SPORT
New York City FC, problemi con David Villa?
Scritto il 2014-11-29 da SoccerItalia su MLS

A quanto pare inizia a sorgere qualche preoccupazione per il futuro del New York City FC. Questione stadio a parte (il club giocherà almeno tre anni sul campo da baseball dei NY Yankees), i problemi sembrano infatti iniziare a prefigurarsi anche dal punto di vista tecnico.Almeno se si segue la Hyunday A-League australiana.

E' lì infatti che gioca David Villa, attaccante della Nazionale spagnola ingaggiato dal New York City FC per la stagione 2015, ma nel frattempo spedito in prestito. Reduce da una grande stagione all'Atletico Madrid, chiusa con vittoria nella Liga e la finale di Champions League perssa ai rigori col Real Madrid. Poi un Mondiale sottotono, come quello di tutta la Spagna campione in carica, eliminata al primo turno. Per lui solo un gol contro l'Australia, e poi il volo a NYC per la presentazione col nuovo club MLS e il prestito a Melbourne.

Perché l'Australia? Il passaggio di Villa da quelle parti rientra nel programma mondiale messo in piedi dalla proprietà emiratina del Manchester City, che oltre al club inglese ha investito nel NYCFC, nel Melbourne Heart (rinominato con poca originalità Melbourne City, cambiandone anche i colori) e nei giapponesi dello Yokohama Marinos, di cui ha acquisito una quota. L'obiettivo è mettere insieme risorse, creare sinergie e dare un'immagine globale al brand "City".

Un piano che ha fatto alzare il sopracciglio a molti, visto che sembra possibile che non sia altro che un sistema per aggirae le regole UEFA del Financial Fair Play, per il quale quest'anno il City è già stato sanzionato. Un problema sollevato in passato anche dal manager dell'Arsenal, Arséne Wenger, in relazione al prestito di Frank Lampard, anche lui di proprietà del New York City FC ma in prestito al Manchester City almeno fino a gennaio, o forse oltre, come peraltro vorrebbe il giocatore. Un altro dei problemi del NYCFC.

Il caso del Melbourne City è quello più peculiare. Il CEO del gruppo Ferran Soriano, nel quadro della strategia globale dei Citizens, è infatti andato a prendere il secondo team di Melbourne, ultimo nella A-League 2013, trasformandolo da un club semiamatoriale ad uno con alle spalle l'organizzazione del Manchester City, i suoi soldi (di qui gli arrivi di Villa e, ad esempio, Damien Duff) e anche i suoi colori e nome. Un esperimento che al momento non sembra stia funzionando un granché.
E non sembra funzionare proprio a cominciare da Villa, che doveva essere il gioiello-esempio del programma. L'ex Barça, colui che - come ha scritto il Guardian - doveva "far sembrare la A-League come Fifa 15 settato a livello amatoriale", in quattro match giocati in Australia non è riuscito a regalare alcuna vittoria al suo nuovo club. Mentre certamente la sua classe è apparsa immediatamente molto sopra la media, è apparso da subito un estraneo in una squadra in cui è arrivato a pochi giorni dal calcio d'inizio stagionale. Il miglior risultato del Melbourne City con Villa in campo è stato un pari in trasferta, il peggiore un umiliante 5-2 subito nel derby con il Melbourne Victory.

I report dall'Australia descrivono il giocatore come spesso frustrato, se non addirittura infastidito nell'atteggiamento, e il capitano del del Melbourne City Patrick Kisnorbo ha ammesso che Villa è stato più una distrazione che altro. El Guaje (il ragazzo in asturiano) è sì andato in gol nei primi due match, ma l'unico vero valore aggiunto apportato sembra sia stato al botteghino. Ma anche lì, c'è il rovescio della medaglia, visto che molti tifosi locali sono rimasti delusi dell'atteggiamento del giocatore, che non appena partito per gli USA per presentare la maglia del NYCFC - identica a quella del Manchester City, ma che originalità! - ha visto i suoi compagni vincere dalla TV!

Un esperimento che oltre ad essere andato male, sta anche finendo peggio. Villa infatti avrebbe dovuto giocare 10 partite col Melbourne City, mentre a quanto pare lo spagnolo ha fatto capire di non averne intenzione. “Non so se tornerò", ha spiegato durante la cerimonia a NY. "E' complicato non poter giocare e competere, è differente ma mi sto allenando bene. E' stato un bene stare in Australia per un mese. Quando sarà il momento di competere [a fine febbraio, Ndr] sarò nella forma migliore. Un'attesa che aumenta il desiderio di giocare addirittura dpiù di quanto non ne avessi in passato". Comprensibile, ma poco professionale verso i tifosi australiani, e comunque preoccupante per City di NY, visto che a marzo Villa arriverà con alle spalle solo 4 partite vere in 8 mesi.

Villa va così ad aggiungersi alla lunga lista di grandi nomi che hanno deluso il pubblico australiano. La speranza è che almeno Villa una volta assestatosi a New York, e con alle spalle una preparazione fisica adeguata, possa mostrare ai (nuovi) tifosi del New York City FC quel valore che in Australia hanno potuto solo intravedere.
Fonte: The Guardian

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT