col salario che ha dovrebbe essere un numero uno... Per quello che ha fatto e non ha fatto, il più sopravvalutato non può che essere Mix". Secondo in classifica Michael Bradley col 7%., il cui contratto da $6 milioni annui è evidentemente considerato eccessivo per quanto messo in mostra col Toronto FC. Un altro nazionale USA molto votato è stato il centrocampista della Philadelphia Union Alejandro Bedoya (5%), che ha preceduto Jozy Altidore del Toronto FC (4%) e Jermaine Jones (2%). Un buon 4% è arrivato anche per l'ex di Milan e Juventus Andrea Pirlo (NYCFC), accompagnato da un commento di un collega: "Non vorrei mai averlo in squadra. non si muove". Un altro: "Senza mancare di rispetto, ma non penso c'entri molto con la MLS. In parte perché gioca allo Yankee Stadium che é un po' troppo stretto, dall'altra mi sembra che il meglio lo abbia già dato". Più sottovalutati Il più sottovalutato, per il secondo anno consecutivo, è stato indicato dai colleghi in Dax McCarty col 9% dei voti. Dopo anni tra FC Dallas e NY Red Bulls, oggi McCarty gioca per il Chicago Fire di Velyko Paunovic, dove rappresenta una presenza fondamentale. E dallo scorso gennaio è finalmente uno da Nazionale, dopo l'esordio concessogli da Bruce Arena. "Fa tutto in campo", ha detto un giocatore di McCarty. "Si parla di un giocatore solido in tutto. Fa tutto molto bene". A seguire McCarty il centrocampista dei Portland Timbers Diego Chara. "Un motore incredibile", il commento di un suo collega. In lista ci sono poi Sebastian Lletget (LA Galaxy) col 6% e Ignacio Piatti (Montreal Impact) col 3%. Molto votati anche Darlington Nagbe, Sam Cronin ("Ha cambiato il volto dei Colorado Rapids"), Tommy McNamara (NYCFC), Kelyn Rowe (New England), e Eric Alexander (Houston Dynamo). Assente dalla lista dei sottovalutati Sebastian Giovinco, anche se l'80% dei votanti ha dichiarato che l'attaccante del Toronto FC non è stato considerato in maniera adeguata in ottica MVP award 2016. Giovinco will be front-runner for MVP #TFC https://t.co/nkEMVQWyQW pic.twitter.com/8lRwkZ0qRM — Toronto FC Report (@fanly_torontofc) March 3, 2017

Calcio - Socceritalia

Possibile la scelta di altre quattro candidate già entro il 2017, che potrebbero diventare cinque se nel frattempo Miami dovesse saltare Continua l'expansion della MLS, che nel 2018 salirà a quota 23 squadre con l'ingresso del LAFC, il Los Angeles Football Club. Lo ha confermato il commissioner della lega, Don Garber, che che ha dichiarato che "nessuno si aggiungerà al LAFC nel 2018, che quindi entrerà da solo". La notizia arriva a conferma delle sempre maggiori difficoltà per il gruppo guidato da David Beckham di riuscire a lanciare un team a Miami, bloccato dalla questione stadio che sembra senza sbocchi al momento. Inoltre, si susseguono voci che nella stessa MLS l'interesse per il team di Beckham, che verserebbe solo 25 milioni grazie al suo accordo dei tempi del trasferimento negli USA in un momento in cui un expansion team vale fino a $200 milioni. E' saltata invece la possibilità di vedere Sacramento quale back up immediato, che da molti era visto come possibile. “Entro la fine dell'anno prenderemo una decisione sui team 25 e 26" (Miami sarebbe la numero 24, NdR), ha aggiunto Garber. "E' anche possibile che decideremo i team 27 e 28 nello stesso momento, anche se non è quello il piano. Sabato scorso ero ad Austin per incontrare la U.S. Conference of Mayors. La metà dei sindaci presenti o aveva un team MLS in città o erano candidati all'espansione. C'è un enorme interesse da parte delle 12 città candidate. La tempistica è stretta ma siamo in linea”. Ecco il quadro delle candidate: Charlotte Proprietà: Marcus Smith, presidente e CEO della Speedway Motorsports, Inc. Stadio: Demolizione del Memorial Stadium, sostituito da un impianto da 20,000 posti per una spesa di $175 milioni. Situazione: Lo stadio, come spesso capita, è il problema