SPORT
USA, super Kljestan ne fa tre
Scritto il 2009-01-25 da Franco Spicciariello su Nazionale USA

Si è giocato ieri notte all'Home Depot Center di Carson (CA) il primo atto della nuova stagione del soccer USA con il match fra Stati Uniti Svezia, replica di quello dello scorso anno, che ha visto affrontarsi due nazionali composte principalmente da giocatori provenienti dai rispettivi campionati attualmente fermi a seguito della sosta invernale prevista dal calendario nordico. E come l'anno scorso sono gli USA ad uscire vincitori dal confronto - 3-2 il risultato finale -, grazie alla tripletta di Sacha Kljestan, centrocampista del Chivas USA in procinto di trasferirsi al Celtic Glasgow dove è stato in prova fino a venerdì.

L'ormai tradizionale match che gli USA giocano a gennaio - quest'anno al termine di un ritiro finalizzato principalmente ad avere un gruppo già  pronto per le qualificazioni mondiali che partono a febbraio, mentre la MLS riprenderà  solo a marzo - dà  il via ad una stagione cruciale che avrà  i suoi momenti più importanti oltre che nell'Hexagonal di qualificazione nella Confederations Cup e nella Gold Cup.

Il CT degli USA Bob Bradley ha presentato un undici composto da 7 giocatori provenienti dalla Major League Soccer, incluso Kljestan, che proprio Bradley aveva scelto al 5° posto assoluto nel SuperDraft 2006. Con lui in campo anche un altro pupillo del CT, il terzino sinistro Jonathan Bornstein, altra scelta di Bradley nel 2006. Quattro invece gli Yanks Abroad - tutti da campionati scandinavi: l'ex portiere del D.C. United Troy Perkins (Và¥lerenga IF, Norvegia), dalla Danimarca l'ex centrale di difesa di Galaxy e San Jose Earthquakes Danny Califf (FC Miditijland) e l'ex Michael Parkhurst (AGF Aarhus), dalla Svezia infine l'attaccante Charlie Davies (Hammarby IF). Tre gli esordienti della serata: oltre a Perkins – che si candida come terzo dietro Tim Howard e Brad Guzan per i Mondiali - l'ala campione con Columbus Robbie Rogers e il giovane difensore del Real Salt Lake Chris Wingert, entrato nel secondo tempo.

Il CT svedese Lars Lagerbà¤ck, impossibilitato ovviamente ad avere Zlatan Ibrahimovic - impegnato con l'Inter (anche se squalificato) - e Frederick Ljungberg(Seattle Sounders FC) infortunato - a due giorni dal match si è ritrovato anche senza l'attaccante (ex Celtic, Barà§a e Manchester United) Henrik Larsson. Ha dovuto quindi mettere in campo un undici fatto di giovani, con l'esperto regista Daniel Andersson (8 anni in Italia con le maglie di Bari, Venezia, Chievo e Ancona, per poi tornare al Malmචnel 2004) a far da chioccia.

Americani in controllo della partita sin dall'inizio, capaci di dettare il gioco con un Kljestan super, Ricardo Clark (Houston Dynamo) a correre senza sosta, Marvell Wynne (Toronto FC) e Bornstein a spingere - che vuole riprendersi il posto toltogli l'anno scorso da Heath Pearce - e Brian Ching (Houston Dynamo) bravo a far salire i suoi. Il vantaggio degli USA arriva al 16', quando è bravo Kljestan ad infilare un gran calcio da fermo dai 20 metri, piegando le mani al portiere svedese Johan Dahlin. A 5 minuti dalla fine del primo tempo arriva il raddoppio di Kljestan, stavolta su un rigore assegnato dall'arbitro per un fallo subito in area da Marvell Wynne.
USA vs. Svezia 3-2 – Gli highlights di Fox Soccer Channel

All'inizio del secondo tempo Bradley mette dentro al posto di Davies Kenny Cooper, attaccante del FC Dallas cresciuto nel Manchester United e vicecannoniere MLS 2008, ma Cooper si vede poco, venendo anche spesso ripreso da Bradley che lo invita da bordo campo ad una maggiore incisività . E da quanto si è capito sarà  Ching, che seppure senza segnare ha contribuito notevolmente, a guidare l'attacco USA contro il Messico.

Gli svedesi si vedono finalmente al 73', quando ormai era iniziata la girandole delle sostituzione che ha visto l'ingresso in campo di Chris Rolfe al posto del bravo tuttofare John Thorrington (entrambi Chicago Fire), del dei difensori Ugo Ihemelu(Colorado) e Wingert, e del centrocampista Brian Carroll al posto dello spento Rogers. Il gol che accorcia le distanze e di Daniel Nannskog, che di testa infila Perkins. Ma passa solo un minuto e ancora Kljestan va in gol grazie al bel movimento di Ching che dopo un bellissimo aggancio al volo gli appoggia il pallone che vale la tripletta.

Al 77' esce Ching e c'è spazio anche per Eddie Gaven (Columbus), che in nazionale non ha mai fatto vedere pienamente il talent promesso da giovanissimo. Ma la partita sta ormai volgendo al termine, e il gol di testa di Mikael Dahlberg ne segna l'atto finale, seguito solo da un tentativo di Cooper senza risultato.

Eroe della serata quindi il centrocampista di origine serba Sacha Kljestan, primo giocatore Americano a segnare tre gol dopo Aldo “Buff” Donnelli, che ne fece addirittura 4 contro il Messico in un match di qualificazione ai Mondiali d'Italia, quelli del 1934 però! Per la cronaca, era il 24 maggio 1934, e gli USA batterono per 4-2 il Messico allo stadio del PNF di Roma. Asceso alla U.S. Soccer Hall of Fame, in seguito Donnelli si dedicò al football, arrivando poi ad allenare nella NFL Pittsburgh Steelers e Cleveland Rams. Per Kljestan invece il futuro è nel calcio, magari in Scozia con la maglia del Celtic. Il problema è che i $3 milioni offerti dagli scozzesi non sembrano abbastanza per convincere la MLS, e certo la prestazione di ieri costringerà  il team di Gordon Strachan ad alzare di un bel po' l'offerta.

Dal punto di vista delle indicazioni tecniche – in vista del match di qualificazione che gli USA giocheranno contro il Messico il prossimo 11 febbraio nel gelo del Columbus Crew Stadium – a parte Kljestan, assicuratosi il posto da titolare accanto a Michael Bradley (con Clark pronto a subentrare), e Ching, poco altro. Wynne non sembra pronto a prendere il posto dell'esperto Steve Cherundolo e deve lavorare ancora sulla tecnica, visto che a certi livelli la sola velocità  non basta. Segnali positivi oltre che da Perkins e Parkhurst (poco impegnato) da John Thorrington: cresciuto anche lui nel Manchester United, reduce da un'ottima stagione a Chicago, bravo sulla fascia e buono per ogni ruolo, se riesce a mantenersi in salute (i continui infortuni lo hanno spesso frenato) potrebbe essere il nome nuovo in vista dei Mondiali. Deludente invece Cooper, che appare privo di quel carattere necessario a farsi valere negli appuntamenti importanti.

________________________________

Sabato 24 gennaio, 2009 – The Home Depot Center; Carson (CA).
USA vs. Svezia 3-2

Marcatori:
USA - Sacha Kljestan 17
USA - Kljestan (PK) 40
SVE - Daniel Nannskog (Alexander Farnerud) 73
USA - Kljestan (Brian Ching) 74
USA - Mikael Dahlberg (Farnerud) 89

USA: 1-Troy Perkins; 12-Marvell Wynne, 2-Danny Califf (cap.), 4-Michael Parkhurst (3-Ugo Ihemelu, 82), 6-Jonathan Bornstein (15-Chris Wingert, 79); 17-John Thorrington (20-Chris Rolfe, 61), 13-Ricardo Clark, 16-Sacha Kljestan, 30-Robbie Rogers (22-Brian Carroll, 69); 10-Charlie Davies (27-Kenny Cooper, 46), 11-Brian Ching (29-Eddie Gaven, 77)
Non entrati: 18-Jon Busch
CT: Bob Bradley

SVEZIA: 12-Johan Dahlin, 7-Markus Jonsson, 8-Marcus Lindberg, 9-Max von Schlebrà¼gge, 5-Adam Johansson; 10-Andreas Dahl (14-Rasmus Elm, 62), 6-Daniel Andersson (capt.) (13-Martin Ericsson, 71), 20-Gustav Svensson, 16-Samuel Holmén (15-Alexander Farnerud, 62); 11-Mikael Dahlberg, 19-Daniel Nannskog
Subs not used: 1-John Alvbà¥ge, 2-Patrik Anttonen, 3-Rasmus Bengtsson, 4-Mattias Bjà¤rsmyr, , 17-Andreas Johannson, 18-Andreas Landgren, 21-Denni Avdic
CT: Lars Lagerbà¤ck

Ammoniti:
SVE - Daniel Andersson 27'
USA - Danny Califf 59'

Arbitro: Silviu Petrescu (CAN)
Man of the Match: Sacha Kjestan
Spettatori: 9.918

Articoli Correlati
La MLS 2019 è arrivata alla metà della Regular Season, ma guarda già al futuro. Dalla prossima stagione, le franchigie che partecipano al campionato passeranno da 24 a 26, con il debutto dell’Inter Miami di David Beckham e del Nashville SC, poi dal 2021 il numero dovrebbe salire fino a 27 (con l’ingresso di un club di Austin, Texas). L’obiettivo per i prossimi anni è arrivare a 30 squadre iscritte, ma il commissioner Don Garber ha spiegato che l’espansione potrebbe andare oltre i confini degli Stati Uniti. «Solo pochi anni fa», ha spiegato Garber, «la comunità calcistica internazionale riconosceva a stento l’esistenza della Mls. Ora portiamo 22mila persone allo stadio in media per ogni partita, l’ultima nuovo stadio, il Providence Park di Portland, è un fantastico esempio di ciò che la MLS può offrire. Il nostro viaggio continuerà, e dobbiamo essere pronti a cambiare per restare competitivi nel calcio professionistico. Una possibilità potrebbe essere quella di rendere più stretto il rapporto con la Liga MX, il campionato professionistico del Messico. Se fossimo in grado di creare un torneo che metta insieme le due leghe, una sorta di versione nordamericana della Premier League su scala continentale, sarebbe davvero bello». Al di là degli aspetti politici della possibile fusione (quale sarebbe l’eventuale posizione di Trump su questo campionato transnazionale?), l’idea di alimentare il legame tra MLS e lega messicana è già in stadio avanzato: pochi giorni fa, è stata annunciata la creazione della Leagues Cup, una nuova competizione che (a luglio) metterà di fronte quattro squadre della MLS e altrettante della Liga MX in un tabellone tennistico a eliminazione diretta. La prima edizione è stata concepita ad invito, dall’anno prossimo l’accesso sarà stabilito attraverso criteri di merito sportivo. La Leagues Cup è un’evoluzione di un’altra manifestazione che si tiene annualmente, la Campeones Cup, che vede affrontarsi nel mese di settembre i campioni della precedente stagione della Major League Soccer e il vincitore del Campeón de Campeones della Liga MX. Da non dimenticare poi la SuperLiga, torneo andato avanti dal 2007 al 2011 e poi cancellato. In passato, c’è stato un ulteriore - fallimentare - esperimento : il Chivas di Guadalajara aveva iscritto alla MLS il Chivas Usa, “succursale” statunitense del club, con sede a Los Angeles. La squadra si sciolse nel 2014, dopo 10 anni di attività nella MLS e pessimi risultati in campo e sugli spalti.

Calcio - Socceritalia

Zlatan Ibrahimovic diventa il calciatore più pagato della Major League Soccer, il massimo campionato di calcio statunitense. Secondo i dati pubblicati dalla associazione dei giocatori della MLS, l’ingaggio base del bomber svedese dei Los Angeles Galaxy è pari a circa 6,3 milioni di euro, ovverosia 7,2 milioni di dollari senza altri bonus. Sul podio sale l’ex Roma Michael Bradley, oggi ai Toronto Fc, con uno stipendio base di 5,3 milioni di euro (6 milioni di dollari) che sale a 5,7 milioni di euro (6,5 miloni di dollari) grazie ai bonus garantiti (se ad esempio ha un bonus di 10mila euro alla firma, questo, nel calcolo, viene spalmato sugli anni di contratto). Soldi garantiti dalla stessa MLS, visto che i contratti in questione sono firmati con la Lega e non direttamente con le squadre come avviene in Europa. Tanto che sul terzino gradino del podio c’è Giovani dos Santos, attualmente svincolato dopo l’addio ai LA Galaxy, ma con uno stipendio garantito dalla MLS per 5,7 milioni di euro (6,5 milioni di dollari). Nelle prime cinque posizioi anche Jozy Altidore (Toronto Fc, 5,6 milioni di euro) e Carlos Vela (LAFC, 5,5 milioni di euro). Completano la top 10 Bastian Schweinsteiger (Chicago Fire, 4,9 milioni di euro), Alejandro Pozuelo Merelo (Toronto Fc, 3,3 milioni), Wayne Rooney (DC United, 3,1 milioni), Josef Martinez (Atlanta United, 2,7 milioni) e Nani (Orlando City, 2,1 milioni). Dopo l’addio di Sebastian Giovinco, l’unico italiano nella MLS è ora Vito Mannone: l’ex portiere di Atalanta e Arsenal è infatti in prestito al Minnesota dal Reading, con uno stipendio garantito di circa 525mila euro. Lo stipendio medio per i giocatori non designati è salito a 345.867 dollari nel 2019, in crescita del 13,3% rispetto al 2018 e del 150% rispetto al 2014. Right place. Right time. @Ibra_official scores goal No. 1 for the season ???? pic.twitter.com/QE3KYjs7pf— ESPN FC (@ESPNFC) March 3, 2019 Fonte: Calcio & Finanza

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT