SPORT
De Rosario al Guardian: "Rifiutai il Milan"
Scritto il 2011-12-29 da Franco Spicciariello su MLS
Nonostante un calendario intenso di Premier League, con match di altissimo livello che occupano televisione e giornali, l'importante giornale inglese The Guardian ha deciso di dare spazio ad un'intervista con Dwayne De Rosario, MVP 2011 della MLS - l'unico ad averlo vinto militando addirittura in tre club nella stessa stagione - e protagonista indiscusso della Nazionale canadese, reduce da una delle migliori stagioni della sua carriera. Un'intervista che parte con uno scoop, relativo al rifiuto da parte di DeRo all'offerta di un contratto quinquennale da parte del Milan.
"Io non lo definisco un rimpianto, non mi piace usare questa parola." Ma andiamo indietro nel tempo. A 14 anni al canadese De Rosario è stato offerto un contratto quinquennale dal il Milan (club di cui egli si considera ancora un sostenitore) ma decise di non accettare dopo aver trascorso un po' di tempo a Milano. "Credo che si potrebbe dire che fossi un ragazzo di strada". Ha detto ridendo mentre si ricorda del suo più giovane. "Avevo 14 anni e un contratto di cinque anni sembrava tutta la mia vita. E così la pensai fin quando non tornai e mi resi conto di cosa succede quando si rifiuta qualcosa del genere, perché andersene in giro per strada a cercar guai non è la soluzione".

Invece di avventurarsi verso l'Europa di De Rosario ha iniziato la sua carriera con il Malvern Majors: "Avevamo una squadra molto giovane e di talenti. La maggior parte dei giocatori di quella squadra sarebbe potuta passare al professionismo, ma le circostanze non furono ideali, e ognuno è andato per la sua strada". Non volendo dimenticare le sue radici cita il suo modo di esultare facendo il gallo: "E 'quello che facevamo quando eravamo bambini."

Al giovane De Rosario poteva  forse mancare un po' di "fame", ma oggi a 33 anni, la voglia è più forte che mai al termine di un ottimo 2011. Quando è gli stato chiesto di descrivere la sua stagione la sua risposta è semplice: "Alti e bassi sicuramente." Una valutazione riduttiva considerando che è stato eletto MVP, il  primo a giocare per tre squadre in una stagione. A testimonianza della sua capacità di recupero.

Pochi avrebbero potuto riprendersi in questo modo dopo aver iniziato la styagione a Toronto [con una serie di polemiche nei mesi precedenti, Ed.] per poi passare a New York e lasciarla dopo soloe 13 partite per volare a DC. Lungi dall'essere soddisfatto di come le cose siano andate, De Rosario ricorda il momento in cui gli fu detto che il suo tempo con il club del New Jersey era giunto al termine. "Nel pomeriggio di un lunedi, dopo l'allenamento mi hanno chiamato", ha detto. "Stavo andando a vedere il ritiro del diploma di scuola elementare di mia figlia a Toronto. Il giorno dopo e mi hanno chiamato e ha detto in sostanza: "Abbiamo appena fatto un accordo". "Ed io ci rimasi, risponendo, 'Ero in ufficio, potevate almeno chiamarmi'".

De Rosario aveva da poco versato un acconto per una casa. Si è sentito mancare di rispetto? "Sì al 100%. Come ho già detto, non è il fatto che fossi appena arrivato là. Io credo che nessuno dovrebbe essere trattato in questo modo, soprattutto un ragazzo che ha militato così a lungo nella lega e ha fatto quello che ho fatto io"

In partenza per la capitale della nazione, De Rosario sarebbe tornato a New York solo pochi giorni dopo - questa volta come un giocatore DC United. Con un punto da dimostrare: sceneggiatura scritta e perfettamente eseguita da De Rosario. E' lui infatti a seminare il centrocampista avversario Dax McCarty (ironicamente il giocatore che New York ha preso in cambio) e ad infilare il gol della vittoria dei rossoneri alla Red Bull Arena. E la soddisfazione di DeRo fu chiara nell'esultanza. Il coach del DC Ben Olsen non aveva acquistato un veterano prossimo all'uscita di scena, ma un giocatore con un punto da dimostrare e quattro mesi per farlo.

New York non è l'unica squadra che l'ex De Rosario ha "punito" in questa stagione. Una tripletta contro il Toronto FC al RFK Stadium gli ha però un gusto un po' agrodolce. "C'erano un sacco di emozioni lì. Ovviamente Toronto è la mia città ed è una città che amo. Spiegare quello che ho vissuto lì è difficile. Ho dato il 100% ogni sessione di allenamento e sul campo, nonostante quello che stava succedendo fuori dal campo. Ma giocare per quella società era una sensazione strana".

Come ci si aspetterebbe De Rosario parla molto del suo attuale allenatore, Ben Olsen. C'è un livello di rispetto tra giocatore e coach che si è forgiata negli anni passati a giocare su fronti opposti, sia nella MLS che di Nazionali, a livello giovanile e internazionale. "Ho sempre avuto un grande rispetto per Ben, per la sua tenacia, è uno che non si arrende e lavora sempre duro. E sono ancora più impressionato dal modo in cui è passato dall'essere un giocatore alla panchina in un solo anno".

Alla domanda se si tratta di un passaggio possibile anche per De Rosario, la risposta è senza impegno: per ora la sua attenzione è rivolta la sua carriera da giocatore. Come per il DC United, anche per De Rosario sarà fondamentale puntare sui  giovani, sviluppare la prossima generazione di talenti nordamericani. Ma parla anche della sua passione per l'elaborazione di strategie tattiche. E più si continua a parlare e più il 'forse' comincia a suonare più come 'sì'.

Inevitabile che durante la offseason ci si chieda se De Rosario sarà in grado di mantenere il livello di forma mostrato nel 2011. Non intende porsi obiettivi  specifici per la prossima stagione, ma vuole seguire la lezione di una leggenda del DC come Jaime Moreno e di un un certo centrocampista del Manchester United . "Dopo ogni stagione si dovrebbe guardare a sé stessi e valutare realmente le cose che si sono fatto bene e le cose in cui c'è  bisogno per migliorare", ha detto. "Guardi un tipo come [Ryan] Giggs, uno che pensa molto più veloce del suo avversario e si libera il suo spazio. Ammiro giocatori come che in realtà giocano con il cervello".

Curiosamente il Guardian chiede a De Rosario anche della sua dieta vegana. "Penso che mi aiuti molto nel rimanere al top come giocatore e come persona vedere cosa mangio e cosa metto nel mio corpo. Penso che davvero mi aiuti a dare il meglio per tutti i 90 minuti ".

Per quanto riguarda la prossima stagione i suoi obiettivi sono semplici come spiega: "La cosa principale per me è a livello di squadra è avere successo, per cui qualunque cosa si debba fare per realizzare questo obiettivo sono disposto a farla, e nel mio caso il mio ruolo è mettere la palla nella rete. Ho intenzione di fare del mio meglio per continuare a farlo".

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT