SPORT
USA, padroni del campo in Austria, ma è sconfitta. Si chiude un bel 2013.
Scritto il 2013-11-20 da Giacomo Costa su Nazionale USA

Non molto fortunata la nazionale di Klinsmann in questo match contro l'Austria. Il tecnico tedesco ha schierato ancora qualche novità viste le assenze; Cameron è tornato in campo da terzino, nel centro della difesa titolare il 20enne Brooks, in mezzo al campo ancora titolari Jones (ancora maluccio) e Bradley con Shea dall'inizio nella fascia sinistra. Titolare anche Aron Johannsson, come trequartista dietro ad Altidore.

Nei primi minuti gli Yanks non sono partiti benissimo, per poi riprendersi fino al goal dell'Austria al 33' firmato da Marc Janko su un cross dalla fascia destra, non benissimo il giovane Brooks, reduce da un infortunio abbastanza pesante. Il centrale dell'Hertha Berlino non è stato reattivo nel calciare fuori la palla dopo il velo di un giocatore austriaco, praticamente l'unica occasione vera e propria concessa in tutto il match.

Prima del goal, però, proteste americane per un goal non convalidato su un colpo di testa di Cameron, le immagini confermano che la palla è entrata.

Reazione dopo il goal austriaco con una buonissima occasione sprecata da Bradley che ha calciato addosso ad un difensore da posizione favorevolissima su un bell'assist di Jozy Altidore. Pochi minuti dopo è lo stesso Altidore a sfiorare il goal del pareggio su calcio d'angolo, palla fuori di pochissimo, situazione favorevole, ma non sfruttata.

La seconda frazione di gioco è stata un dominio a stelle e strisce con picchi di possesso palla pari all'85% ma la sfera non ne ha voluto sapere di entrare nella porta difesa da Almer. Clamorosissima l'occasione capitata sui piedi di Cameron a nemmeno 3 metri dalla porta, miracoloso Almer. Negli ultimi venti minuti è ancora il centravanti del Sunderland Altidore a non sfruttare al meglio una situazione di gioco con un destro centrale da buonissima posizione. Gli austriaci, chiusi nella loro metà campo, ci hanno provato nell'ultima azione del match senza fortuna.

Una sconfitta che non può lasciare contenti, ma che può dare diversi spunti: Cameron da terzino ha reso molto bene, ed è il suo ruolo da titolare nello Stoke City. Altra buona prestazione di Omar Gonzalez, mentre deve ancora crescere il suo partner Brooks (20 anni) che avrà tutto il resto della Bundesliga con l'Hertha dov'è un titolare. Ma anche la mancanza di un centrocampista in grado di dare più qualità. Tutto questo senza scordare le assenze di giocatori molto importanti come Besler, Fabian Johnson, Zusi, Donovan e Dempsey fra gli altri.

Per gli USA si chiude un bellissimo 2013; il primo posto nel girone di qualificazione della CONCACAF con il doppio dei punti del Messico (22 contro 11), la vittoria a Columbus ed il pareggio all'Azteca proprio contro la tricolor (che non vince dal 2011), la Gold Cup conquistata grazie alla rete di Brek Shea nella finale, la 4° dal 2000 ad oggi. 16 vittorie (12 di fila), 4 sconfitte e 3 pareggi il bottino totale, il miglior anno per percentuale di vittorie nella storia della nazionale americana.

Ora appuntamento a gennaio, per il camp a Los Angeles, buona fortuna U.S. men's national team.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT