SPORT
L'ottimo lavoro di Klinsmann. Ma il mestiere viene solo col tempo
Scritto il 2014-06-24 da SoccerItalia su Nazionale USA

Ieri rimandavano le immagini di Usa-Portogallo senza commento del telecronista. Solo i rumori dello stadio. Metà del secondo tempo. Parte Nani da sinistra e, di esterno a girare, tagliando il campo, lancia profondo per Cristiano Ronaldo. L’americano Fabian Johnson, invece di scalare su Ronaldo, sale e spezza la diagonale difensiva (poi Ronaldo, pur ritrovandosi da solo con il pallone tra i piedi, cincischia e spreca).

A questo punto si vede l’allenatore degli Stati Uniti, Jurgen Klinsmann, alzarsi di scatto e iniziare a urlare. Gli allenatori si arrabbiano spesso, va bene. Ma questa è un’immagine abbastanza speciale e utile per sapere due cose. La prima: fino a quel momento, in difesa, gli statunitensi non avevano commesso errori troppo volgari tatticamente. Anzi: avresti persino detto che, nel complesso, la loro manovra era ordinata, rigorosa (Michael Bradley impeccabile) con certe ripartenze addirittura entusiasmanti (Clint Dempsey: «Occhi di lupo che cerca gol», cit. Vujadin Boskov).

L’altra cosa da sapere è invece che il tedesco Jurgen Klinsmann, quando parla di calcio, sa farsi capire anche perché parla uno slang yankee perfetto (del resto vive da 14 anni, con sua moglie, la ex modella Debbie Chin, a Newport Beach, in una magnifica villa sull’Oceano; fuori, gabbiani in picchiata; dentro, in salotto, le foto di quando giocava nell’Inter- Sturmtruppen, con Lothar Matthaeus e Andreas Brehme).

Klinsmann ha davvero fatto un ottimo lavoro sulla sua nazionale. Ora guardiamo la classifica del girone G e pensiamo: gli Stati Uniti possono passare il turno. In verità pensiamo anche che per passarlo gli sarebbe sufficiente un pareggio nella prossima e ultima partita della prima fase, Usa-Germania: una
partita inevitabilmente strana, inquieta, per le nostre coscienze periodicamente  turbate dagli scandali del calcioscommesse.

Sapere che l’attuale tecnico dei tedeschi, Joachim Loew, fu il vice di Klinsmann, quando era lui, Klinsmann (2004- 2006) a sedere sulla panchina della Germania, scatena luride fantasie da complotto molto italiano. Però l’idea che quei due — ancora grandi amici e complici — optino per un biscotto in mondovisione rimettendoci così la faccia, francamente, fa ridere. Se la giocheranno, certo non alla morte, ma se la giocheranno. «Vorrei ricordare a tutti che, davanti alla tivù, ci saranno milioni e milioni di tifosi americani»: compresi — questo Klinsmann lo sa bene ma non lo dice — tutti gli imprenditori che hanno deciso di investire nella MLS, costruendo stadi nuovi dentro cui portare  nuovo pubblico; e che alla NL'ottimo lavoro di Klinsmann. azionale chiedono perciò di tornare dal Brasile portandosi dietro credibilità, consapevolezza, allegria. Il New York Times ironizza: «Jurgen è un allenatore fortunato: è l’unico al mondo a cui nessuno chiede di vincere i Mondiali». Jurgen replica un po’ seccato. «Il problema è superare il primo turno. Se ci riusciamo, il cielo è il nostro unico limite».

Una visione da sogno americano: ma nel calcio non tutto è sempre possibile. Perché tu puoi allestire una buona squadra con il meglio che hai, e puoi dargli coraggio, e puoi insegnargli schemi efficaci. Però il mestiere, quello, viene solo con il tempo. A 54 secondi dalla fine, se stai vincendo 2 a 1 con il Portogallo, il pallone lo tieni. Non lo giochi. Te ne vai magari sulla bandierina del calcio d’angolo. Prendi fallo. Perdi tempo. Aspetti il fischio. Se non fai così, arriva Ronaldo, ti toglie il giocattolo e se lo porta via, verso il pareggio.

Fonte: Fabrizio Roncone - Corriere della Sera

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT