SPORT
Amichevoli pre Mondiali. Pareggi per Honduras e Costarica. Sconfitto il Messico
Scritto il 2014-06-08 da SoccerItalia su Concacaf

L’ultimo test prima della sfida con l’Italia è un mezzo calvario per l’Inghilterra di Roy Hodgson. A SunLife Stadium di Miami poco gioco, una lunga interruzione per un tifone caraibico e neanche un gol contro il modesto Honduras (al 33esimo posto nel ranking mondiale). Dopo il 2-2 con l’Ecuador un altro pareggio, stavolta senza gol.

Tifone Era il 23’ del primo tempo e Inghilterra e Honduras erano sullo 0-0 con poco gioco e pochissimi tiri in porta quando l’arbitro americano Salazar ha interrotto la partita su segnalazione della polizia per un tifone in arrivo. Preoccupavano soprattutto i fulmini. E allora mezzora di stop, stadio evacuato e poi alla ripresa, spalti semideserti. Il tifone a Miami, il tabellone invita a lasciare lo stadio

Tridente lento Hodgson dopo le ottimistiche previsioni della vigilia non deve essersi divertito molto. Nel primo tempo grande fatica ad avvicinare l’area di rigore e una sola azione col trio d’attacco protagonista. Gerrard si abbassa davanti alla difesa, ma il gioco non è fluido perchè gli esterni non salgono e di palloni in prima linea ne arrivano pochi.

Honduras duro Dall’altra parte l’Honduras che è nel girone con Svizzera, Ecuador e Francia è compatto e cattivo (due ammoniti nei primi venti minuti). Classico 4-4-2 per la squadra di Suarez che sembra più avanti degli inglesi sul piano della preparazione. Neanche quando l’Honduras resta in dieci per l’espulsione di Beckeles l’Inghilterra riesce a essere pericolosa. L’Honduras resiste senza soffrire e porta a casa un incoraggiante 0-0.

Pareggio tra Costarica e Irlanda

Al PPL Park di Chister - la casa della Philadelphia Union - ci si aspettavano le prodezze di Navas, Ruiz e Campbell. E, invece sono venute fuori quelle di Pemberton, Ureña e Borges. La Costa Rica pareggia 1-1 contro l’Irlanda, nell’ultima amichevole pre-mondiale con stile. In 10 per più di un tempo per l’espulsione del difensore Gonzalez, va sotto dopo il gol di Doyle, ma pareggia con il centrocampista Borges su rigore,conquistato dall’attaccante Ureña.

Ed è appunto il portiere di riserva Pemberton a chiudere il cerchio,
parando un penalty al centravanti dei LA Galaxy Robbie Keane. L’estremo difensore è stato uno dei giocatori più celebrati dalla stampa: «L’eroe silenzioso».

El Salvador sconfitto dalla Spagna

A Washington la Spagna ha battuto El Salvador 2-0 in amichevole. Del Bosque schiera dal primo minuto Diego Costa, risparmiando all’inizio solo Piqué, Xavi e David Silva tra i titolari.

Proprio l’attaccante dell’Atletico al 4’ si guadagna un calcio di rigore: Cesc Fabregas però calcia alle stelle. El Salvador si chiude a riccio, reggendo ben più del previsto. Il gol delle Furie Rosse arriva solo al 15’ del secondo tempo grazie a David Villa - attaccante appena acquistato dal New York City FC -, entrato al posto di Iniesta. Classica rete in mischia sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Xabi Alonso.

La Spagna continua a spingere, il portiere Hernandez para come mai in vita sua. E quando non ci arriva lui, ci pensa la traversa, come sul destro di Busquets al 36’. Al 42’, però, Villa concede il bis, aiutandosi con la mano. L’arbitro non vede e convalida: finisce 2-0

Messico sconfitto a Boston dal Portogallo

Si è giocata infine venerdì, davanti al tutto esaurito del Gillette Stadium di Foxborough (stadio dei New England Patriots della NFL e del New England Revolution della MLS), l'amichevole tra Portogallo e Messico.
Assente di lusso, Cristiano Ronaldo, ancora sofferente per una tendinite al ginocchio e tenuto a riposo.

L'undici di Paulo Bento non sembra soffrire troppo nei primi minuti: ci vuole una provvidenziale deviazione per consentire la parata a Josè Corona sul bel tiro di Eder. A fare la differenza sull'avanti del Braga l'esperienza dell'inossidabile Rafa Marquez.

Nel secondo tempo per sbloccare il risultato coach Herrera getta nella mischia Javier Hernandez. L'impatto del Chicharito è quasi immediato: bello il suo cross sul quale si avventa Andres Guardado. Gran botta al volo ma la mira dell'attaccante del Bayer Leverkusen è da rivedere.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT