SPORT
Tijuana, terra di mezzo tra USA e Messico
Scritto il 2012-02-12 da Franco Spicciariello su MLS

Da tempo si parla di relocation per il Chivas USA, squadra "sorella" del CD Chivas de Guadalajara con cui condivide colori e proprietà (il milionario nel settore food José Vergara), da tempo in crisi di pubblico e di indentità. E prima città candidata per accogliere il team è San Diego, città al confine col Messico, seconda città della California e ottava degli USA per numero di abitanti, quasi 1.4 milioni, di cui un terzo di origine messicana o Latinos.

Ma a San Diego una squadra di calcio già c'è. Solo che gioca nella Primera Divisìon messicana, qualche km più a sud, e per di più rischia di fare concorrenza proprio a Chivas USA e Los Angeles Galaxy. Si tratta del Club Tijuana, team della città principale dello stato messicano della Bassa California e sesta area metropolitana più grande del Messico, con 1.483.992 abitanti. A separarla da San Diego c'è solo la la frontiera con gli Stati Uniti, con la quale nella pratica forma l'area metropolitana di San Diego-Tijuana con una popolazione stimata di quasi 5 milioni di abitanti.

E il Club Tjuana ha colto la possibilità data da un mercato che si appassiona sempre di più al calcio, puntando sempre più su calciatori "Mexican-American" “L'idea base è quella di crescere”, ha dichiarato il direttore sportivo del Club Tijuana Ignacio Palou a MLSsoccer.com. “Abbiamo un piano di lungo termine per raggiungere gli apassionati di calcio di tutta la California meridionale. Ho chiesto ai responsabili del settore giovanile e agli osservatori fi cercare in quella direzione”.

Palou ha stimato in 150 il numero di giovani attualmente presenti nel settore giovanile del Tijuana, il 10% dei quali nati negli USA, in gran parte a San Diego e dintorni. Ma è solo l'inizio. L'attrazione è reciproca. Da una parte un club di prima divisione messicana, il top del nordamerica insieme alla MLS, con ingaggi migliori però. Dall'altra per il club messicano il poter sfruttare un serbatoio che per prossimità lo pone in vantaggio rispetto agli altri club messicani, e che punta su ragazzi che seppur nati all'estero hanno il doppio passaporto e non contano quindi come stranieri.

Non solo. Secondo Palou i ragazzi che arrivano da oltre confine hanno qualcosa in più in termini di mentalità rispetto ai ragazzi messicani. “Abbiamo realizzato che i ragazzi in arrivo dagli USA hanno degli ottimi valori, come Joe,” ha detto riferendosi a Joe Benny Corona, nato a San Diego, titolare del Tijuana venendo nominato top rookie del campionato, e recentemente chiamato dalla Nazionale USA U23.

Corona nel 2009 ha mollato la San Diego State University, e un potenziale ingaggio in MLS attraverso il SuperDraft per andare a sud ed essere arruolato nel settore giovanile del Tijuana.  Il 21enne è probabilmente il calciatore che conosce meglio questo nuovo fenomeno, e condivide pienamente il progetto di Palou di sviluppare il potenziale della SoCal. “Ci sono molti talenti", ha detto recentemente Corona a MLSsoccer.com. “La maggior dei team giovanili sono composti da Latinos, che nella California meridionale sono la maggioranza”.

Corona ha accettato di rispondere alla convocazione da parte della Nazionale messicana U-22 lo scorso settembre, mentre ha dicembre ha deciso di raggiungere in quel di Duisburg (in Germania) il ritiro dell'Under 23 USA guidata dal CT Caleb Porter. Ma su di lui c'è anche l'interesse di El Salvador, patria della madre.

Certo l'idea di vedere giovani americani passare il confine per andare a Tijuana e magari vederli in futuro con la maglia di ElTri non è una prospettiva incoraggiante, anche se Palou è molto diretto nell'affermare che che comunque la scelta è del giocatore e che il club non spinge né in un senso né nell'altro. “Se possono giocare per due Nazionali bene per loro. Se gente quale Herculez Gomez, José Francisco Torres e Edgar Castillo ha quest'opportunità non intendiamo certo negargliela".

Ma non l'obiettivo di sfruttare i talenti californiani non è l'unico per il Club Tijuana, che ha infatti stipulato un accordo con un tour operator che organizza pacchetti-viaggio in charter o pullman con inclusi hotel e partita, che sta permettendo agli Xolos di costruirsi una base di pubblico oltre confine. Ciò dipende anche dall'aspetto geografico. La città di Tijuana è infatti un caso unico in Messico, trovandosi al confine con gli USA e a ben 20 ore di macchina dal più vicino club di Primera División, il Santos Laguna (dove milita l’americano ex Galaxy Herculez Gomez, capocannoniere nel 2010), quando invece Los Angeles dista solo due ore di strada. Questa vicinanza porta migliaia di tifosi in Messico per vedere i match degli Xoloitzcuintles, specie quando affrontano grandi squadre quali Club América, Guadalajara o América.

E dopo aver deciso di investire pesantemente - come dimostrano gli ingaggi del colombiano Dayro Moreno e dell'argentino José Sand - per attirare sempre più i tifosi d'oltre confine, il Club Tijuana ha ingaggiato altri "americani" dopo Corona.

A dicembre - dopo tre settimane di trial - è stato ufficializzato l'ingaggio del difensore Greg Garza, classe 1991, già nel giro dell'Under 20 USA, Garza era sotto contratto con la società brasiliana che gestisce giocatori Traffic Sport, che negli ultimi tre anni lo aveva piazzato ai portoghesi dell'Estoril. Dopo una serie di provini in Scandinavia (Valerenga in Norvegia e Orebro SK in Svezia), a novembre per lui è arrivata la chiamata per il ritiro Under 23 a Duisburg e quello del Tijuana.

A seguire è stato ingaggiato Bryan De la Fuente, centrocampista classe 1992, frutto dell'Academy del Chivas USA con cui ha anche debuttato in MLS contro il Chicago Fire. L'ultimo arrivato (per ora) è invece il 18enne Esteban "Stevie" Rodriguez, un prodotto dello US Residency Program e nazionale Under 17 ai Mondiali di categoria 2011 con il CT colombiano Wilmer Cabrera (oggi assistant coach ai Colorado Rapids). Dopo i Mondiali Rodriguez era volato in California, chiamato dall'Academy dei Cosmos, in seguito chiusa diventando affiliata del settore giovanile del Chivas USA. Per lui probabile inizialment eun ruolo nella suqadra riserve dei messicani, che milita nella terza divisione.

Un altro giovanissimo (17 anni il prossimo marzo) appena ingaggiato è infine Alejandro Guido, anche lui con la Nazionale USA Under 17 agli scorsi mondiali e reduce da un provino con gli olandesi del Vitesse Arnhem iniziato lo scorso agosto e terminato a fine gennaio proprio per l'offerta del Tijuana, dove il ragazzo è cresciuto.

Tanta America quindi appena oltre confine. Chissà che alla MLS non convenga coinvolgere il Tijuana invece di andare a cercare un nuovo posto per il disastrato (e insulso) Chivas USA?

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT