SPORT
Orlando City, arriva lo svedese ex Brescia Mitrović
Scritto il 2014-08-25 da Franco Spicciariello su Calciomercato

Marko Mitrović, 22enne attaccante svedese svincolato dal Brescia è prossimo a chiudere un accordo con l'Orlando City SC, club che entrerà in MLS a partire dal 2015.

Formatosi tra Malmö FF veien però presto individuato e preso dal Chelsea. Prima del trasferimento ai Blues gioca il Torneo Nordico Under 16, dove in 4 partite segna la bellezza di 7 goal dominando da capocannoniere. A Londra però cominciano i tanti problemi fisici: prima un problema alla coscia, successivamente la schiena e infine, come se non bastasse, è il legamento della caviglia a cedere facendo terminare anticipatamente la sua stagione, che comunque si conclude con 5 goal in 8 presenze da titolare. La stagione successiva evidenzia i suoi progressi soprattutto sul piano fisico, guadagnandosi il soprannome di "little Ibra", vincendo il titolo di capocannoniere dei campionati giovanili inglesi, e a livello di squadra conquistando la Youth FA Cup. Nel 2010/11 però arriva un altro infortunio alla caviglia accompagnato da altri problemi fisici, e il Chelsea è costretto a rescindere il contratto.

Dopo le voci di un ritorno al Malmo e di un possibile passaggio all'OB Odense, nel 2012 Mitrović viene  ingaggiato dal Brescia, voluto da mister Alessandro Calori. Ma con le Rondinelle, dopo 23 partite nella prima stagione - e  3 reti - all'inizio dello scorso campionato ha subito un nuovo infortunio al peroneo astragalico della caviglia destra, con tanto di operazione che lo ha tenuto fuori a lungo.

Centravanti o ala per l'occasione, 187cm, dopo aver risolto il contratto col Brescia a lui si è interessato anche il Liverpool, frenato però dalla fraguilità del giocatore. Era poi toccato ad alcuni club di Serie B (era stato accostato a Spezia, Entella e Bari), ma la prossima meta del giocatore sarà invece in Florida, all'Orlando City, dove andrà a fare reparto con Kakà (al momento in prestito al San Paolo) e al trinidegno Kevin Molino.

Non è però ancora chiaro se Mitrović raggiungerà immediatamente la squadra guidata da Adrian Heath, attualmente impegnata nel campionato di USL PRO (Division III), o aspetterà la pre-season di gennaio.

Articoli Correlati
Il centrale nato nel 1995 Matt Miazga sarebbe vicinissimo al Chelsea. Lo riporta ESPN FC. Negli scorsi mesi si parlava di interessamenti di squadre come il Leicester City, ma secondo il Daily Mail praticamente tutte le big inglesi erano sul giovane difensore centrale dei New York Red Bulls. L'account Twitter @MLSTransfers ha nominato anche la Roma, squadra che l'americano avrebbe rifiutato per una sua ambizione di giocare in Inghilterra. Il prezzo dovrebbe essere di $5 milioni e il ragazzo non ha bisogno di nessun permesso di lavoro essendo in possesso della cittadinanza polacca. Miazga, nato nel New Jersey, si unì all'Academy dei Red Bulls nel 2009 a livello under-14 e nel 2013 firmò un contratto da pro con i newyorkesi come "Homegrown Player"; debuttò poco dopo a 18 anni contro la Houston Dynamo. Poche le presenze nel 2014 (7), ma il nuovo Coach Jesse Marsch gli ha affidato fin da subito un ruolo da titolare nel 2015, anno nel quale si è affermato come uno dei migliori difensori centrali del campionato con 26 presenze siglando anche una rete nel derby contro il New York City FC. A livello di Nazionale Miazga ha rappresentato, oltre alla Polonia U18, gli USA U18, U20 (ha partecipato agli ultimi Mondiali), U23 e il 13 novembre ha debuttato nella Nazionale maggiore contro Saint Vincent e Grenadine in un match di qualificazione per i Mondiali del 2018. È anche spuntata una foto dell'americano con Pato, neo acquisto dei londinesi. This photo finally makes sense. Miazga and Pato will be playing at Chelsea together. #RBNY pic.twitter.com/DrVYruBIEa — Kyle (@KZONE1988) 27 Gennaio 2016 Un grande step per la carriera di un giocatore che quasi sicuramente sarà una delle colonne portanti degli USA del futuro.  

Calciomercato - Socceritalia

"Qua non parla, vedo che quando va là parla sempre. Bisogna parlare con lui perchè sono interviste delicate anche per la traduzione. Sarebbe meglio chiamare Honda se riuscite a farvi capire. Fa il napoletano, capisce quello che vuole capire". Un paio di settimane fa Sinisa Mihajlovic è stato chiaro sulle interviste di Keisuke Honda, che tende a parlare solo quando è all'estero, e stavolta lo ha fatto di nuovo, seppur in America e non in Giappone. Durante le vacanze di Natale infatti Honda è volato in California per un 'clinic' con 100 ragazzi allo StubHub Center di carson (CA), la casa dei Los Angeles Galaxy, dove intende lanciare una sua scuola calcio basata sugli stessi metodi che già applica nelle sue 50 scuole in giro per il Giappone. Il 29enne nazionale giapponese è convinto che gran parte del suo successo, delle sue capacità tecniche - passaggi, tiri, punizioni - siano dovuti non ad un talento naturale, ma al duro lavoro fatto di allenamenti e ripetizioni continue. Un impegno che gli ha consentito di crescere nell'Osaka ed esordire nel Nagoya Grampus e poi in Nazionale, rima di trasferirsi al CSKA di Mosca. “Non ero un talento", ha raccontato Honda a Fox Sports negli USA. “C'erano molti buoni giocatori intorno a me quando ero giovane, e ho pensato di aver bisogno di allenarmi da solo, e questo mi ha aiutato”. Honda è infatti un esterno pratico e concreto, avvezzo al sacrificio. “Keisuke magari non riesce a farsi amare dal nostro pubblico – ha detto di lui Riccardo Montolivo – ma sotto l’aspetto tattico è un giocatore incredibile“. Dunque, un lavoratore, un operaio della fascia al servizio della squadra. Non solo campo però, perché Honda ha anche fondato una società, la Honda Estilo Ltd., attraverso cui ha fondato e sviluppato tre diverse academies in Giappone, arrivando lo scorso mese ad inaugurare un complesso sportivo da $4 milioni alla periferia di Tokyo. La sua società ha persino acquistato lo scorso giugno un club austriaco di terza divisione, l'SV Horn, per costruire una piattaforma europea per i giocatori asiatici, ed ha già ingaggiato un paio di giapponesi. Ma il prossimo passo è inevitabilmente verso gli Stati uniti, la vera nuova frontiera del calcio mondiale, passando prima per la creazione di un'academy, sfruttando la sua immagine sulla West Coast, dove c'è un notevole pubblico potenziale di origine asiatica. "Negli Stati Uniti c'è un grande potenziale di talento. Non avevo talento, ma da giovane sognavo di giocare per il Milan ed altri grandi squadre. Sono convinto che coi nostri metodi d'allenamento molti di questi ragazzi possano raggiungere i loro obiettivi". Ma il prossimo step potrebbe essere un suo trasferimento negli States. Il suo contratto col Milan, dove finisce in panchina abbastanza spesso e ha più volte espresso il suo scontento, è in scadenza a giugno 2017, ma i rossoneri non avrebbero problemi probabilmente a lasciarlo libero a gennaio dello stesso anno. E per lui potrebbe schiudersi le porte dei Los Angeles Galaxy, pronti ad accoglierlo a braccia aperte, visto anche che questa è l'ultima stagione da calciatore di Steven Gerrard, Inoltre, nel 2017 sbarcherà in MLS il nuovo rivale cittadino, l'LAFC, e i Galaxy avranno bisogno di almeno un nome di livello per non farsi oscurare.     E Honda non si tira indietro, lasciando presagire persino qualcosa di più. “Sono molto interessato alla MLS, ma non so se vi giocherò. E' una lega in grande crescita, con tanti giocatori famosi. Diciamo però che ho grandi sogni per gli Stati Uniti in futuro. Abbiamo un grande team [riferendosi alla sua società, Ndr], ma ancora non posso dire chi vi sia coinvolto. Ma vi sorprenderemo in futuro, tenete gli occhi aperti". Per lui un futuro da proprietario alla Beckham in MLS?

Calciomercato - Socceritalia

SOCCERITALIA
SPORT


Questa opera è pubblicata nel rispetto delle licenze Creative Commons.

© 2016 WeBoost MEDIA S.r.l.. Tutti i diritti riservati.

P.IVA 105 49 521 002