SPORT
Gli espansionismi della MLS
Scritto il 2006-11-20 da Franco Spicciariello su

Con la fine del campionato MLS 2006, cresce l'interesse intorno a quello che circonda la crescita della prima lega professionistica calcistica americana costruita secondo seri criteri di business. Notevoli sono le discussioni su forum relative alle possibili expansion cities, cioè quelle città  che in futuro potrebbero diventare parte della MLS.
Major League Soccer, oggi composta da 13 squadre incluso Toronto FC, che ha pianificato un espansione fino a 16 entro il 2010, ma che non esclude un'ulteriore crescita, che però non dovrà  essere scriteriata come quella della NASL (il cui passaggio a 24 squadre del 1978 fu probabilmente fatale) o quella, più recente, della NHL.

Elenco di città  quello che segue che potrebbe diventare interessante tanto più se un giorno, magari non lontano, la MLS dovesse decidere di impiantare una 2nd division oppure integrarsi con la USL, che nel 2007 vedrà  le nuove California Victory (a San Francisco), Carolina Rail Hawks (a Cary, North Carolina) e l'arrivo di una squadra rappresentativa di Bermuda,

Di seguito abbiamo cercato di fare un quadro di tutte le città  di cui, per un motivo o per l'altro si è parlato come di possibili candidate. È chiaro che si è dato spazio più all'aspetto di mercato e di pubblico che a quello tecnico. Ma del resto, siamo nel mondo del calcio business, e per certi versi su questo il soccer USA, la MLS, è probabilmente persino più avanti della calcistica Europa.

Atlanta (GA)

I numeri della città  ci sono, ma i risultati di pubblico dei Silverbacks (USL), la storia (i Chiefs e gli Apollos, nella NASL, oscillavano tra i 4.000 e gli 8.000 di media spettatori) e la popolazione, non incoraggia. Ma Atlanta è considerata la NY del sud, la città  a maggior crescita. Se la MLS decidesse di sbarcare, lo farà  alla grande. A cominciare dallo stadio adatto alla MLS, che per ora manca. Quello delle Atlanta Beat, l'Herndon Stadium è troppo piccolo e non è abbastanza moderno. Però c'è il progetto, che vede al centro i Silverbacks, in un enorme centro sportivo con oggi il piccolo RE/MAX Greater Atlanta Stadium (2.500 posti) e nel 2007 un altro SSS da 20.000, che sembra destinato a portare Atlanta nella MLS.
Certo, per il soccer sfondare ad Atlanta non sarà  facile, vista la concorrenza di Braves, Falcons, Hawks, Thrashers, University of Georgia, Georgia Tech e NASCAR. Ma la MLS vuol scendere a sud di Washington, e farà  di tutto per riuscirci.

Austin (TX)

Con già  due team in Texas, la MLS non ha alcuna intenzione di espandersi ulteriormente nello stato della stella, come anche Garber ha già  dichiarato.

Cleveland (OH)

Garber, il Commissioner della MLS, la considera front runner nell'espansione che andrà  avanti fino al 2010, e da tempo è infatti in trattative con Burnham e Paul A. Garofolo, presidente e C.E.O. del Wolstein Sports and Entertainment Group, LLC, che ad agosto ha presentato la domanda per costruire un soccer specific stadium.
Nella NASL del 1968, si presentarono in media in 6.157 per vedere giocare i Cleveland Stokers, che però fallirono a fine stagione. La città  da allora è cambiata, e anche i tifosi, oggi molto più passionali, come abbiamo potuto vedere la scorsa estate, quando si presentarono in oltre 30.000 al Cleveland Browns stadium per vedere un'amichevole della Nazionale contro il Venezuela. Un sondaggio su BigSoccer.com dà  Forest City o Force come possibile nome scelto dai tifosi, mentre al terzo c'è il vecchio Stokers.

Detroit (MI)

Numeri, etnia (molto europea nei suburbs) e passione ci sarebbero. Ci sono anche i precedenti nella NASL con Detroit Cougars (5.700 spettatori di media nel 1967, primo anno di calcio, 4.266 nel 1968) e Detroit Express (12.1994 nel 1978, 14.058 nel 1979, 11.198 nel 1979). D'accordo poi sulla rivalità  con Chicago e Columbus (e Cleveland). Ci sono nella PDL i Michigan Bucks, ma dietro di loro ci sono molti investitori, tifosi e media che spingono perché Detroit, secondo mercato nazionale privo di una squadra MLS, entri nella lega. MLSDetroit.com

Miami (FL)

La MLS a Miami, anzi in Florida visto che ha fallito anche a Tampa Bay, ci ha già  provato. Ma i pessimi risultati di pubblico hanno costretto la lega a chiudere i Miami Fusion, anche a causa dei disastri causati dal pessimo proprietario, Ken Horowitz. Le scarse presenze per ammirare le gesta di Romario e Zinho con la maglia del Miami FC nella USL 1st, come del resto nella NASL ai tempi di Miami Gatos e Miami Toros (mai oltre i 4.000 spettatori a partita) lasciano pensare che per il soccer a Miami ci sia ben poco spazio. I latinos locali amano il baseball.

Philadelphia (PA)

Philadelphia è insieme ad Atlanta e Detroit il mercato più importante che manca alla MLS. Purtroppo la Rowan University, con cui la MLS aveva costruito un piano per portare il soccer professionistico nel mercato di Philadelphia (seppur con una squadra basata nel sud del New Jersey) non è stata in grado di supportare l'investimento previsto ai fini della costruzione di un SSS nel proprio campus, ma Garber insiste su Philly. Molte le trattative in corso, tutte però legate alla possibilità  di costruire uno stadio.
Nel calcio professionistico, i primi a Philadelphia furono gli Spartans, nel 1967 (5.261 di media), ma chiusero subito. Nel 1973 arrivarono i Philadelphia Atoms, che vinsero il Soccer Bowl con una squadra di quasi soli americani (raro ai tempi), e con il record di spettatori della lega di quell'anno, 11.501. Ma anche l'avventura degli Atoms si chiuse. Era il 1977. Nel 1978, dalle ceneri degli Atoms, nascono i Philadelphia Fury, ma durano solo tre anni e mai portano più di 8.000 persone allo stadio. Ma il mercato c'è, e la MLS lo vuole. Philly Soccer

Millwakee (WI)

Il soccer ha buoni precedenti (per successi) a Millwakee: i Milwaukee Rampage hanno vinto due volte la A-League, ma sono falliti nel 2002 per lo scarso pubblico (sotto i 4.000), sostituiti dai Milwaukee Wave United, andati anche peggio nella United Soccer Leagues 1st. Allo stesso tempo, sempre a Milwaukee giocano i Millwakee Wave, la squadra con più successi negli USA nella storia del soccer indoor, sempre presenti dalla stagione 1984/85, che portano fino a 7.000 spettatori a partita.
In città  stanno lavorando alacremente per far arrivare la MLS. Sembra che Peter Wilt (già  GM di Milwaukee Wave e Chicago Power nell'indoor, dei Minnesota Thunder nella A-League e dei Chicago Fire nella Major League Soccer), che lo scorso anno ha accettato il posto di CEO del Milwaukee Professional Soccer, stia per ottenere il via alla costruzione di un SSS da 20.000 posti, con il progetto di ottenere una franchigia a partire dal 2008. E se lo stadio si farà , Garber gli ha detto che la MLS arriverà . Millwakee Pro Soccer

Minneapolis (MN)

Quello dei Minnesota Kicks della NASL fu un fenomeno impressionante. Più di 23.000 spetttatori alla nascita, nel 1976, più di 32.000 nel 1977, ancora 30.000 nel 1978, scendendo poi fino a i 16.000 nel 1981, anno del fallimento. Numeri unici, Cosmos a parte. Oggi ci sono i Minnesota Thunder, che veleggiano sotto i 4.000 a partita. Quella formula magica di fine anni '70 sembra smarrita. Qualche rumour sulla proprietà  dei Thunder che punta alla MLS è uscito, ma di stadi non c'è notizia, e da parte di Garber il silenzio su Minneapolis è totale.

Montreal (Quebec, CA)

I primi furono i Montreal Olympique, nel periodo 1971-73, con mai più di 4.000 spettatori a partita. Ma poi la NASL è cresciuta, e anche il pubblico della francofona Montreal, che con la nascita dei Manic nel 1981 e 1982 si presenta in oltre 22.000 di media. Nel 1983, il crollo. Quelli erano anni in cui l'indipendentismo del Quebec era in grande ascesa, ma qualche furbo dirigente decise di ripetere l'operazione (fallimentare) del Team USA, facendo diventare i Manic una sorta di Team Canada. E così allo stadio, sempre in media, ci andarono solo in 7.910, e fu il fallimento. Nella USL 1st di oggi, Montreal ha il pubblico top dal 2003, dopo un pallido inizio, con quasi 12.000 spettatori a partita per gli Impact. In Canada, la Maple Leafe Ent. ha l'esclusiva, con il Toronto FC, garantita dalla MLS, che scade però nel 2009. E, su spinta anche della Canadian Soccer Association, è assai probabile che la seconda città  canadese nella MLS, sarà  Montreal (anche se la Bank of Montreal ha acquistato i naming rights per lo stadio di Toronto!).

New York (NY)

Di una seconda squadra nell'area di New York (e non nel NJ com i Red Bulls) si parla da quando la Red Bull ha acquistato i MetroStars. Si è persino ipotizzato l'uso dello Shea Stadium, ovviamente ristrutturato per il calcio. Del resto la rivalità  tra Galaxy e Chivas USA sta funzionando a Los Angeles, e chissà  che non si possa trovare facilmente a NY qualcuno che non ha simpatia per una società  che sul nome della Grande Mela ha messo quello di una bibita energetica. Purtroppo il brand dei Cosmos è inutilizzabile (l'attuale detentore Pinton, vuole $2 milioni!), ma certo sarebbe un'operazione interessante. Sembra infine che l'inglese AJX Media, società  che si occupa di calcio e business, stia lavorando per portare una nuova franchigia, il New York City FC prima nella USL dal prossimo anno e poi, dal 2011, nella MLS.

Oklahoma City (OK)

A Oklahoma City non ci sono precedenti per il calcio professionistico. In passato si è parlato di un coinvolgimento della Express Sports e del possible utilizzo, temporaneo, del Wantland Stadium, 10.000 posti, di proprietà  della University of Central Oklahoma. Ma non sembra che vi sia spazio per possibili sviluppi.

Ottawa (Ontario, CA)

Capitale e seconda città  per abitanti del Canada, nonostante un bello stadio da 30.000 posti, che ospiterà  anche partite del Mondiale Under 20 2007, non esistono praticamente speranze per la capitale canadese di accedere alla MLS. Si aggiungano i non buonissimi risultati di pubblico della NHL, una tradizione calcistica locale inesistente, e la precedenza per Montreal. Risultato: no.

Portland (OR)

Soprannominata "soccer city", la città  ha attualmente solo un team che gioca nella USl 1st Division, i Portland Timbers, che ogni settimana hanno circa 6.000 anime fedeli sedute sugli spalti. Nella NASL la franchigia aveva lo stesso nome, e nel 1976 portava più di 20.000 persone a partita. La passione della città  e il potenziale pubblico quindi ci sono, come anche le basi, a livello di college dalla presenza della University of Portland. La città  è nel mirino di Garber, e la vecchia rivalità  con Seattle e Vancouver, simbolizzata dalla Cascadia Cup, aiuta a mantenercela. Ci sarebbe anche lo stadio, PGE Park (19.000 posti), pronto e solo da riconvertire, ma la mancanza di investitori dalle giuste possibilità , il disinteresse degli sponsor, e il rischio di veder morire i Timbers in caso di passaggio alla MLS, sembrano impedimenti insuperabili.

Rochester (NY)

Ex casa dei Lancers nella NASL (tra i 5.000 e gli 8.000 di media dal 1970 al 1980) e oggi dei Raging Rhinos nella USL 1st (sempre sopra i 10.000 dal 1997 ad oggi), hanno anche recentemente (3 giugno 2006) inaugurato un nuovo stadio, il PaeTec Park, da 15.000 posti, ampliabile. Ci sarebbe anche la formazione base e il derby pronto con Toronto FC (250 km soli di distanza). Contro: il mercato in termini di TV di Rochester è sceso al 79° posto negli ultimi 12 mesi, dietro persino a Omaha, Sposane e Springfield (Missouri); popolazione in calo e, fondamentale, i proprietari non hanno intenzione di svenarsi per l'entrance fee.

San Antonio (TX)

Nel 2004 si era parlato molto della possibilità  che San Antonio potesse entrare nella MLS, anche grazie al ruolo svolto dall'ex sindaco Ed Garza, e pare che ra città  e MLS fosse stato raggiunto un accordo per portare una franchigia a San Antonio. Ma l'elezione di un nuovo sindaco, che ha subito affermato di voler ridiscutere l'accordo con la MLS, ha portato Garber ha stracciare l'accordo stesso e a trasferire i San Jose Earthquakes sempre in Texas, ma a Houston. Come per Austin, e visto anche il clima politico, è altamente improbabile che San Antonio finisca sulla mappa della MLS.

San Diego (CA)

I San Diego Toros nel 1968 portavano solo 4.245 spettatori a partita. I Jaws nel 1976 già  meglio: 6.152. Nel 1978 tocca invece ai Sockers di Hugo Sanchez, che passano da 5.000 a quasi 15.000 spettatori a partita, nel 1982. Ma era la NASL.
Più recentemente, la Soccer United Marketing, braccio commerciale della MLS, ha organizzato alcune partite di grande successo a San Diego, grazie in particolare al pubblico dei latinos, ma dopo l'occasione persa con i Chivas USA, con Vergara che ha preferito Los Angeles, e addirittura il fallimento (momentaneo) dei Sockers nella MISL (indoor), sembra difficile immaginare un team nel sud estremo della California. Ma San Diego, col suo bacino, rimane in piedi come possibile opzione.

San Jose (CA)

La MLS ha un accordo di esclusiva per tre anni con Lew Wolff e John Fisher, proprietari degli Oakland Athletics, per riportare il soccer nella Bay Area. Gli Earthquakes, trasferitisi in blocco a Houston lo scorso anno, e con due MLS Cup alle spalle, potrebbero tornare già  nel 2008, essendo stati approvati i piani per un SSS a Freemont (CA), dove gli Earthquakes giocheranno in condominio con gli A's. Per tenersi aggiornati, c'è anche una newsletter: San Jose Earthquakes

St. Louis (MO)

Anche St. Louis è considerata da Garber una front runner per le prossime espansioni. Esistono già  dei piani per un stadio di calcio adeguato. Del resto St. Louis è una città  storica per il soccer. Da lì provenivano molti dei membri della Nazionale che ai Mondiali del 1950 batté i Maestri inglesi. St. Louis è stata nella NASL dalle origini, 1967, con i St. Louis Stars (7.607 spettatori di media, crollo sotto i 3.000 nel 1969, ma nel 1972 è addirittura prima, con oltre 7.700 a partita, fino a più di 9.000 nel 1979), fino al '79. Nella MISL gli Steamers hanno sempre avuto un notevole pubblico (5.675 di media nel 2005/06), nonostante lo stop delle attività  di quest'anno. Vedremo.

Seattle (WA)

Quella di Seattle è una vicenda controversa. Franchigia storica, competeva con i Cosmos per il Soccer Bowl, e dal grande pubblico (nel periodo 1976 - 1980 fino a 24.000 a partita), in questi anni di USL sembra essersi persa, nonostante la vittoria della 1st division 2005. Il mercato del nordovest è quello che veramente manca alla MLS, e Garber ci tiene. Da anni sono in cortso trattative con Adrian Hanauer, proprietario degli attuali Sounders, ma questi non pare disponibile a pagare l'expansion fee, come dichiarato anche a noi in un'intervista di alcuni mesi fa. Gli ultimi rumors sembrano portare i Sounders in provincia, a Kitsap, con nuovi investitori pronti per lanciare la MLS a Seattle, nuovo stadio incluso. La speranza è che, almeno per il 2010, “the emerald city ” possa farcela.

Vancouver (British Columbia, CA)

I Vancouver Whitecaps sono la squadra canadese con più tradizione. Presenti già  nella NASL, vinsero anche un Soccer Bowl nel 1979 contro Tampa Bay, portando allo stadio fino a quasi 30.000 spettatori a partita nel 1983. Quest'anno i Whitecaps hanno vinto la USL 1st, dove militano dal 2001, ma i numeri sono ben più bassi, intorno ai 5.000 a partita. Attualmente i Whitecaps giocano al Swangard Stadium (15.000 posti), che però dal 2009 sarà  sostituito dal nuovo Whitecaps Waterfront Stadium, anche questo da 15.000 posti ma espandibile fino a 30.000.
Il problema Vancouver è che alla proprietà , come affermato recentemente dal GM Lenarduzzi, la MLS non interessa. La società  punta più ad un rafforzamento della USL per valutare in futuro possibili collaborazioni tra le due leghe.

Articoli Correlati
Possibile la scelta di altre quattro candidate già entro il 2017, che potrebbero diventare cinque se nel frattempo Miami dovesse saltare Continua l'expansion della MLS, che nel 2018 salirà a quota 23 squadre con l'ingresso del LAFC, il Los Angeles Football Club. Lo ha confermato il commissioner della lega, Don Garber, che che ha dichiarato che "nessuno si aggiungerà al LAFC nel 2018, che quindi entrerà da solo". La notizia arriva a conferma delle sempre maggiori difficoltà per il gruppo guidato da David Beckham di riuscire a lanciare un team a Miami, bloccato dalla questione stadio che sembra senza sbocchi al momento. Inoltre, si susseguono voci che nella stessa MLS l'interesse per il team di Beckham, che verserebbe solo 25 milioni grazie al suo accordo dei tempi del trasferimento negli USA in un momento in cui un expansion team vale fino a $200 milioni. E' saltata invece la possibilità di vedere Sacramento quale back up immediato, che da molti era visto come possibile. “Entro la fine dell'anno prenderemo una decisione sui team 25 e 26" (Miami sarebbe la numero 24, NdR), ha aggiunto Garber. "E' anche possibile che decideremo i team 27 e 28 nello stesso momento, anche se non è quello il piano. Sabato scorso ero ad Austin per incontrare la U.S. Conference of Mayors. La metà dei sindaci presenti o aveva un team MLS in città o erano candidati all'espansione. C'è un enorme interesse da parte delle 12 città candidate. La tempistica è stretta ma siamo in linea”. Ecco il quadro delle candidate: Charlotte Proprietà: Marcus Smith, presidente e CEO della Speedway Motorsports, Inc. Stadio: Demolizione del Memorial Stadium, sostituito da un impianto da 20,000 posti per una spesa di $175 milioni. Situazione: Lo stadio, come spesso capita, è il problema principale. L'aspetto positivo è la crescita continua dell'area e la necessità per la MLS di espandersi a sud, dove c'è la sola ATlanta (la Florida non è culturalmente considerata nel South degli USA). Cincinnati Proprietà: Carl H. Lindner III, co-CEO dell'American Financial Group, proprietario del FC Cincinnati Stadio: La squadra attualmente gioca presso il Nippert Stadium della University of Cincinnati, ma vuole costruirsi il proprio impianto . Situazione: L'FC Cincinnati sta avendo un successo incredibile a livello USL (Division II), con una media spettatori di ben 17mila a partita nel 2016! Ma dove costruire lo stadio nuovo è ancora un mistero, mentre i soldi della proprietà non sono un problema. Detroit Proprietà: Dan Gilbert, proprietariod dei  Cleveland Cavaliers, fondatore e chairman di Quicken Loans, Inc.; Tom Gores, proprietario dei Detroit Pistons, founder, chairman e CEO ei Platinum Equity. Stadio: Gilbert e Gores stanno proponendo un piano di sviluppo immobiliare del valore di $1 miliardo per l'area del carcere della Wayne County, che vedrebbe anche uno stadio da 23mila posti del valore di $250 milioni. Situazione: Detroit è lobiettivo Midwest della MLS. Tra tutte le candidate infatti, solo Phoenix presenta un'area metropolitana più grande. Inoltre, l'esperienza nello sport di Gores e Gilbert è una garanzia per la lega. Indianapolis Proprietà: Ersal Ozdemir, fondatore e CEO del Keystone Realty Group, proprietario del team NASL Indy Eleven; Mickey Maurer, chairman della National Bank of Indianapolis e dell'IBJ Corp; Jeff Laborsky, president e CEO di Heritage; Mark Elwood, CEO di Elwood Staffing; Andy Mohr, fondatore e proprietario del Mohr Auto Group. Stadio: C'è una proposta per costruire uno stadio da $100 milioni a downtown, vicino al Lucas Oil Stadium. Situazione: L'Indy Eleven è stato un successo in campo e fuori nella NASL. Cera qualche dubbio sulla proprietà, ma con i nuovi investitori aggiuntisi i problemi sono stati risolti. E' da capire se arriveranno finanziamenti pubblici per lo stadio. La proposta di Detroit Nashville Proprietà: John Ingram, chairman dell'Ingram Industries, Inc.; Bill Hagerty, ex commissioner of Economic Development for Tennessee. Stadio: Mancano i dettagli. Si parla di un'area vicino Nashville Fairgrounds per uno stadio da 25mila posti. Situazione: La proprietà è ricca, e la città ha sempre risposto bene agli appuntamenti calcistici. Ma servono più dettagli sullo stadio e Ingram deve convincere la MLS che l'expansdion può funzionare in un mercato tutto sommato piccolo come Nashville. Phoenix Proprietà: Berke Bakay, governatore, Phoenix Rising FC, CEO, Kona Grill; Brett Johnson, co-chairman del Phoenix Rising FC, CEO di Benevolent Capital; Mark Detmer, board member, Phoenix Rising FC, managing director, JLL; Tim Riester, board member, Phoenix Rising FC, CEO, RIESTER; David Rappaport, board member, Phoenix Rising FC, partner, Manatt, Phelps & Phillips, LLP. Stadio: Il piano è per uno stadio con aria condizionata su un'area già opzionata. Situazione: Phoenix è la città più grande tra le candidate, e l'avere l'esperienza in USL e un'area pronta per lo stadio è un vantaggio. Area che includerebbe anche Academy e una tramvia. Da segnalare però che non sembra esserci grande entusiasmo nel pubblico. Raleigh/Durham Proprietà: Steve Malik, chairman e proprietario del North Carolina FC. Stadio: Malik ha identificato tre aree per uno stadio da 20mila posti. Situazione: Il calcio è nell'area dal 2006, tra NASL e altro. Malik, imprenditore nella sanità, ha acquistato il North Carolina FC (gli ex Carolina RailHawks) nel 2016. Come Charlotte, consentirebbe alla MLS di espandersi geograficamente, ma è da capire se un'area così piccola è in grado di reggere un altro team professionistico oltre ai Carolina Hurricanes della NHL. Sacramento Proprietà: Kevin Nagle, chairman e CEO, Sac Soccer & Entertainment Holdings, e azionista di minoranza dei Sacramento Kings; Meg Whitman, investitore, Sac Soccer & Entertainment Holdings, e CEO di Hewlett Packard Enterprise; Jed York, proprietario e CEO dei San Francisco 49ers. Stadium: Il piano per uno stadio a downtown è già stato approvato dalla città. Overview: il Sacramento Republic FC esiste dal 2012 nella USL, e da allora è stato un successo di pubblico e tecnico. C'è purtroppo qualche frizione tra SRFC e Sac Soccer & Entertainment Holdings (l'entità legale che ha lanciato la proposta alla MLS) e che rischia di creare problemi- Per Sacramento il rischio, se tutto non sarà chiarito, arriva da San Diego. Il rendering dello stadio proposto dall'expansion team di San Diego, sull'area del Qualcomm Stadium degli ex San Diego Chargers. St. Louis Proprietà: Paul Edgerley, senior advisor di Bain Capital, managing director di VantEdge Partners, azionista dei Boston Celtics; Terry Matlack, managing director di Tortoise Capital, partner di VantEdge Partners; Jim Kavanaugh, CEO di World Wide Technology, fondatore del Saint Louis FC; Dave Peacock, ex presidente di Anheuser-Busch Inc., chairman della St. Louis Sports Commission. Stadio: Si puta ad uno stadio da 20,000 posti vicino a Union Station. Situazione: St. Louis è la culla del soccer USA, e con l'addio alla città da parte dei Rams della NFL (volati a Los Angeles) lo spazio di crescita del calcio sembra notevole. La proprietà è di alto livello, ma lo stadio è ancora un punto interrogativo, con riferimento al finanziamento, e si aspetta il risultato di un referendum sul tema ad aprile prossimo. San Antonio Proprietà: Spurs Sports & Entertainment Stadio: Il team già gioca in un "soccer specific stadium" da 8.000 posti, espandibile a 18mila. Situazione: San Antonio ha alle spalle una proprietà con grande esperienza nello sport business, come dimostra il successo dei San Antonio Spurs. L'avere uno stadio espandibile è certo un plus, anche se il contro è che si trova a 20km dalla città, che per assurdo lo pone vicino ad un altro mercato di interesse per la MLS quale Austin. Ma è da comprendere se la MLS davvero vuole un altro team in Texas accanto a FC Dallas (che bene non va dal punto fi vista del pubblico) e Houston Dynamo. San Diego Proprietà: Mike Stone, fondatore di FS Investors; Peter Seidler, AD dei San Diego Padres; Massih e Masood Tayebi, co-fondatori del Bridgewest Group; Steve Altman, ex presidente di Qualcomm; Juan Carlos Rodriguez, imprenditore del mondo media. Stadio: La proposta è per uno stadio da 30mila posti da condividere con la San Diego State University, sulla stessa area dell'attuale Qualcomm Stadium. Situazione: Garber sembra puntarci, e l'addio dei Chargers della NFL (anche loro a LA) è un vantaggio come per St. Louis. Il piano per lo stadio sembra solido anche politicamente anche se la vicinanza con il Club Tijuana situato a pochi km (34) oltre confine potrebbe essere un problema. Nel 2018 in MLS sbarcherà il LAFC, che si affiancherà a LA Galaxy, San Jose Earthquakes e probabilmente Sacramento. Sarà da capire se la MLS vorrà avere ben 5 squadre californiane in campo. Tampa/St. Petersburg Ownership: Bill Edwards, proprietario dei Tampa Bay Rowdies (USL). Stadium: Il piano vede un investimento da $80 milioni per l'espansione dell'Al Lang Stadium dagli attuali 7.200 a 18.000. Overview: L'area di Tampa/St. Pete è il più grosso mercato televisivo (in America conta eccome) attualmente privo di un team MLS. Il piano per lo stadio è pronto, approvato e finanziato. L'ingresso di un nome storico del soccer USA (i Rowdies di Rodney Marsh erano gli avversari più acerrimi dei NY Cosmos di Chinaglia e Beckenbauer negli anni '70) e l'eventuale rivalità con Orlando rendono attraente la scelta per la lega, cui ancora brucia la chiusura del Tampa Bay Mutiny di Carlos Valderrama decisa 15 anni fa.

Calcio - Socceritalia

Il livello di calcio che si vede in campo non sarà forse al pari delle top leagues europee, ma quando si parla di social media, i team MLS non conosco rivali. Un esempio? LA Galaxy e Portland Timbers si sono affrontate domenica notte allo StubHub Center di Carson (California), col team guidato da Caleb Porter uscito vittorioso 1-0 in trasferta. Ad un certo punto del match è accaduto che il difensore dei LA Galaxy Jelle Van Damme abbia provato ad intervenire su un pallone conteso con il colombiano Diego Chara. Da quanto si è potuto vedere in TV, tra i due non c'è stato alcun contatto, nonostante un notevole volo in terra di Chara. Simulazione quindi, ma l'arbitro ha deciso di presentare a Van Damme il primo cartellino giallo, cui tre minuti dopo ne è seguito un altro (stavolta colpa sua) lasciando così LA in 10. A quel punto, il social media team dei Galaxyy è... entrato in campo. are we doing this right? ☄️ #shootingstars #memes pic.twitter.com/8wds3Wnop8 — LA Galaxy (@LAGalaxy) March 13, 2017 Non male anche la reazione di Van Damme via Twitter ✌

Calcio - Socceritalia

Meno di un mese e si riparte con il campionato di calcio di Serie A. Il via preliminare alla nuova stagione è stato dato ieri all’Expo di Milano con la definizione del calendario della Serie A 2015/2016. Nel campionato che sta per partire ricomincia la caccia alla Juventus campione in carica, e allo stesso tempo si dà il benvenuto alle tre neopromosse tra le quali c’è un gradito ritorno, quello del Bologna, e due debutti assoluti nella massima serie, quelli di Carpi e Frosinone. Il via al campionato è fissato per il 22 agosto, mentre l’ultima giornata è in programma il 15 maggio 2016. Partenza col botto per la nuova Serie A con Fiorentina-Milan alla prima giornata, Roma-Juve alla seconda, Inter-Milan alla terza e Napoli-Lazio alla quarta. Match clou L’inizio del campionato è infarcito di big match con l’incontro tra Juventus e Roma, prima e seconda dello scorso campionato, che andrà in scena all’Olimpico già alla seconda giornata. La sfida tra Napoli e Lazio, decisiva a fine campionato per andare ai preliminari di Champions, è in programma alla 4° giornata. Napoli-Juventus si giocherà alla 6° giornata, mentre nel turno successivo la squadra di Sarri andrà a San Siro per Milan-Napoli. Il derby d’Italia, Inter-Juventus, va in scena all’8° giornata, mentre alla 9° c’è Fiorentina-Roma. La sfida tra Juve e Milan è in programma alla 13°, con alla 14° uno stuzzicante Napoli-Inter. Chiusura ad alta tensione con l’ultima giornata, la 19°, che propone Roma-Milan e Fiorentina-Lazio. Derby Nemmeno le stracittadine, cinque in tutto quest’anno nel massimo campionato di calcio, dovranno aspettare più di tanto per animare le città di Milano, Roma, Torino, Genova e Verona. Il primo derby in programma è quello della Madonnina, con Inter-Milan in programma alla 3° giornata. Alla 7° si gioca Chievo-Verona, mentre all’11° giornata sarà la volta del derby della Mole tra Juventus e Torino. Nel turno successivo, 12° giornata, occhi puntati sull’Olimpico per Roma-Lazio. La serie di derby è chiusa da quello della Lanterna, Genoa- Sampdoria, in programma alla 18° giornata.

Calcio - Comunicablog

SOCCERITALIA
SPORT