principale. L'aspetto positivo è la crescita continua dell'area e la necessità per la MLS di espandersi a sud, dove c'è la sola ATlanta (la Florida non è culturalmente considerata nel South degli USA). Cincinnati Proprietà: Carl H. Lindner III, co-CEO dell'American Financial Group, proprietario del FC Cincinnati Stadio: La squadra attualmente gioca presso il Nippert Stadium della University of Cincinnati, ma vuole costruirsi il proprio impianto . Situazione: L'FC Cincinnati sta avendo un successo incredibile a livello USL (Division II), con una media spettatori di ben 17mila a partita nel 2016! Ma dove costruire lo stadio nuovo è ancora un mistero, mentre i soldi della proprietà non sono un problema. Detroit Proprietà: Dan Gilbert, proprietariod dei  Cleveland Cavaliers, fondatore e chairman di Quicken Loans, Inc.; Tom Gores, proprietario dei Detroit Pistons, founder, chairman e CEO ei Platinum Equity. Stadio: Gilbert e Gores stanno proponendo un piano di sviluppo immobiliare del valore di $1 miliardo per l'area del carcere della Wayne County, che vedrebbe anche uno stadio da 23mila posti del valore di $250 milioni. Situazione: Detroit è lobiettivo Midwest della MLS. Tra tutte le candidate infatti, solo Phoenix presenta un'area metropolitana più grande. Inoltre, l'esperienza nello sport di Gores e Gilbert è una garanzia per la lega. Indianapolis Proprietà: Ersal Ozdemir, fondatore e CEO del Keystone Realty Group, proprietario del team NASL Indy Eleven; Mickey Maurer, chairman della National Bank of Indianapolis e dell'IBJ Corp; Jeff Laborsky, president e CEO di Heritage; Mark Elwood, CEO di Elwood Staffing; Andy Mohr, fondatore e proprietario del Mohr Auto Group. Stadio: C'è una proposta per costruire uno stadio da $100 milioni a downtown, vicino al Lucas Oil Stadium. Situazione: L'Indy Eleven è stato un successo in campo e fuori nella NASL. Cera qualche dubbio sulla proprietà, ma con i nuovi investitori aggiuntisi i problemi sono stati risolti. E' da capire se arriveranno finanziamenti pubblici per lo stadio. La proposta di Detroit Nashville Proprietà: John Ingram, chairman dell'Ingram Industries, Inc.; Bill Hagerty, ex commissioner of Economic Development for Tennessee. Stadio: Mancano i dettagli. Si parla di un'area vicino Nashville Fairgrounds per uno stadio da 25mila posti. Situazione: La proprietà è ricca, e la città ha sempre risposto bene agli appuntamenti calcistici. Ma servono più dettagli sullo stadio e Ingram deve convincere la MLS che l'expansdion può funzionare in un mercato tutto sommato piccolo come Nashville. Phoenix Proprietà: Berke Bakay, governatore, Phoenix Rising FC, CEO, Kona Grill; Brett Johnson, co-chairman del Phoenix Rising FC, CEO di Benevolent Capital; Mark Detmer, board member, Phoenix Rising FC, managing director, JLL; Tim Riester, board member, Phoenix Rising FC, CEO, RIESTER; David Rappaport, board member, Phoenix Rising FC, partner, Manatt, Phelps & Phillips, LLP. Stadio: Il piano è per uno stadio con aria condizionata su un'area già opzionata. Situazione: Phoenix è la città più grande tra le candidate, e l'avere l'esperienza in USL e un'area pronta per lo stadio è un vantaggio. Area che includerebbe anche Academy e una tramvia. Da segnalare però che non sembra esserci grande entusiasmo nel pubblico. Raleigh/Durham Proprietà: Steve Malik, chairman e proprietario del North Carolina FC. Stadio: Malik ha identificato tre aree per uno stadio da 20mila posti. Situazione: Il calcio è nell'area dal 2006, tra NASL e altro. Malik, imprenditore nella sanità, ha acquistato il North Carolina FC (gli ex Carolina RailHawks) nel 2016. Come Charlotte, consentirebbe alla MLS di espandersi geograficamente, ma è da capire se un'area così piccola è in grado di reggere un altro team professionistico oltre ai Carolina Hurricanes della NHL. Sacramento Proprietà: Kevin Nagle, chairman e CEO, Sac Soccer & Entertainment Holdings, e azionista di minoranza dei Sacramento Kings; Meg Whitman, investitore, Sac Soccer & Entertainment Holdings, e CEO di Hewlett Packard Enterprise; Jed York, proprietario e CEO dei San Francisco 49ers. Stadium: Il piano per uno stadio a downtown è già stato approvato dalla città. Overview: il Sacramento Republic FC esiste dal 2012 nella USL, e da allora è stato un successo di pubblico e tecnico. C'è purtroppo qualche frizione tra SRFC e Sac Soccer & Entertainment Holdings (l'entità legale che ha lanciato la proposta alla MLS) e che rischia di creare problemi- Per Sacramento il rischio, se tutto non sarà chiarito, arriva da San Diego. Il rendering dello stadio proposto dall'expansion team di San Diego, sull'area del Qualcomm Stadium degli ex San Diego Chargers. St. Louis Proprietà: Paul Edgerley, senior advisor di Bain Capital, managing director di VantEdge Partners, azionista dei Boston Celtics; Terry Matlack, managing director di Tortoise Capital, partner di VantEdge Partners; Jim Kavanaugh, CEO di World Wide Technology, fondatore del Saint Louis FC; Dave Peacock, ex presidente di Anheuser-Busch Inc., chairman della St. Louis Sports Commission. Stadio: Si puta ad uno stadio da 20,000 posti vicino a Union Station. Situazione: St. Louis è la culla del soccer USA, e con l'addio alla città da parte dei Rams della NFL (volati a Los Angeles) lo spazio di crescita del calcio sembra notevole. La proprietà è di alto livello, ma lo stadio è ancora un punto interrogativo, con riferimento al finanziamento, e si aspetta il risultato di un referendum sul tema ad aprile prossimo. San Antonio Proprietà: Spurs Sports & Entertainment Stadio: Il team già gioca in un "soccer specific stadium" da 8.000 posti, espandibile a 18mila. Situazione: San Antonio ha alle spalle una proprietà con grande esperienza nello sport business, come dimostra il successo dei San Antonio Spurs. L'avere uno stadio espandibile è certo un plus, anche se il contro è che si trova a 20km dalla città, che per assurdo lo pone vicino ad un altro mercato di interesse per la MLS quale Austin. Ma è da comprendere se la MLS davvero vuole un altro team in Texas accanto a FC Dallas (che bene non va dal punto fi vista del pubblico) e Houston Dynamo. San Diego Proprietà: Mike Stone, fondatore di FS Investors; Peter Seidler, AD dei San Diego Padres; Massih e Masood Tayebi, co-fondatori del Bridgewest Group; Steve Altman, ex presidente di Qualcomm; Juan Carlos Rodriguez, imprenditore del mondo media. Stadio: La proposta è per uno stadio da 30mila posti da condividere con la San Diego State University, sulla stessa area dell'attuale Qualcomm Stadium. Situazione: Garber sembra puntarci, e l'addio dei Chargers della NFL (anche loro a LA) è un vantaggio come per St. Louis. Il piano per lo stadio sembra solido anche politicamente anche se la vicinanza con il Club Tijuana situato a pochi km (34) oltre confine potrebbe essere un problema. Nel 2018 in MLS sbarcherà il LAFC, che si affiancherà a LA Galaxy, San Jose Earthquakes e probabilmente Sacramento. Sarà da capire se la MLS vorrà avere ben 5 squadre californiane in campo. Tampa/St. Petersburg Ownership: Bill Edwards, proprietario dei Tampa Bay Rowdies (USL). Stadium: Il piano vede un investimento da $80 milioni per l'espansione dell'Al Lang Stadium dagli attuali 7.200 a 18.000. Overview: L'area di Tampa/St. Pete è il più grosso mercato televisivo (in America conta eccome) attualmente privo di un team MLS. Il piano per lo stadio è pronto, approvato e finanziato. L'ingresso di un nome storico del soccer USA (i Rowdies di Rodney Marsh erano gli avversari più acerrimi dei NY Cosmos di Chinaglia e Beckenbauer negli anni '70) e l'eventuale rivalità con Orlando rendono attraente la scelta per la lega, cui ancora brucia la chiusura del Tampa Bay Mutiny di Carlos Valderrama decisa 15 anni fa.

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT