SPORT
MLS Playoff, Seattle vuole la sua prima finale
Scritto il 2014-11-30 da Franco Spicciariello su MLS

Si gioca stanotte al Centrury Link Field il ritorno della finale di Western Conference fra Seattle Sounders e Los Angeles Galaxy (diretta su Fox Sports HD, canale 206 di Sky, a partire dalle 3.25 del mattino), ma già da ore prima i bar intorno a Pioneer Square saranno pieni di tifosi in preda a fiumi di birra prima di iniziare la March to the Match da Occidental Park guidata dagli Emerald City Supporters. E una volta arrivati allo stadio l'ECS darà vita ad uno splendido spettacolo sugli spalti, dove saranno in 55.000 a sostenere i Sounders in cerca della loro prima finale di MLS Cup.

Ma davanti si troveranno una sfida non facile. I Los Angeles Galaxy sono un team con 13 anni di vita più di Sounders, abituato a vincere (4 MLS Cup parlano da sole), guidato da un coach dalla vasta esperienza nazionale e internazionale come Bruce Arena, anche lui uno abituato a portare a casa trofei. ancor più dura sarà per Seattle recuperare la sconfitta per 1-0 all'andata allo StubHub Center, ma di conforto è il ricordo del 2-0 casalingo ottenuto lo scorso 26 ottobre e valso il Supporters Shield.“Se mi avessero detto nel 2007, quando abbiamo acquistato un team MLS, che saremmo arrivati dove siamo oggi, non gli avrei creduto", ha spiegato al settimanale inglese Observer Adrian Hanauer, General Manager dei Sounders e azionista di minoranza. “Pensare che avremmo avuto 36.000 abbonati e una media di 44.000 spettatori a partita, che saremmo diventati così presenti nella cultura e nella comunità di Seattle... siamo davvero andati oltre le nostre stesse aspettative”.

I Sounders stanno infatti avendo successo laddove in tanti stanno fallendo. Quasi tutti si aspettavano che quei 32.253 presenti all'esordio contro i NY Red Bulls nel marzo 2009 sarebbero presto diminuiti col passare della novità. Ma non è stato così, anzi. E quest'anno la media spettaori pone i Seattle Sounders al 27° posto assoluto mondiale. E la ragione di questo successo è un'organizzazione di altissimo livello.

Innanzitutto la scelta del GM è stata lasciata nel 2012 al voto dell'associazione ufficiale dei tifosi, la Seattle Sounders FC Alliance, e così sarà sino al 2016. Questo approccio democratico si estende a numerose iniziative all'interno del club, e gli abbonati sono iscritti di diritto all'Alliance. In MLS (e tanto meno in Serie A...) non c'è nulla di simile, mentre il modello di Real Madrid e Barcellona è stato sicuramente d'ispirazione.

Spingendo sulla democrazia, tocchiamo un importante aspetto psicologico della nostra base di tifosi qui nel Northwest", spiega Hanauer, "fatta di gente di cultura progressista, con educazione di alto livello, una città preda della contro-cultura e l'interazione che abbiamo realizzato si riflette in essa". Le persone lo apprezzano e le fa sentire più coinvolte".

Un'isola felice, che è riuscita a riannodare un filo che va indietro fino ai Seattle Sounders della NASL (1974-1983), che hanno fondato la cultura calcistica di Seattle, con molti giocatori dell'epoca rimasti a vivere in città (un qualcosa di simile è accaduto a Vancouver, a poche ore di macchina).

Vogliamo arrivare tra i top club del mondo, ma ci vorrà tempo" spiega Hanauer. “Un primo modesto passo sarebbe vincere la Concacaf Champions League e qualificarsi per il Mondiale per club. Questo ci consentirebbe di affermare di essere uno dei maggiori club d'America, e in qualche modo del mondo. Fuori dal campo ci sentiamo forti al livello dei migliori, e vogliamo essere conosciuti come il club con i tifosi più caldi, che offre la migliore esperienza allo stadio".

Ma ora tutto ciò che di buono è stato fatto fuori dal campo dovrà essere pareggiato dal team assemblato da coach Sigi Schmid, e tra i tifosi c'è tanta fiducia. “Abbiamo vissuto momenti magici guardando giocare Dempsey e Martins insieme in questa stagione” ha spiegato all'Observer Aaron Reed, co-presidente degli ECS. “Forse, per la prima volta, Sigi ha tutto quello che vuole: ragazzi che giocano in maniera creativa lì davanti, un centrocampo solido. E' quanto di più vicino al suo team ideale che abbia mai messo insieme”.

Un team che sarà messo alla prova dall'addio del terzino destro della Nazionale USA DeAndre Yedlin, che a gennaio si trasferirà al Tottenham Hotspur. Intanto stasera la prova sarà data dal tempo inclemente di Seattle, che Schmid spera possa creare problemi ai LA Galaxy, certo meno abituati, anche se il vero valore aggiunto verrà dato dal tifo del CenturyLink Field. I capi (li chiamano così anche in inglese) dell'ECS non anticipano nulla, ma stasera allo stadio lo spettacolo sugli spalti sarà notevole, come in passato.

Tradizione. Hanauer è alla guida dei Seattle Sounders dal 2002, da quando riprese in mano la reincarnazione del team della NASL. "Quando ero un ragazzo andavo a tutti i match dei Sounders, e c'era un qualcosa nella comunità. Poi è sparito per 25 anni, e non ero sicuro che lo avremmo mai ritrovato. Vedere quello che abbiamo ora è una sorta di deja vu”.

La parola al campo, sperando che ai Sounders vada meglio che ai tempi della NASL, in cui vennero sconfitti due volte in finale di Soccer Bowl dai New York Cosmos di Giorgio Chinaglia, Franz Beckenbauer e Carlos Alberto. Intanto però la finale va prima conquistata.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT