SPORT
La lunga storia di Charlie Stillitano, dai MetroStars alla Guinnes Cup
Scritto il 2014-07-26 da SoccerItalia su MLS

La Guinness International Champions Cup (quest’anno con AS Roma, Milan e Inter) è un affare milionario che produce spettacolo leggero, un aperitivo che anticipa e si contrappone alla romantica profondità della Champions League. Ma le squadre sono più o meno quelle e dicono porti anche fortuna: la prima edizione è stata vinta dal Real Madrid nel 2013. E lo stesso vorrebbe fare la Roma: «Voglio vincere, puntiamo allo scudetto» è la sintesi per la stagione di Rudi Garcia.

Dietro il torneo americano c’è la mano di Charlie Stillitano, 55 anni, indubbie origini italiane, uno che per anni ha rovistato fra successi e bancarotte. Il suo attuale gruppo, la Relevent Sports, prima si fa carico di investire denaro e successivamente, a buon diritto, e non solo televisivo (i diritti tv della Guinness Cup sono stati venduti in 85 paesi), si predispone a mietere un cospicuo raccolto: «Soltanto negli Usa si possono vedere in estate partite fra i più importanti club del mondo con 40 mila spettatori garantiti, a volte 70 mila».

Stillitano comincia aprendo un fronte “charitable” della Soccer Federation. A Usa ’94 lo troviamo a dirigere il Giants Stadium. Da primo dg dei MetroStars porta Roberto Donadoni negli Stati Uniti. Pensa in grande ma scivola sulle bucce delle sue idee faraoniche, pagando affitti clamorosi per uno stadio di seggiolini vuoti. Per alcuni anni Stillitano incarna il fallimento del “soccer” più primitivo, sospeso fra Pelè e i modelli europei. Nel 2000 perde quasi tutti i capelli per una storia sentimentale finita peggio dei MetroStars e si butta nel marketing: «Voglio portare le squadre europee a giocare negli Usa». Cerca di sensibilizzare gli altri sport. Il risultato è una fragile partnership fra Manchester United e New York Yankees.

Nel 2003, per il battesimo del Lincoln Financial Field di Philadelphia, organizza [in società con Giorgio Chinaglia, Nota di SoccerItalia] Manchester United - Barcellona senza chiedere permesso alla federazione americana. Viene condannato a pagare 50 milioni di risarcimento e la società implode nei debiti. Il ricorso in appello dura sei anni. Gli fanno lo sconto.

[In realtà la USSF e la MLS capirono che il pubblico americano era pronto per il calcio, ma voleva il grande calcio. Inoltre ci si rese conto degli errori della MLS nel non saper promuovere al meglio i propri club, troppo distaccati dalle comunità locali. Infine, da lì inizio lo sviluppo della SUM, la Soccer United Marketing, che decise di puntare proprio sulle squadre europee per far crescere il calcio negli USA. Nota by SoccerItalia] 

Nel frattempo Stillitano aveva mutato strategia: «Porterò gli americani a giocare in Europa». Riconquista credibilità fondando un’altra società e fa pace con la Major League Soccer, che vede in lui un agitatore utile alla causa. Fra lo stupore generale ottiene il permesso di entrare in stadi che il “soccer” non aveva mai osato nemmeno guardare su internet: «Un giorno riuscirà ad organizzare dei calcetti sul ghiaccio dell’hockey», disse scherzando il suo amico, l’ex ct Usa Bob Bradley, papà di Michael.

La Relevent Sport nasce da un’idea del proprietario dei Miami Dolphins, Stephen Ross. Ora è l’anima direttiva della Guinness Cup, gioiosa e infernale macchina capace, come dice Stillitano, «di trasformare persino Philadelphia in una città del pallone». Inaudito.

Fonte: Enrico Sisti - La Repubblica (23 luglio, 2014)

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT