SPORT
CONCACAF Gold Cup 2013 Preview
Scritto il 2013-07-07 da Franco Spicciariello su Concacaf

Prende il via nella notte di domenica, con il match tra Canada e Martinica al Rose Bowl di Pasadena - stadio della finale persa dall'Italia nel 1994 - la Concacaf Gold Cup 2013.

Si parte con il Messico alla ricerca della sua settima Gold Cup, ma Jurgen Klinsmann e gli USA - col rientrante Landon Donvan - sono convinti di poter impedire a El Tri di portare a casa la terza vittoria consecutiva dopo quelle del 2009 e 2011, sempre in finale contro gli americani.

Il campionato centro-nordamericano si gioca ogni due anni, e quest'anno vedrà 12 squadre divise in tre gironi. Ai quarti vanno le prime due di ogni giorne e le due migliori terze. Si gioca negli USA.

"Ci aspettiamo un torneo molto eccitante. Abbiamo potuto vedere nelle qualificazioni mondiali quanto sia competitivo il livello di gioco della nostra regione, e ci aspettiamo di vedere lo stesso in Gold Cup," ha detto il presidente della CONCACAF Jeffrey Webb.

Novità di questa edizione è che la vincitrice affronterà l'eventuale altra vincitrice della Gold Cup 2015 in uno spareggio per partecipare alla  Confederations Cup che si giocherà in Russia nel 2017.

La competizione quest'anno arriva dopo un'intensa serie di match di qualificazione nell'Hexagonal CONCACAF, ora guidato dagli USA, e che vede il Messico un po' in difficoltà e reduce anche dalla Confederations Cup in Brasile, motivo per il quale entrambe le nazionali top della regione hanno deciso di presentarsi con una rosa "sperimentale".

Gli USA saranno infatti privi delle "stelle" europee Michael Bradley (AS Roma), Jozy Altidore (appena passato al Sunderland) e Clint Dempsey (Tottenham Hotspur), ma l'esperienza in campo non mancherà grazie al riento di Donvan, - rimasto fuori squadra dopo alcuni mesi di semi-ritiro dal calcio - del difensore centrale del Malaga (ed ex Milan) Oguchi Onyewu, e del centrocampista del Bolton Stuart Holden. Aggiunta dell'ultimo momento l'ala dello Stoke City Brek Shea (ex FC Dallas) in sostituzione del centrocampista dei norvegesi del Molde, Josh Gatt, infortunato.

Per tutti sarà l'occasione di cercare di conquistarsi un posto in vista dei Mondiali 2014. "Per me è solo un'opportunità, e volgio far bene", ha dichiarato il 31enne attaccante dei Los Angeles Galaxy. "Voglio vincere qui. Per me è la cosa più importante. Se faccio del mio meglio e non è abbastanza, allora non va bene. Speriamo di poter alzare il trofeo a fine mese".

Gli USA scenderanno in campo per la prima martedì al Jeld-Wen Field di Portland contro il Belize, mentre stanotte il messico se la vedrà con Panama dopo lo scontro tra Canada e Martinica sempre al Rose Bowl.

Group A - Canada (88), Martinique (non presente nel ranking FIFA), Messico (20), Panama (51)
Il gruppo A è il più interessante dei tre. Il Messico - che presenta un trio di giovanotti interessanti  e campioni olimpici quali Marco Fabian, Jorge Enriquez e Miguel Ponce - terzino sinistro con passaporto USA - tutti del Chivas Guadalajara) - ha avuto alcuni problemi negli ultimi mesi, e anche in Confederations Cup ha fatto vedere poco. Sulla carta è la Nazionale più forte. Panama nel 2011 ha giocato un'ottima edizione raggiungendo le semifinali, ed è a soli due punti dal Messico nell'Hexagonal.

Sarà quindi dura per il Canada, guidato dal CT ad interim lo scozzese Colin Miller, che ha portato negli Stati Uniti una squadra priva di alcuni "vecchi" come Dwayne DeRosario (DC United) per puntare su un gruppo giovane in vista della ripartenza verso Russia 2018, che sarà guidata dallo spagnolo Benito Floro. Tra i prospect canadesi, da seguire il centrocampista ventenne Russell Teibert, dei Vancouver Whitecaps, e Keven Aleman, stesso ruolo, 19 anni, che milita nel Real Valladolid.

Squadra materasso la Martinica, nemmeno presente nel ranking FIFA, che ha convocato il centravanti dei Portland Timbers  Frédéric Piquionne, 35enne ex West Ham, Lione e Monaco tra gli altri.

Group B - El Salvador (94), Haiti (69), Honduras (55), Trinidad &  Tobago (87)
Unico gruppo senza un favorito chiaro. L' Honduras di Luis Fernando Suarez è certamente più forte degli altri, essendo anche l'unica delle quattro presente nell'Hexagonal. ma, come Messico e USA, arriva alla Gold Cup senza mezza squadra con base in Europa: Maynor Figueroa, Wilson Palacios, Roger Espinoza, Emilio Izaguirre e Jerry Bengtson (New England). L'attenzione quindi sarà tutta per l'ex ala del DC United, oggi all'Anderlecht, il folletto Andy Najar. Ma la forza sarà in difesa, nel duo composto da Mario Martinez e Marvin Chavez, oltre al terzino degli scozzesi dell'Hibernian Jorge Claros.

El Salvador ha mancato l'Hexagonal di poco, mentre nel 2011 è arrivato ai quarti in Gold Cup. La squadra è poco esperta, composta principalmente da club nazionali quali C.D. FAS e Alianza. Punti forti sono il difensore del Chivas USA Steve Purdy, una minaccia di testa, il centrocampista Jaime Alas, e gli attaccanti Rodolfo Zelaya, che con l'Alania Vladikavkaz in Russia ha messo a segno 13 gol in 33 partite, e Rafael Burgos, che milita con gli ungheresi del Kecskeméti

Haiti ha fatto vedere buone cose - con gran partita dell'ala Wilde-Donald Guerrier ora cercato in Europa - contro una pessima Italia nell'amichevole pre-Confederations, e punta sull'interno/ala del PSG Jean Eudes Maurice, e sull'attaccante del Nancy Jeff Louis. Trinidad & Tobago vede ormai lontani gli anni d'oro di Dwight Yorke e Russel Latapy, nonostante sia stato richiamato l'olandese Leo Beenhakker (in panchina con T&T ai Mondiali 2006) ad affiancare Stephen Hart.

Group C - Belize (130), Costarica (39), Cuba (82), Stati Uniti d'America (22)
I padroni di casa, gli USA, sono gli inevitabili favoriti del gruppo, specie dopo aver visto la demolizione del Guatemala 6-0 pochi giorni fa. Il Costarica è stato sinora la sorpresa delle qualificazioni, è secondo nell'Hexagonal davanti al Messico, e non dovrà essere sottovalutato dagli americani, nonostante tre assenze pesanti: il playmaker del Fulham Bryan Ruiz, il mediano dell'Arsenal  Joel Campbell e quello dell'Everton Bryan Oviedo. Il CT Jorge Luis Pinto si affiderà quindi ai difensori il giovane Júnior Díaz, che gioca in Bundesliga nel Mainz, l'esperto Celso Borges (AIK Stoccolma), e al centravanti del Real Salt Lake Álvaro Saborío. E dopo la tempesta di neve di Columbus, Los Ticos vogliono la rivincita con gli USA.

Reduce dalla vittoria in Caribbean Cup, Cuba sino ad oggi ha vinto una sola delle 16 partite giocate nelle precedenti Gold Cup. Tra i suoi giocatori, tutti rigorosamente dilettanti (e ancora una volta ci sarà il rischio di vederne qualcuno scappare negli USA), in evidenza  Ariel Martinez, 27, che ha impessionato alla Caribbean Cup con due gol; Yoel Colomé, miglior difensore tra i suoi, e suo fratello l'attaccante Jaime (50 partite e 10 gol) entrambi del club La Habana. Infine ecco il Belize, all'esordio assoluto in Gold Cup. La squadra è composta tutta da giocatori di casa, eccetto per Elroy Smith e Harrison Róchez, che giocano in Honduras, mentre il centravanti Deon McCaulay a febbraio è stato vicino al passaggio ai Portland Timbers, con cui ha sostenuto un provino. Stella della squadra è il capitano Dalton Eiley, che milita coi campioni del belize del Placencia Assassins. Buona la difesa, che ha subito solo tre gol nella Copa Centroamericana di qualificazione.

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT