SPORT
De Rosario dà l'addio Toronto per NY
Scritto il 2011-04-01 da Franco Spicciariello su MLS

E' sicuramente il trasferimento shock dell'anno. Era tornato acasa, nella sua Toronto, dopo un peregraniaggio che lo aveva portato in Spagna, a San Jose e poi a Houston. Ma Toronto non si è rivelata per lui quell'isola felice che pensava. Circondato da una squadra mediocre assemblata dallo scozzese Mo Johnston, per lui i playoff sono rimasti una chimera.

Dwayne De Rosario, 32 anni, originario di Scarborough vicino Toronto, era nel secondo anno di quattro del suo contratto con i Reds. Un contratto dal valore di $443,750 per il 2010, assai meno di quanto abbia preso il giocatore più pagato del club, il connazionale Julian de Guzman ($1.717.546), ex Deportivo La Coruna.

Lo scorso settembre De Rosario aveva affermato pubblicamente la propria scontentezza rispetto al suo ingaggio, al punto di arrivare a celebrare un gol contro San Jose mimando la firma di un assegno. Un gesto che era un chiaro messaggio alla dirigenza relativo alla sua volontà di rinegoziare il contratto in essere.

Sono passati vari mesi, ma De Rosario non ha poi certo ammorbidito le proprie istanze, arrivando a dichiarare che sarebbe rimasto fuori senza un nuovo contratto. De Rosario era nell'anno di contratto al termine del quale c’è un’opzione di rinnovo da parte del team, e quindi oltre che più soldi voleva  certezze in caso di eventuale infortunio.

Sono il capitano della squadra, e voglio occuparmi di calcio e solo di calcio“. dice De Rosario. “Allo stesso tempo però debbo preoccuparmi del futuro mio e della mia famiglia. Sono nell’anno di possibile scadenza, e voglio certezze“.

Attualmente Julian De Guzman è il solo designated player della squadra, dopo che il deludente attaccante spagnolo Mista era stato tagliato a fine campionato. E De Rosario era convinto di meritare un contratto da DP (da almeno $500k) e l’aumento che ne conseguirebbe. “Non è tanto quello che voglio, ma quello che penso di meritare”.

Da quando è sbarcato a Houston, nel 2009, dopo i successi di Houston, De Rosario si è affermato quale top player per il TFC, mettendo a segno 31 gol in due anni, aiutando la squadra dell’Ontario a vincere due Canadian club championships (2009 e 2010), venendo nominato MVP del club lo scorso anno.

Fondamentale poi il suo apporto nel 2010, in cui ha segnato 15 dei 33 gol della squadra, mettendosi mostra quale una delle poche note positive di un team che ha fallito la qualificazione ai playoff per il quarto anno consecutivo.

E’ chiaro che c’è del malanimo da parte di De Rosario relativamente alla mancata colontà del club di rinegoziare il contratto. “Credo che se fossero stati motivati lo avrebbero fatto tempo fa” ammette De Rosario.

Paul Mariner, l’ex attaccante della Nazionale inglese - dopo il ritorno del giocatore da Glasgow, al Celtic, cui il TFC ha negato il prestito - appena nominato Direttore Tecnico del team ha dichiarato: “Stiamo cercando di risolvere la cosa“. Ma a quanto pare le cose non sono andate come previste, fino allo scambio che ha portato l'attaccante canadese nella "big apple" in cambio del giovane centrocampista di origini camerunensi Tony Tchani - uno dei migliori rookies prodotti dal Superdraft 2010 - ed il cursore di fascia sudafricano Danleigh Borman, oltre la prima scelta dei Red Bulls nel Superdrat 2012.

Una scelta quella di DeRo, idolo dei Red Patch Boys di Toronto, che ha provocato non poche plemiche nella capitale dell'Ontario.

De Rosario potrebbe immediatamente debuttare con i Red Bulls sabato contro l'ex squadra degli Houston Dynamo.Da vedere ora come il coach di NY, lo svedese Hans Baecke, riuscirà ad armonizzare un trio d'attacco - probabilmente senza eguali in MLS - composto dal francese Thierry Henry, dal giovane nazionale USA Jose Agudelo e dalla stella canadese De Rosario. Dovesse riuscirsi per NY si apreirebbe una strada che va dritta alla MLS Cup.

Articoli Correlati
Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

L'Atlanta United che ha distrutto il Minnseota United per 6-1 è chiaramente la squadra più rappresentata di questo Week 2 MLS Team of the Week. Sono infatti tre i rappresentanti dell'ATLUTD nel top 11 della settimana, a partire dall'ex torinista Josef Martinez autore di una tripletta, seguito dal regista Miguel Almiron e dal terzino sinistro della Nazionale USA Greg Garza, cui si aggiunge "Tata" Martino in panchina. Due invece i calciatori del Chicago Fire, vittorioso sabato sul Real Salt Lake, e sono: Dax McCarty e Johan Kappelhof. Riassumendo: il rientrante Tim Howard (Colorado Rapids) in porta. Linea di difesa a tre con Garza, Johan Kappelhof e Matt Hedges (FC Dallas, cresciuto nel Reading in Inghilterra). Centrocampo con Ignacio Piatti a costruire e Dax McCarty a distruggere, Anibal Godoy e Miguel Almiron (autore anche di una doppietta contro MInnesota). Attacco a tre con lo spagnolo David Villa - doppietta per lui contro il D.C. United - Martinez, e il messicano della Houston Dynamo Erick "Cubo" Torres, al secondo gol stagionale in due partite. In panchina: Jake Gleeson, POR; Nick Lima, SJ; Alex, HOU; Felipe, NY; Sebastian Lletget, LA; Maxi Moralez, NYC; Alberth Elis, HOU. Allenatore: Gerardo "Tata" Martino (ATL)

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT