SPORT
Ufficiale: Orlando in MLS nel 2015. E arriva Kakà
Scritto il 2013-11-20 da Franco Spicciariello su

Dopo 12 anni il calcio professionistico di prima divisione torna in Florida. La Major League Soccer ha infatti annunciato che l'Orlando City SC sarà la 21° franchigia della lega a partire dal 2015.

Il sogno ora è realtà", ha dichiarato il presidente dell'Orlando City Phil Rawlins, in passato coproprietario dello Stoke City in Inghilterra. “Volevamo portare Orlando in MLS, e oggi abbiamo fatto la storia”.

Dopo aver incontrato una serie di ostacoli ad inizio anni, negli ultimi due mesi i Lions hanno risolto tutti i problemi relativi a finanziamento e costruzione del nuovo stadio, che sorgerà a downtown Orlando.

Questo momento è senza prezzo" si è aggiunto l'azionista di maggioranza, l'imprenditore brasiliano Flavio Augusto Da Silva. “Abbiamo il supporto di una vasta base di tifosi, e molti altri ne arriveranno, lo prometto". "Parto per l'Europa giovedì per andare a vedere un giocatore molto famoso che sarà con noi nel 2015".

La transizione in MLS comporterà dei piccoli ritocchi al logo, mentre le nuove maglie - che sostituiranno le attuali della Lotto - saranno realizzate dall'Adidas, che come noto ha un accordo di esclusiva con la MLS. Nome e colori non cambieranno, come già accaduto con altri ingressi recenti quali Seattle e Vancouver.

Rawlins ha anche indicato che gran parte del 2014 verrà dedicato alla costruzione della squadra e a chiudere un accordo per portare il primo Designated Player a Orlando.

Sul fronte stadio, Flavio Augusto Da Silva ha spiegato che la squadra giocherà parte della stagione 2015 al Citrus Bowl in corso di ristrutturazione prima di trasferirsi nel nuovo stadio.

Fondato nel 2010 sulle ceneri degli Austin Aztex trasferiti in Florida da Rawlins, da allora l'Orlando City ha vinto due USL Pro championships, 2011 e 2013, l'ultimo davanti ad oltre 20mila spettatori nell'incredibile finale contro Charlotte a settembre.

Garber: "Miami sarebbe un grande mercato per la MLS"

La presentazione di Orlando è stata ovviamente gestita dal Commissione della MLS, Don Garber, colui che nel 2001 decise la chiusura di Miami Fusion e Tampa Bay Mutiny proprio per salvare la lega, allora in seria difficoltà economica. Da allora la MLS è passata da 10 ai 21 tema del 2015, e crescerà fino a 24 nel 2020.

Garber ha approfittato dell'occasione anche per parlare del possibile ingresso di Miami: “Sono convinto che Miami sarebbe un grandissimo mercato se riuscissimo ad ottenere di costruire uno stadio a Downtown Miami e ad individuare la giusta proprietà. Nonostante abbiamo lasciato quel mercato 10 anni fa, lo scenario oggi sarebbe diverso e di successo".

E l'allineamento tra David Beckham, l'imprenditore boliviano delle telecomunicazioni Marcelo Claure (titolare in patria del Bolivar FC) e la stella NBA LeBron James - con cui l'ex calciatore inglese sta negoziando - sembra proprio ciò che la MLS sta cercando. Inoltre un ritorno di Miami consentirebbe la nascita di una rivalità in Florida con Orlando.

Ci stiamo focalizzando molto sulle rivalità. Abbiamo un secondo team in arrivo a NY nel 2015, ne abbiamo già due a LA e credo che ne avremo due o tre in Florida".

E propro quest'ultima frase è la novità maggiore, visto che lascia prefigurare un possibile ritorno di fiamma per Tampa Bay, anche se dopo Miami in prima fila per entrare negli ultimi due posti disponibili in MLS sino al 2020 ci sono Atlanta, Minneapolis, Detroit e San Antonio.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT