SPORT
Boyd parla di USA-Germania e del futuro del calcio americano
Scritto il 2014-04-26 da Franco Spicciariello su Nazionale USA

Terrence Boyd sa quali possibilità gli USA hanno di passare il turno ai Mondiali meglio di chiunque altro. Gli ostacoli sono molti, ma come ha spiegato a Deutsche Welle: “Non si sa mai cosa può succedere alla Coppa del Mondo"

Nato a Brema, Boyd è cresciuto in Germania, anche se gioca a livello internazionale per il paese di suo padre, gli Stati Uniti. Il 23enne attaccante si è formato nel settore giovanile dell’Hertha Berlino e successivamente ha attirato l'attenzione CT degli USA, Jürgen Klinsmann, giocando da protagonista per la squadra riserve del Borussia Dortmund. Dopo il suo debutto in nazionale nel febbraio 2012 - vittoria per 1-0 sull’Italia a Genova - e un successivo passaggio agli austriaci del Rapid Vienna, è diventato una presenza regolare con gli USA.

Boyd è oggi una delle otto giocatori tedesco-americani in lizza per un posto di Coppa del Mondo con una Nazionale allenata da un tedesco.  E di tutti i paesi gli Stati Uniti sono stati sorteggiati in Brasile proprio coi tedeschi, oltre a Portogallo e ancora una volta Ghana (con cui erano nello stesso girone nel 2006 e da cui sono stati eliminati nel 2010 agli ottavi).

"Incredibile", ha detto Boyd. "è una tale coincidenza giocare contro la Germania. Sarà una grande partita”. Con gli americani che sperano termini con lo stesso risultato del match del Centenario giocato a Washington nel giugno dello scorso anno e vinto per 4-3.

Di fronte a un nemico familiare

La Germania, allenatoa dall'ex secondo di ​​Klinsmann, Joachim Löw, è l’indubbia favorita dell’incontro del 26 giugno - la terza e ultima partita del girone per entrambe le squadre.

"Sono una delle favorite per la vittoria in Coppa del Mondo", ha detto Boyd. "Certo, ci stiamo preparando duramente per queste partite., ma in questa fase dipende dalla forma che ogni giocatore ha e dalla sua mentalità". "Ci sono così tante cose che non puoi controllare", ha aggiunto. "La partita potrebbe iniziare e noi segnare un gol nel primo minuto, e tutto sarebbe diverso, o viceversa. Non si sa mai, dobbiamo solo dare il nostro meglio e vedere cosa viene fuori."

I giocatori di Klinsmann hanno fatto grandi passi avanti da quando l’ex attaccante di Inter e Sampdoria è stato nominato CT nell’agosto 2011, ma sono ancora molto lontani dal poter lottare per il titolo mondiale. Tuttavia, Boyd dice che gli Stati Uniti sono una squadra più forte di quanto il resto del mondo possa pensare, essendo anche passata per un durissimo girone di qualificazione CONCACAF che ha portato gli americani a giocare in ambienti estremamente ostili, come Guatemala e Honduras. Una preparazione potrebbe dare loro un vantaggio in più che altri paesi non hanno.

"E 'un altro tipo di calcio, è difficile. Ho visto alcune cose che non sapevo potessero accadere. A volte giochiamo con arbitri che nemmeno parlano inglese," racconta. «Ma si impara a tenere duro e a riversare la tua rabbia nella partita."

Aspirazioni americane

Una delle principali ragioni della crescita della Nazionale degli Stati Uniti negli ultimi due decenni è dovuta alla crescita del calcio in America. La prima divisione degli USA, la Major League Soccer, costituita nel 1996, è cresciuta rapidamente negli ultimi anni. La lega ha compiuto uno sforzo concertato per attirare grandi star americane con lucrosi contratti in vista dei Mondiali. Questa estate in Brasile, tre migliori giocatori degli Stati Uniti saranno a libro paga di club MLS: il capitano Clint Dempsey (Seattle Sounders), Landon Donovan (Los Angeles Galaxy) e Michael Bradley (Toronto FC).

Boyd spiega che la crescita della MLS sta iniziando a portare i giocatori americani con base in Europa a pensare di trasferirsi “a casa” prima di quanto avrebbero potuto pensare in passato (quando si rientrava dopo i 30 abbondanti), quando gli Usa erano una destinazione per stelle un po’ invecchiate come Thierry Henry e David Beckham. Che un promettente talento con base in Europa potesse trasferirsi in America nel pieno della sua carriera era impensabile, ma ora, dice, è una mossa che “sicuramente" prenderebbe in considerazione.

"Sono un grande fan della MLS e sono solo contento di come la lega è cresciuta e di come si è sviluppato il soccer”, ha detto Boyd. "Il calcio deve solo diventare più famoso, e sono convinto che un giorno sarà un grande campionato”. "E 'sempre più attraente ogni anno", ha aggiunto.

La chiave per la crescita continua MLS, ha detto Boyd, è tener lontani i giovani atleti americani dagli sport più tradizionali del paese, facendoli giocare al gioco più popolare del mondo. "Penso a tutti questi grandi atleti che escono dalle scuole superiori e penso: 'scegliete il calcio invece di giocare a basket o a football" ha detto. "Se scegliessero il calcio, pensate che tipo di campionato la MLS potrebbe diventare. Tutto ciò che circonda la lega è fantastico, [i manager] sono perfetti, la copertura media è ottima e i soldi ci sono. Hanno tutto”.

Boyd ritiene i Mondiali in arrivo un grandissimo spot per il calcio negli USA, in particolare per la MLS. Una Nazionale vincente potrebbe essere ciò che serve per influenzare una larga porzione dei ragazzini americani a scegliere il calcio. "A quel punto la MLS sarebbe un campionato fantastico", ha detto. "Sarebbe uno dei più forti campionati del mondo, basta dargli 10 anni."

Felice in Austria

Per ora, Boyd dice che è felice al Rapid - un club di grande tradizione, che vede come fondamentale per la sua maturazione come calciatore, e dove ha impressionato da subito: indimenticabile un suo gol con doppia "bicicleta" nel match amichevole contro la AS Roma di Zdenek Zeman nell'estate 2012. "Mi sento a mio agio qui. Penso di essere cresciuto, di aver imparato molto,. Ho anche giocato in Europa League," ha detto. "Mi sto godendo l’esperienza, sperando di fare quel passo successivo."

Giocando per una delle due squadre top di Vienna, e per l’unico club austriaco ad aver raggiunto due finali europee, la pressione è forte. La conoscenza di Boyd della Bundesliga austriaca era limitata quando è arrivato dal Borussia Dortmund nel 2012 (non ha mai esordito in Bundesliga, ma ha segnato 20 gol con la squadra riserve nel 2011-12), e dice di essere rimasto sorpreso dalla pressione dell'ambiente. "Non me l'aspettavo, ma poi questo tipo di pressione ti aiuta solo, perché se vuoi arrivare a un campionato più grande, lì ci sarà ancora più pressione", spiega.

Durante la pausa invernale il club della capitale ha ingaggiato l’exdirettore sportivo di Schalke 04 e Hoffenheim Andreas Müller. Il tedesco ha messo subito in piedi una strategia per riportare il Rapid Vienna al suo status dei "top 50” club d’Europa.

"E 'un grande nome quando si tratta di direttori sportivi", ha detto Boyd. "Siamo sulla strada giusta in questo momento. Abbiamo una squadra giovane, stiamo crescendo bene."

Obiettivo immediato dell'americano è però entrare nella rosa dei convocati per i Mondiali,  e aiutare gli Stati Uniti a qualificarsi in un gruppo difficile.

"Da allora in poi, prendi ogni [partita] una per volta", ha detto. "Una volta che siete nella fase a eliminazione diretta, può succedere di tutto."

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT